Ladies in a state of Nature, stark naked

“Ladies in a state of Nature; that is, in plain English, stark naked”

Ladies in a state of Nature; stark naked
Ladies in a state of Nature; stark naked

James, Bishop of Nisibis, in the fourth century, was a man of great holiness. We are told by Thedoret that once, when James had newly come into Persia, it was vouchsafed to him to perform a miracle under the following circumstances: He chanced to pass by a fountain where young women were washing their linen, and, his modesty being profoundly shocked by the exposure involved in this occupation, he cursed the fountain, which instantly dried up, and he changed the hair of the girls from black to a sandy color. (Jortin, Remarks on Ecclesiastical History, vol. iii, p. 4).

 

Procopius, writing in the sixth century after Christ, and narrating how the Empress Theodora, in early life, would often appear almost naked before the public in the theatre, adds that she would willingly have appeared altogether nude, but that “no woman is allowed to expose herself altogether, unless she wears at least short drawers over the lower part of the abdomen.” Chrysostom mentions, at the end of the fourth century, that Arcadius attempted to put down the August festival (Majuma), during which women appeared naked in the theatres, or swimming in large baths.

 

In mediæval days, “ladies, at all events, as represented by the poets, were not, on the whole, very prudish. Meleranz surprised a lady who was taking a bath under a lime tree; the bath was covered with samite, and by it was a magnificent ivory bed, surrounded by tapestries representing the history of Paris and Helen, the destruction of Troy, the adventures of Æneas, etc.

As Meleranz rides by, the lady’s waiting-maids run away; she herself, however, with quick decision, raises the samite which covers the tub, and orders him to wait on her in place of the maids. He brings her shift and mantle, and shoes, and then stands aside till she is dressed; when she has placed herself on the bed, she calls him back and commands him to drive away the flies while she sleeps. Strange to say, the men are represented as more modest than the women. When two maidens prepared a bath for Parzival, and proposed to bathe him, according to custom, the inexperienced young knight was shy, and would not enter the bath until they had gone; on another occasion, he jumped quickly into bed when the maidens entered the room. When Wolfdieterich was about to undress, he had to ask the ladies who pressed around him to leave him alone for a short time, as he was ashamed they should see him naked. When Amphons of Spain, bewitched by his step-mother into a were-wolf, was at last restored, and stood suddenly naked before her, he was greatly ashamed. The maiden who healed Iwein was tender of his modesty. In his love-madness, the hero wanders for a time naked through the wood; three women find him asleep, and send a waiting-maid to annoint him with salve; when he came to himself, the maiden hid herself. On the whole, however, the ladies were not so delicate; they had no hesitation in bathing with gentlemen, and on these occasions would put their finest ornaments on their heads. I know no pictures of the twelfth and thirteenth centuries representing such a scene, but such baths in common are clearly represented in miniatures of the fifteenth century.” (A. Schultz, Das Höfische Leben zur Zeit der Minnesänger, vol. i, p. 225).

 

“In the years 1450-70, the use of the cod-piece was introduced, whereby the attributes of manhood were accentuated in the most shameless manner. It was, in fact, the avowed aim at that period to attract attention to these parts. The cod-piece was sometimes colored differently from the rest of the garments, often stuffed out to enlarge it artificially, and decorated with ribbons.” (Rudeck, Geschichte der öffentlichen Sittlichkeit in Deutschland, pp. 45-48; Dufour, Histoire de la Prostitution, vol. vi, pp. 21-23. Groos refers to the significance of this fashion, Spiele der Menschen, p. 337).

 

“The first shirt began to be worn [in Germany] in the sixteenth century. From this fact, as well as from the custom of public bathing, we reach the remarkable result, that for the German people, the sight of complete nakedness was the daily rule up to the sixteenth century. Everyone undressed completely before going to bed, and, in the vapor-baths, no covering was used. Again, the dances, both of the peasants and the townspeople, were characterized by very high leaps into the air. It was the chief delight of the dancers for the male to raise his partner as high as possible in the air, so that her dress flew up. That feminine modesty was in this respect very indifferent, we know from countless references made in the fifteenth and sixteenth centuries. It must not be forgotten that throughout the middle ages women wore no underclothes, and even in the seventeenth century, the wearing of drawers by Italian women was regarded as singular. That with the disappearance of the baths, and the use of body-linen, a powerful influence was exerted on the creation of modesty, there can be little doubt.” (Rudeck, op. cit., pp. 57, 399, etc.).

 

In 1461, when Louis XI entered Paris, three very beautiful maidens, quite naked, represented the Syrens, and declaimed poems before him; they were greatly admired by the public. In 1468, when Charles the Bold entered Lille, he was specially pleased, among the various festivities, with a representation of the Judgment of Paris, in which the three goddesses were nude. When Charles the Fifth entered Antwerp, the most beautiful maidens of the city danced before him, in nothing but gauze, and were closely contemplated by Dürer, as he told his friend, Melancthon. (B. Ritter, “Nuditäten im Mittelalter,” Jahrbücher für Wissenschaft und Kunst, 1855, p. 227; this writer shows how luxury, fashion, poverty, and certain festivals, all combined to make nudity familiar; cf. Fahne, Der Carneval, p. 249. Dulaure quotes many old writers concerning the important part played by nude persons in ancient festivals, Des Divinités Génératrices, Chapter XIV).

 

Passek, a Polish officer who wrote an account of his campaigns, admired the ladies of Denmark in 1658, but considered their customs immodest.

Everyone sleeps naked as at birth, and none consider it shameful to dress or undress before others. No notice, even, is taken of the guest, and in the light one garment is taken off after another, even the chemise is hung on the hook. Then the door is bolted, the light blown out, and one goes to bed. As we blamed their ways, saying that among us a woman would not act so, even in the presence of her husband alone, they replied that they knew nothing of such shame, and that there was no need to be ashamed of limbs which God had created. Moreover, to sleep without a shift was good, because, like the other garments, it sufficiently served the body during the day. Also, why take fleas and other insects to bed with one? Although our men teased them in various ways, they would not change their habits.” (Passek, Denkwürdigkeiten, German translation, p. 14).

 

Until late in the seventeenth century, women in England, as well as France, suffered much in childbirth from the ignorance and superstition of incompetent midwives, owing to the prevailing conceptions of modesty, which rendered it impossible (as it is still, to some extent, in some semi-civilized lands) for male physicians to attend them. Dr. Willoughby, of Derby, tells how, in 1658, he had to creep into the chamber of a lying-in woman on his hands and knees, in order to examine her unperceived. In France, Clement was employed secretly to attend the mistresses of Louis XIV in their confinements; to the first he was conducted blindfold, while the King was concealed among the bed-curtains, and the face of the lady was enveloped in a network of lace. (E. Malins, “Midwifery and Midwives,” British Medical Journal, June 22, 1901; Witkowski, Histoire des Accouchements, 1887, pp. 689 et seq.).

Even until the Revolution, the examination of women in France in cases of rape or attempted outrage was left to a jury of matrons. In old English manuals of midwifery, even in the early nineteenth century, we still find much insistence on the demands of modesty. Thus, Dr. John Burns, of Glasgow, in his Principles of Midwifery, states that

“some women, from motives of false delicacy, are averse from examination until the pains become severe.

He adds that

“it is usual for the room to be darkened, and the bed-curtains drawn close, during an examination.”

Many old pictures show the accoucheur groping in the dark, beneath the bed-clothes, to perform operations on women in childbirth. (A. Kind, “Das Weib als Gebärerin in der Kunst,” Geschlecht und Gesellschaft, Bd. II, Heft 5, p. 203).

 

In Iceland, Winkler stated in 1861 that he sometimes slept in the same room as a whole family;

“it is often the custom for ten or more persons to use the same room for living in and sleeping, young and old, master and servant, male and female, and from motives of economy, all the clothes, without exception, are removed.” (G. Winkler, Island; seine Bewohner, etc., pp. 107, 110).

 

At Cork,” says Fynes Moryson, in 1617,

“I have seen with these eyes young maids stark naked grinding corn with certain stones to make cakes thereof.” (Moryson, Itinerary, Part 3, Book III, Chapter V).

In the more remote parts of Ireland,” Moryson elsewhere says, where the English laws and manners are unknown,

“the very chief of the Irish, men as well as women, go naked in very winter-time, only having their privy parts covered with a rag of linen, and their bodies with a loose mantle. This I speak of my own experience.”

He goes on to tell of a Bohemian baron, just come from the North of Ireland, who

“told me in great earnestness that he, coming to the house of Ocane, a great lord among them, was met at the door with sixteen women, all naked, excepting their loose mantles; whereof eight or ten were very fair, and two seemed very nymphs, with which strange sight, his eyes being dazzled, they led him into the house, and then sitting down by the fire with crossed legs, like tailors, and so low as could not but offend chaste eyes, desired him to sit down with them. Soon after, Ocane, the lord of the country, came in, all naked excepting a loose mantle, and shoes, which he put off as soon as he came in, and entertaining the baron after his best manner in the Latin tongue, desired him to put off his apparel, which he thought to be a burthen to him, and to sit naked by the fire with this naked company. But the baron… for shame, durst not put off his apparel.” (Ib. Part 3, Book IV, Chapter II).

 

Coryat, when traveling in Italy in the early part of the seventeenth century, found that in Lombardy many of the women and children wore only smocks, or shirts, in the hot weather. At Venice and Padua, he found that wives, widows, and maids, walk with naked breasts, many with backs also naked, almost to the middle. (Coryat, Crudities, 1611. The fashion of décolleté garments, it may be remarked, only began in the fourteenth century; previously, the women of Europe generally covered themselves up to the neck).

 

In Northern Italy, some years ago, a fire occurred at night in a house in which two girls were sleeping, naked, according to the custom. One threw herself out and was saved, the other returned for a garment, and was burnt to death. The narrator of the incident [a man] expressed strong approval of the more modest girl’s action. It may be added that the custom of sleeping naked is still preserved, also (according to Lippert and Stratz), in Jutland, in Iceland, in some parts of Norway, and sometimes even in Berlin.

Ladies stark naked
Ladies in a state of Nature; stark naked

Lady Mary Wortley Montague writes in 1717, of the Turkish ladies at the baths at Sophia:

“The first sofas were covered with cushions and rich carpets, on which sat the ladies, and on the second, their slaves behind them, but without any distinction of rank in their dress, all being in a state of Nature; that is, in plain English, stark naked, without any beauty or defect concealed. Yet there was not the least wanton smile or immodest gesture among them. They walked and moved with the same majestic grace which Milton describes of our general mother. I am here convinced of the truth of a reflection I had often made, that if it was the fashion to go naked, the face would be hardly observed.” (Letters and Works, 1866, vol. i, p. 285).

 

Modesty Washed Away in the Bath

Virtues of Women
Virtues of Women in public baths

In Rome, “when there was at first much less freedom in this matter than in Greece, the bath became common to both sexes, and though each had its basin and hot room apart, they could see each other, meet, speak, form intrigues, arrange meetings, and multiply adulteries. At first, the baths were so dark that men and women could wash side by side, without recognizing each other except by the voice; but soon the light of day was allowed to enter from every side. ‘In the bath of Scipio,’ said Seneca, ‘there were narrow ventholes, rather than windows, hardly admitting enough light to outrage modesty; but nowadays, baths are called caves if they do not receive the sun’s rays through large windows.’ … Hadrian severely prohibited this mingling of men and women, and ordained separate lavaera for the sexes. Marcus Aurelius and Alexander Severus renewed this edict, but in the interval, Heliogabalus had authorized the sexes to meet in the baths.” (Dufour, Histoire de la Prostitution, vol. ii, Ch. XVIII; cf. Smith’s Dictionary of Greek and Roman Antiquities, Art. Balneæ).

 

In Rome, according to ancient custom, actors were compelled to wear drawers (subligaculum) on the stage, in order to safeguard the modesty of Roman matrons. Respectable women, it seems, also always wore some sort of subligaculum, even sometimes when bathing. The name was also applied to a leathern girdle laced behind, which they were occasionally made to wear as a girdle of chastity. (Dufour, op. cit., vol. ii, p. 150).

 

Greek women also wore a cloth round the loins when taking the bath, as did the men who bathed there; and a woman is represented bathing and wearing a sort of thin combinations reaching to the middle of the thigh. (Smith’s Dictionary, loc. cit).

At a later period, St. Augustine refers to the compestria, the drawers or apron worn by young men who stripped for exercise in the campus. (De Civitate Dei, Bk. XIV, Ch. XVII).

 

Lecky (History of Morals, vol. ii, p. 318), brings together instances of women, in both Pagan and early Christian times, who showed their modesty by drawing their garments around them, even at the moment that they were being brutally killed. Plutarch, in his essay on the “Virtues of Women,”— moralizing on the well-known story of the young women of Milesia, among whom an epidemic of suicide was only brought to an end by the decree that in future women who hanged themselves should be carried naked through the market-places,— observes:

“They, who had no dread of the most terrible things in the world, death and pain, could not abide the imagination of dishonor, and exposure to shame, even after death.”

 

In the second century the physician Aretæus, writing at Rome, remarks:

“In many cases, owing to involuntary restraint from modesty at assemblies, and at banquets, the bladder becomes distended, and from the consequent loss of its contractile power, it no longer evacuates the urine.” (On the Causes and Symptoms of Acute Diseases, Book II, Chapter X.)

 

Apuleius, writing in the second century, says:

“Most women, in order to exhibit their native gracefulness and allurements, divest themselves of all their garments, and long to show their naked beauty, being conscious that they shall please more by the rosy redness of their skin than by the golden splendor of their robes.” (Thomas Taylor’s translation of Metamorphosis, p. 28.)

 

Christianity seems to have profoundly affected habits of thought and feeling by uniting together the merely natural emotion of sexual reserve with, on the one hand, the masculine virtue of modesty modestia — and, on the other, the prescription of sexual abstinence. Tertullian admirably illustrates this confusion, and his treatises De Pudicitia and De Cultu Feminarum are instructive from the present point of view. In the latter he remarks (Book II, Chapter I):

“Salvation — and not of women only, but likewise of men — consists in the exhibition, principally, of modesty. Since we are all the temple of God, modesty is the sacristan and priestess of that temple, who is to suffer nothing unclean or profane to enter it, for fear that the God who inhabits it should be offended…. Most women, either from simple ignorance or from dissimulation, have the hardihood so to walk as if modesty consisted only in the integrity of the flesh, and in turning away from fornication, and there were no need for anything else,—in dress and ornament, the studied graces of form,— wearing in their gait the self-same appearance as the women of the nations from whom the sense of true modesty is absent.”

 

The earliest Christian ideal of modesty, not long maintained, is well shown in an epistle which, there is some reason to suppose, was written by Clement of Rome.

“And if we see it to be requisite to stand and pray for the sake of the woman, and to speak words of exhortation and edification, we call the brethren and all the holy sisters and maidens, likewise all the other women who are there, with all modesty and becoming behavior, to come and feast on the truth. And those among us who are skilled in speaking, speak to them, and exhort them in those words which God has given us. And then we pray, and salute one another, the men the men. But the women and the maidens will wrap their hands in their garments; we also, with circumspection and with all purity, our eyes looking upward, shall wrap our right hand in our garments; and then they will come and give us the salutation on our right hand, wrapped in our garments. Then we go where God permits us.” (Two Epistles Concerning Virginity; Second Epistle, Chapter III, vol. xiv. Ante-Nicene Christian Library, p. 384.)

 

“Women will scarce strip naked before their own husbands, affecting a plausible pretense of modesty,” writes Clement of Alexandria, about the end of the second century,

“but any others who wish may see them at home, shut up in their own baths, for they are not ashamed to strip before spectators, as if exposing their persons for sale. The baths are opened promiscuously to men and women; and there they strip for licentious indulgence (for, from looking, men get to loving), as if their modesty had been washed away in the bath. Those who have not become utterly destitute of modesty shut out strangers, but bathe with their own servants, and strip naked before their slaves, and are rubbed by them, giving to the crouching menial liberty to lust, by permitting fearless handling, for those who are introduced before their naked mistresses while in the bath, study to strip themselves in order to show audacity in lust, casting off fear in consequence of the wicked custom. The ancient athletes, ashamed to exhibit a man naked, preserved their modesty by going through the contest in drawers; but these women, divesting themselves of their modesty along with their chemise, wish to appear beautiful, but, contrary to their wish, are simply proved to be wicked.” (Clement of Alexandria, Pædagogus, Book III, Chapter V. For elucidations of this passage, see Migne’s Patrologiæ Cursus Completus, vol. vii).

 

Promiscuous bathing was forbidden by the early Apostolical Constitutions, but Cyprian, Bishop of Carthage, found it necessary, in the third century, to upbraid even virgins vowed to chastity for continuing the custom. “What of those,” he asks,

“who frequent baths, who prostitute to eyes that are curious to lust, bodies that are dedicated to chastity and modesty?

They who disgracefully behold naked men, and are seen naked by men? Do they not themselves afford enticement to vice?

Do they not solicit and invite the desires of those present to their own corruption and wrong? ‘Let every one,’ say you, ‘look to the disposition with which he comes thither: my care is only that of refreshing and washing my poor body.’

That kind of defence does not clear you, nor does it excuse the crime of lasciviousness and wantonness. Such a washing defiles; it does not purify nor cleanse the limbs, but stains them.

You behold no one immodestly, but you, yourself, are gazed upon immodestly; you do not pollute your eyes with disgraceful delight, but in delighting others you yourself are polluted; you make a show of the bathing-place; the places where you assemble are fouler than a theatre. There all modesty is put off; together with the clothing of garments, the honor and modesty of the body is laid aside, virginity is exposed, to be pointed at and to be handled…. Let your baths be performed with women, whose behavior is modest towards you.” (Cyprian, De Habitu Virginum, cap. 19, 21).

 

The Church carried the same spirit among the barbarians of northern Europe, and several centuries later the promiscuous bathing of men and women was prohibited in some of the Penitentials. (The custom was, however, preserved here and there in Northern Europe, even to the end of the eighteenth century, or later. In Rudeck’s Geschichte der öffentlichen Sittlichkeit in Deutschland, an interesting chapter, with contemporary illustrations, is devoted to this custom; also, Max Bauer, Das Geschlechtsleben in der Deutschen Vergangenheit, pp. 216-265).

sexes to meet in the baths
sexes to meet in the baths

Women,” says Clement again,

“should not seek to be graceful by avoiding broad drinking vessels that oblige them to stretch their mouths, in order to drink from narrow alabastra that cause them indecently to throw back the head, revealing to men their necks and breasts. The mere thought of what she is ought to inspire a woman with modesty…. On no account must a woman be permitted to show to a man any portion of her body naked, for fear lest both fall: the one by gazing eagerly, the other by delighting to attract those eager glances.” (Pædagogus, Book II, Chapter V).

Women Exercising Naked

Women Exercising Naked
Women Exercising Naked

It is very difficult to investigate the hairiness of Ainu women,” Baelz remarks, “for they possess a really incredible degree of modesty. Even when in summer they bathe—which happens but seldom—they keep their clothes on.” He records that he was once asked to examine a girl at the Mission School, in order to advise as regards the treatment of a diseased spine; although she had been at the school for seven years, she declared that “she would rather die than show her back to a man, even though a doctor.” (Baelz, “Die Aino,” Zeitschrift für Ethnologie, 1901, Heft 2, p. 178).

The Greeks, Etruscans, and Romans, appear to have been accustomed to cover the foreskin with the kynodesme (a band), or the fibula (a ring), for custom and modesty demanded that the glans should be concealed. Such covering is represented in persons who were compelled to be naked, and is referred to by Celsus as “decori causâ.” (L. Stieda, “Anatomisch-archäologische Studien,” Anatomische Hefte, Bd. XIX, Heft 2, 1902).

Among the Lydians, and, indeed, among the barbarians generally, it is considered a deep disgrace, even for a man, to be seen naked.” (Herodotus, Book I, Chapter X).

 

The simple dress which is now common was first worn in Sparta, and there, more than anywhere else, the life of the rich was assimilated to that of the people. The Lacedæmonians, too, were the first who, in their athletic exercises, stripped naked and rubbed themselves over with oil. This was not the ancient custom; athletes formerly, even when they were contending at Olympia, wore girdles about their loins [earlier still, the Mycenæans had always worn a loin-cloth], a practice which lasted until quite lately, and still persists among barbarians, especially those of Asia, where the combatants at boxing and wrestling matches wear girdles.” (Thucydides, History, Book I, Chapter VI).

 

The notion of the women exercising naked in the schools with the men … at the present day would appear truly ridiculous…. Not long since it was thought discreditable and ridiculous among the Greeks, as it is now among most barbarous nations, for men to be seen naked. And when the Cretans first, and after them the Lacedæmonians, began the practice of gymnastic exercises, the wits of the time had it in their power to make sport of those novelties…. As for the man who laughs at the idea of undressed women going through gymnastic exercises, as a means of revealing what is most perfect, his ridicule is but ‘unripe fruit plucked from the tree of wisdom.'” (Plato, Republic, Book V.)

According to Plutarch, however, among the Spartans, at all events, nakedness in women was not ridiculous, since the institutes of Lycurgus ordained that at solemn feasts and sacrifices the young women should dance naked and sing, the young men standing around in a circle to see and hear them. Aristotle says that in his time Spartan girls only wore a very slight garment. As described by Pausanias, and as shown by a statue in the Vatican, the ordinary tunic, which was the sole garment worn by women when running, left bare the right shoulder and breast, and only reached to the upper third of the thighs. (M. M. Evans, Chapters on Greek Dress, p. 34).

 

Among the Greeks who were inclined to accept the doctrines of Cynicism, it was held that, while shame is not unreasonable, what is good may be done and discussed before all men. There are a number of authorities who say that Crates and Hipparchia consummated their marriage in the presence of many spectators. Lactantius (Inst. iii, 15) says that the practice was common, but this Zeller is inclined to doubt. (Zeller, Socrates and the Socratic Schools, translated from the Third German Edition, 1897).

 

“Among the Tyrrhenians, who carry their luxury to an extraordinary pitch, Timæus, in his first book, relates that the female servants wait on the men in a state of nudity. And Theopompus, in the forty-third book of his History, states that it is a law among the Tyrrhenians that all their women should be in common; and that the women pay the greatest attention to their persons, and often practice gymnastic exercises, naked, among the men, and sometimes with one another; for that it is not accounted shameful for them to be seen naked…. Nor is it reckoned among the Tyrrhenians at all disgraceful either to do or suffer anything in the open air, or to be seen while it is going on; for it is quite the custom of their country, and they are so far from thinking it disgraceful that they even say, when the master of the house is indulging his appetite, and anyone asks for him, that he is doing so and so, using the coarsest possible words…. And they are very beautiful, as is natural for people to be who live delicately, and who take care of their persons.” (Athenæus, Deipnosophists, Yonge’s translation, vol. iii, p. 829).

Dennis throws doubt on the foregoing statement of Athenæus regarding the Tyrrhenians or Etruscans, and points out that the representations of women in Etruscan tombs shows them as clothed, even the breast being rarely uncovered. Nudity, he remarks, was a Greek, not an Etruscan, characteristic.

“To the nudity of the Spartan women I need but refer; the Thessalian women are described by Persæus dancing at banquets naked, or with a very scanty covering (apud Athenæus, xiii, c. 86). The maidens of Chios wrestled naked with the youths in the gymnasium, which Athenæus (xiii, 20) pronounces to be ‘a beautiful sight.’ And at the marriage feast of Caranus, the Macedonian women tumblers performed naked before the guests (Athenæus, iv, 3).” (G. Dennis, Cities and Cemeteries of Etruria, 1883, vol. i, p. 321).

Modesty is a Question of Convention

In the Gold Coast and surrounding countries complete nudity is extremely rare, except when circumstances make it desirable; on occasion clothing is abandoned with unconcern. “I have on several occasions,” says Dr. Freeman, “seen women at Accra walk from the beach, where they have been bathing, across the road to their houses, where they would proceed to dry themselves, and resume their garments; and women may not infrequently be seen bathing in pools by the wayside, conversing quite unconstrainedly with their male acquaintances, who are seated on the bank. The mere unclothed body conveys to their minds no idea of indecency. Immodesty and indelicacy of manner are practically unknown.”

He adds that the excessive zeal of missionaries in urging their converts to adopt European dress—which they are only too ready to do—is much to be regretted, since the close-fitting, thin garments are really less modest than the loose clothes they replace, besides being much less cleanly. (R. A. Freeman, Travels and Life in Ashanti and Jaman, 1898, p. 379).

At Loango, says Pechuel-Loesche, “the well-bred negress likes to cover her bosom, and is sensitive to critical male eyes; if she meets a European when without her overgarment, she instinctively, though not without coquetry, takes the attitude of the Medicean Venus.” Men and women bathe separately, and hide themselves from each other when naked. The women also exhibit shame when discovered suckling their babies. (Zeitschrift für Ethnologie, 1878, pp. 27-31).

 

The Koran (Sura XXIV) forbids showing the pudenda, as well as the face, yet a veiled Mohammedan woman, Stern remarks, even in the streets of Constantinople, will stand still and pull up her clothes to scratch her private parts, and in Beyrout, he saw Turkish prostitutes, still veiled, place themselves in the position for coitus. (B. Stern, Medizin, etc., in der Türkei, vol. ii, p. 162).

“An Englishman surprised a woman while bathing in the Euphrates; she held her hands over her face, without troubling as to what else the stranger might see. In Egypt, I have myself seen quite naked young peasant girls, who hastened to see us, after covering their faces.” (C. Niebuhr, Reisebeschreibung nach Arabien, 1774, vol. i, p. 165).

 

When Helfer was taken to visit the ladies in the palace of the Imam of Muskat, at Buscheir, he found that their faces were covered with black masks, though the rest of the body might be clothed in a transparent sort of crape; to look at a naked face was very painful to the ladies themselves; even a mother never lifts the mask from the face of her daughter after the age of twelve; that is reserved for her lord and husband. “I observed that the ladies looked at me with a certain confusion, and after they had glanced into my face, lowered their eyes, ashamed. On making inquiries, I found that my uncovered face was indecent, as a naked person would be to us. They begged me to assume a mask, and when a waiting-woman had bound a splendidly decorated one round my head, they all exclaimed: ‘Tahip! tahip!’—beautiful, beautiful.” (J. W. Helfer, Reisen in Vorderasian und Indien, vol. ii, p. 12).

 

In Algeria—in the provinces of Constantine, in Biskra, even Aures,—“among the women especially, not one is restrained by any modesty in unfastening her girdle to any comer” (when a search was being made for tattoo-marks on the lower extremities). “In spite of the great licentiousness of the manners,” the same writer continues, “the Arab and the Kabyle possess great personal modesty, and with difficulty are persuaded to exhibit the body nude; is it the result of real modesty, or of their inveterate habits of active pederasty? Whatever the cause, they always hide the sexual organs with their hands or their handkerchiefs, and are disagreeably affected even by the slightest touch of the doctor.” (Batut, Archives d’Anthropologie Criminelle, January 15, 1893).

 

Moslem modesty,” remarks Wellhausen, “was carried to great lengths, insufficient clothing being forbidden. It was marked even among the heathen Arabs, as among Semites and old civilizations generally; we must not be deceived by the occasional examples of immodesty in individual cases. The Sunna prescribes that a man shall not uncover himself even to himself, and shall not wash naked—from fear of God and of spirits; Job did so, and atoned for it heavily. When in Arab antiquity grown-up persons showed themselves naked, it was only under extraordinary circumstances, and to attain unusual ends…. Women when mourning uncovered not only the face and bosom, but also tore all their garments. The messenger who brought bad news tore his garments. A mother desiring to bring pressure to bear on her son took off her clothes. A man to whom vengeance is forbidden showed his despair and disapproval by uncovering his posterior and strewing earth on his head, or by raising his garment behind and covering his head with it. This was done also in fulfilling natural necessities.” (Wellhausen, Reste Arabischen Heidentums, 1897, pp. 173, 195-196).

 

Mantegazza mentions that a Lapland woman refused even for the sum of 150 francs to allow him to photograph her naked, though the men placed themselves before the camera in the costume of Adam for a much smaller sum. In the same book Mantegazza remarks that in the eighteenth century, travelers found it extremely difficult to persuade Samoyed women to show themselves naked. Among the same people, he says, the newly-married wife must conceal her face from her husband for two months after marriage, and only then yield to his embraces. (Mantegazza, La Donna, cap. IV).

beautiful modest chinese females

The beauty of a Chinese woman,” says Dr. Matignon, “resides largely in her foot. ‘A foot which is not deformed is a dishonor,’ says a poet. For the husband the foot is more interesting than the face. Only the husband may see his wife’s foot naked. A Chinese woman is as reticent in showing her feet to a man as a European woman her breasts. I have often had to treat Chinese women with ridiculously small feet for wounds and excoriations, the result of tight-bandaging. They exhibited the prudishness of school-girls, blushed, turned their backs to unfasten the bandages, and then concealed the foot in a cloth, leaving only the affected part uncovered. Modesty is a question of convention; Chinese have it for their feet,” (J. Matignon, “A propos d’un Pied de Chinoise,” Archives d’Anthropologie Criminelle, 1898, p. 445).

 

Among the Yakuts of Northeast Siberia, “there was a well-known custom according to which a bride should avoid showing herself or her uncovered body to her father-in-law. In ancient times, they say, a bride concealed herself for seven years from her father-in-law, and from the brothers and other masculine relations of her husband…. The men also tried not to meet her, saying, ‘The poor child will be ashamed.’ If a meeting could not be avoided the young woman put a mask on her face…. Nowadays, the young wives only avoid showing to their male relatives-in-law the uncovered body. Amongst the rich they avoid going about in the presence of these in the chemise alone. In some places, they lay especial emphasis on the fact that it is a shame for young wives to show their uncovered hair and feet to the male relatives of their husbands. On the other side, the male relatives of the husband ought to avoid showing to the young wife the body uncovered above the elbow or the sole of the foot, and they ought to avoid indecent expressions and vulgar vituperations in her presence…. That these observances are not the result of a specially delicate modesty, is proved by the fact that even young girls constantly twist thread upon the naked thigh, unembarrassed by the presence of men who do not belong to the household; nor do they show any embarrassment if a strange man comes upon them when uncovered to the waist. The one thing which they do not like, and at which they show anger, is that such persons look carefully at their uncovered feet…. The former simplicity, with lack of shame in uncovering the body, is disappearing.” (Sieroshevski, “The Yakuts,” Journal of the Anthropological Institute, Jan.-June, 1901, p. 93).

 

“In Japan (Captain), the bathing-place of the women was perfectly open (the shampooing, indeed, was done by a man), and Englishmen were offered no obstacle, nor excited the least repugnance; indeed, girls after their bath would freely pass, sometimes as if holding out their hair for innocent admiration, and this continued until countrymen of ours, by vile laughter and jests, made them guard themselves from insult by secrecy. So corruption spreads, and heathenism is blacker by our contact.”

“Speaking once with a Japanese gentleman, I observed that we considered it an act of indecency for men and women to wash together. He shrugged his shoulders as he answered: ‘But these Westerns have such prurient minds!'” (Mitford, Tales of Old Japan, 1871).

 

Dr. Carl Davidsohn, who remarks that he had ample opportunity of noting the great beauty of the Japanese women in a national dance, performed naked, points out that the Japanese have no æsthetic sense for the nude. “This was shown at the Jubilee Exposition at Kyoto. Here, among many rooms full of art objects, one was devoted to oil pictures in the European manner. Among these only one represented a nude figure, a Psyche, or Truth. It was the first time such a picture had been seen. Men and women crowded around it. After they had gazed at it for a time, most began to giggle and laugh; some by their air and gestures clearly showed their disgust; all found that it was not æsthetic to paint a naked woman, though in Nature, nakedness was in no way offensive to them. In the middle of the same city, at a fountain reputed to possess special virtues, men and women will stand together naked and let the water run over them.” (Carl Davidsohn, “Das Nackte bei den Japanern,” Globus, 1896, No. 16).

 

Modesty of the Women of the African Tribes

The sense of modesty of the women of the African tribes

Describing the loin-cloth worn by Nicobarese men, Man says:

“From the clumsy mode in which this garment is worn by the Shom Pen—necessitating frequent readjustment of the folds—one is led to infer that its use is not de rigueur, but reserved for special occasions, as when receiving or visiting strangers.” (E. H. Man, Journal of the Anthropological Institute, 1886, p. 442).

The semi-nude natives of the island of Nias in the Indian Ocean are “modest by nature,” paying no attention to their own nudity or that of others, and much scandalized by any attempt to go beyond the limits ordained by custom. When they pass near places where women are bathing they raise their voices in order to warn them of their presence, and even although any bold youth addressed the women, and the latter replied, no attempt would be made to approach them; any such attempt would be severely punished by the head man of the village. (Modigliani, Un Viaggio a Nias, p. 460).

Man says that the Andamanese in modesty and self-respect compare favorably with many classes among civilized peoples.

Women are so modest that they will not renew their leaf-aprons in the presence of one another, but retire to a secluded spot for this purpose; even when parting with one of their bod appendages [tails of leaves suspended from back of girdle] to a female friend, the delicacy they manifest for the feelings of the bystanders in their mode of removing it amounts to prudishness; yet they wear no clothing in the ordinary sense.” (Journal of the Anthropological Institute, 1883, pp. 94 and 331).

Of the Garo women of Bengal Dalton says:

“Their sole garment is a piece of cloth less than a foot in width that just meets around the loins, and in order that it may not restrain the limbs it is only fastened where it meets under the hip at the upper corners. The girls are thus greatly restricted in the positions they may modestly assume, but decorum is, in their opinion, sufficiently preserved if they only keep their legs well together when they sit or kneel.” (E. T. Dalton, Ethnology of Bengal, 1872, p. 66).

Of the Naga women of Assam it is said:

“Of clothing there was not much to see; but in spite of this I doubt whether we could excel them in true decency and modesty”. Ibn Muhammed Wali had already remarked in his history of the conquest of Assam (1662-63), that the Naga women only cover their breasts. They declare that it is absurd to cover those parts of the body which everyone has been able to see from their births, but that it is different with the breasts, which appeared later, and are, therefore, to be covered. Dalton (Journal of the Asiatic Society, Bengal, 41, 1, 84) adds that in the presence of strangers Naga women simply cross their arms over their breasts, without caring much what other charms they may reveal to the observer. As regards some clans of the naked Nagas, to whom the Banpara belong, this may still hold good.” (K. Klemm, “Peal’s Ausflug nach Banpara,” Zeitschrift für Ethnologie, 1898, Heft 5, p. 334).

“In Ceylon, a woman always bathes in public streams, but she never removes all her clothes. She washes under the cloth, bit by bit, and then slips on the dry, new cloth, and pulls out the wet one from underneath (much in the same sliding way as servant girls and young women in England). This is the common custom in India and the Malay States. The breasts are always bare in their own houses, but in the public roads are covered whenever a European passes. The vulva is never exposed. They say that a devil, imagined as a white and hairy being, might have intercourse with them.” (Private communication).

In Borneo, “the sirat, called chawal by the Malays, is a strip of cloth a yard wide, worn round the loins and in between the thighs, so as to cover the pudenda and perinæum; it is generally six yards or so in length, but the younger men of the present generation use as much as twelve or fourteen yards (sometimes even more), which they twist and coil with great precision round and round their body, until the waist and stomach are fully enveloped in its folds.” (H. Ling Roth, “Low’s Natives of Borneo,” Journal of the Anthropological Institute, 1892, p. 36).

“In their own houses in the depths of the forest the Dwarfs are said to neglect coverings for decency in the men as in the women, but certainly when they emerge from the forest into the villages of the agricultural Negroes, they are always observed to be wearing some small piece of bark-cloth or skin, or a bunch of leaves over the pudenda. Elsewhere in all the regions of Africa visited by the writer, or described by other observers, a neglect of decency in the male has only been recorded among the Efik people of Old Calabar. The nudity of women is another question. In parts of West Africa, between the Niger and the Gaboon (especially on the Cameroon River, at Old Calabar, and in the Niger Delta), it is, or was, customary for young women to go about completely nude before they were married. In Swaziland, until quite recently, unmarried women and very often matrons went stark naked. Even amongst the prudish Baganda, who made it a punishable offense for a man to expose any part of his leg above the knee, the wives of the King would attend at his Court perfectly naked. Among the Kavirondo, all unmarried girls are completely nude, and although women who have become mothers are supposed to wear a tiny covering before and behind, they very often completely neglect to do so when in their own villages. Yet, as a general rule, among the Nile Negroes, and still more markedly among the Hamites and people of Masai stock, the women are particular about concealing the pudenda, whereas the men are ostentatiously naked. The Baganda hold nudity in the male to be such an abhorrent thing that for centuries they have referred with scorn and disgust to the Nile Negroes as the ‘naked people.’ Male nudity extends northwest to within some 200 miles of Khartum, or, in fact, wherever the Nile Negroes of the Dinka-Acholi stock inhabit the country.” (Sir H. H. Johnston, Uganda Protectorate, vol. ii, pp. 669-672).

Among the Nilotic Ja-luo, Johnston states that “unmarried men go naked. Married men who have children wear a small piece of goat skin, which, though quite inadequate for purposes of decency, is, nevertheless, a very important thing in etiquette, for a married man with a child must on no account call on his mother-in-law without wearing this piece of goat’s skin. To call on her in a state of absolute nudity would be regarded as a serious insult, only to be atoned for by the payment of goats. Even if under the new dispensation he wears European trousers, he must have a piece of goat’s skin underneath. Married women wear a tail of strings behind.” It is very bad manners for a woman to serve food to her husband without putting on this tail. (Sir H. H. Johnston, Uganda Protectorate, vol. ii, p. 781).

Mrs. French-Sheldon remarks that the Masai and other East African tribes, with regard to menstruation, “observe the greatest delicacy, and are more than modest.” (Journal of the Anthropological Institute, 1894, p. 383).

At the same time the Masai, among whom the penis is of enormous size, consider it disreputable to conceal that member, and in the highest degree reputable to display it, even ostentatiously. (Sir H. H. Johnston, Kilima-njaro Expedition, p. 413).

Among the African Dinka, who are scrupulously clean and delicate (smearing themselves with burnt cows’ dung, and washing themselves daily with cows’ urine), and are exquisite cooks, reaching in many respects a higher stage of civilization, in Schweinfurth‘s opinion, than is elsewhere attained in Africa, only the women wear aprons. The neighboring tribes of the red soil—Bongo, Mittoo, Niam-Niam, etc.—are called “women” by the Dinka, because among these tribes the men wear an apron, while the women obstinately refuse to wear any clothes whatsoever of skin or stuff, going into the woods every day, however, to get a supple bough for a girdle, with, perhaps, a bundle of fine grass. (Schweinfurth, Heart of Africa, vol. i, pp. 152, etc.).

Lombroso and Carrara, examining some Dinka negroes brought from the White Nile, remark:

“As to their psychology, what struck us first was the exaggeration of their modesty; not in a single case would the men allow us to examine their genital organs or the women their breasts; we examined the tattoo-marks on the chest of one of the women, and she remained sad and irritable for two days afterward.” They add that in sexual and all other respects these people are highly moral. (Lombroso and Carrara, Archivio di Psichiatria, 1896, vol. xvii, fasc. 4).

The negro is very rarely knowingly indecent or addicted to lubricity,” says Sir H. H. Johnston.

“In this land of nudity, which I have known for seven years, I do not remember once having seen an indecent gesture on the part of either man or woman, and only very rarely (and that not among unspoiled savages) in the case of that most shameless member of the community—the little boy.”

He adds that the native dances are only an apparent exception, being serious in character, though indecent to our eyes, almost constituting a religious ceremony. The only really indecent dance indigenous to Central Africa “is one which originally represented the act of coition, but it is so altered to a stereotyped formula that its exact purport is not obvious until explained somewhat shyly by the natives…. It may safely be asserted that the negro race in Central Africa is much more truly modest, is much more free from real vice, than are most European nations. Neither boys nor girls wear clothing (unless they are the children of chiefs) until nearing the age of puberty. Among the Wankonda, practically no covering is worn by the men except a ring of brass wire around the stomach. The Wankonda women are likewise almost entirely naked, but generally cover the pudenda with a tiny bead-work apron, often a piece of very beautiful workmanship, and exactly resembling the same article worn by Kaffir women. A like degree of nudity prevails among many of the Awemba, among the A-lungu, the Batumbuka, and the Angoni. Most of the Angoni men, however, adopt the Zulu fashion of covering the glans penis with a small wooden case or the outer shell of a fruit. The Wa-Yao have a strong sense of decency in matters of this kind, which is the more curious since they are more given to obscenity in their rites, ceremonies, and dances than any other tribe. Not only is it extremely rare to see any Yao uncovered, but both men and women have the strongest dislike to exposing their persons even to the inspection of a doctor. The Atonga and many of the A-nyanga people, and all the tribes west of Nyassa (with the exception possibly of the A-lunda) have not the Yao regard for decency, and, although they can seldom or ever be accused of a deliberate intention to expose themselves, the men are relatively indifferent as to whether their nakedness is or is not concealed, though the women are modest and careful in this respect.” (H. H. Johnston, British Central Africa, 1897, pp. 408-419).

In Azimba land, Central Africa, H. Crawford Angus, who has spent many years in this part of Africa, writes:

“It has been my experience that the more naked the people, and the more to us obscene and shameless their manners and customs, the more moral and strict they are in the matter of sexual intercourse.”

He proceeds to give a description of the chensamwali, or initiation ceremony of girls at puberty, a season of rejoicing when the girl is initiated into all the secrets of marriage, amid songs and dances referring to the act of coition.

“The whole matter is looked upon as a matter of course, and not as a thing to be ashamed of or to hide, and, being thus openly treated of and no secrecy made about it, you find in this tribe that the women are very virtuous. They know from the first all that is to be known, and cannot see any reason for secrecy concerning natural laws or the powers and senses that have been given them from birth.” (Zeitschrift für Ethnologie, 1898, Heft 6, p. 479).

Of the Monbuttu of Central Africa, another observer says: “It is surprising how a Monbuttu woman of birth can, without the aid of dress, impress others with her dignity and modesty.” (British Medical Journal. June 14, 1890).

 

The women at Upoto wear no clothes whatever, and came up to us in the most unreserved manner. An interesting gradation in the arrangement of the female costume has been observed by us: as we ascended the Congo, the higher up the river we found ourselves, the higher the dress reached, till it has now, at last, culminated in absolute nudity.” (T. H. Parke, My Personal Experiences in Equatorial Africa, 1891, p. 61).

“There exists throughout the Congo population a marked appreciation of the sentiment of decency and shame as applied to private actions,” says Mr. Herbert Ward. In explanation of the nudity of the women at Upoto, a chief remarked to Ward that “concealment is food for the inquisitive.” (Journal of the Anthropological Institute, 1895, p. 293)….

 

..

The principle of chastity

The principle of chastity,” said Forster, of his experiences in the South Sea Islands in their unspoilt state,

little girl shy while doing sex

“we found in many families exceedingly well understood. I have seen many fine women who, with a modesty mixed with politeness, refuse the greatest and most tempting offers made them by our forward youths; often they excuse themselves with a simple tirra-tano, ‘I am married,’ and at other times they smiled and declined it with epia, ‘no.’ … Virtuous women hear a joke without emotion, which, amongst us, might put some men to the blush. Neither austerity and anger, nor joy and ecstasy is the consequence, but sometimes a modest, dignified, serene smile preads itself over their face, and seems gently to rebuke the uncouth jester.” (J. R. Forster, Observations made During a Voyage Round the World, 1728, p. 392).

 

Captain Cook, at Tahiti, in 1769, after performing Divine service on Sunday, witnessed

“Vespers of a very different kind. A young man, near six feet high, performed the rites of Venus with a little girl about eleven or twelve years of age, before several of our people and a great number of the natives, without the least sense of its being indecent or improper, but, as it appeared, in perfect conformity to the custom of the place. Among the spectators were several women of superior rank, who may properly be said to have assisted at the ceremony; for they gave instructions to the girl how to perform her part, which, young as she was, she did not seem much to stand in need of.” (J. Hawkesworth, Account of the Voyages, etc., 1775, vol. i, p. 469).

At Tahiti, according to Cook, it was customary to “gratify every appetite and passion before witnesses,” and it is added, “in the conversation of these people, that which is the principal source of their pleasure is always the principal topic; everything is mentioned without any restraint or emotion, and in the most direct terms, by both sexes.” (Hawkesworth, op. cit., vol ii, p. 45).

I have observed,” Captain Cook wrote, “that our friends in the

“South Seas have not even the idea of indecency, with respect to any object or any action, but this was by no means the case with the inhabitants of New Zealand, in whose carriage and conversation there was as much modest reserve and decorum with respect to actions, which yet in their opinion were not criminal, as are to be found among the politest people in Europe. The women were not impregnable; but the terms and manner of compliance were as decent as those in marriage among us, and according to their notions, the agreement was as innocent. When any of our people made an overture to any of their young women, he was given to undestand that the consent of her friends was necessary, and by the influence of a proper present it was generally obtained; but when these preliminaries were settled, it was also necessary to treat the wife for a night with the same delicacy that is here required by the wife for life, and the lover who presumed to take any liberties by which this was violated, was sure to be disappointed.” (Hawkesworth, op. cit., vol. ii, p. 254).

 

Cook found that the people of New Zealand

“bring the prepuce over the gland, and to prevent it from being drawn back by contraction of the part, they tie the string which hangs from the girdle round the end of it. The glans, indeed, seemed to be the only part of their body which they were solicitous to conceal, for they frequently threw off all their dress but the belt and string, with the most careless indifference, but showed manifest signs of confusion when, to gratify our curiosity, they were requested to untie the string, and never consented but with the utmost reluctance and shame…. The women’s lower garment was always bound fast round them, except when they went into the water to catch lobsters, and then they took great care not to be seen by the men. We surprised several of them at this employment, and the chaste Diana, with her nymphs, could not have discovered more confusion and distress at the sight of Actæon, than these women expressed upon our approach. Some of them hid themselves among the rocks, and themselves among the rocks, and the rest crouched down in the sea till they had made themselves a girdle and apron of such weeds as they could find, and when they came out, even with this veil, we could see that their modesty suffered much pain by our presence.” (Hawkesworth, op. cit., vol. ii, pp. 257-258.)

 

In Rotuma, in Polynesia, where the women enjoy much freedom, but where, at all events in old days, married people were, as a rule, faithful to each other,

“the language is not chaste according to our ideas, and there is a great deal of freedom in speaking of immoral vices. In this connection a man and his wife will speak freely to one another before their friends. I am informed, though, by European traders well conversant with the language, that there are grades of language, and that certain coarse phrases would never be used to any decent woman; so that probably, in their way, they have much modesty, only we cannot appreciate it.” (J. Stanley Gardiner, “The Natives of Rotuma,” Journal of the Anthropological Institute, May, 1898, p. 481).

 

The men of Rotuma, says the same writer, are very clean, the women also, bathing twice a day in the sea; but

“bathing in public without the kukuluga, or sulu [loin-cloth, which is the ordinary dress], around the waist is absolutely unheard of, and would be much looked down upon.” (Journal of the Anthropological Institute, 1898, p. 410).

 

In ancient Samoa the only necessary garment for either man or woman was an apron of leaves, but they possessed so

delicate a sense of propriety” that even “while bathing they have a girdle of leaves or some other covering around the waist.” (Turner, Samoa a Hundred Years Ago, p. 121.)

 

After babyhood the Indians of Guiana are never seen naked. When they change their single garment they retire. The women wear a little apron, now generally made of European beads, but the Warraus still make it of the inner bark of a tree, and some of seeds. (Everard im Thurn, Among the Indians of Guiana, 1883).

 

The Mandurucu women of Brazil, according to Tocantins (quoted by Mantegazza), are completely naked, but they are careful to avoid any postures which might be considered indecorous, and they do this so skilfully that it is impossible to tell when they have their menstrual periods. (Mantegazza, Fisiologia della Donna, cap 9).

The Indians of Central Brazil have no “private parts.” In men the little girdle, or string, surrounding the lower part of the abdomen, hides nothing; it is worn after puberty, the penis being often raised and placed beneath it to lengthen the prepuce. The women also use a little strip of bast that goes down the groin and passes between the thighs. Among some tribes (Karibs, Tupis, Nu-Arwaks) a little, triangular, coquettishly-made piece of bark-bast comes just below the mons veneris; it is only a few centimetres in width, and is called the uluri.

In both sexes concealment of the sexual mucous membrane is attained. These articles cannot be called clothing.

“The red thread of the Trumai, the elegant uluri, and the variegated flag of the Bororó attract attention, like ornaments, instead of drawing attention away.”

 

Von den Steinen thinks this proceeding a necessary protection against the attacks of insects, which are often serious in Brazil. He does think, however, that there is more than this, and that the people are ashamed to show the glans penis. (Karl von den Steinen, Unter den Naturvölkern Zentral-Brasiliens, 1894, pp. 190 et seq).

 

Other travelers mention that on the Amazon among some tribes the women are clothed and the men naked; among others the women naked, and the men clothed. Thus, among the Guaycurus the men are quite naked, while the women wear a short petticoat; among the Uaupás the men always wear a loin-cloth, while the women are quite naked.

 

The feeling of modesty is very developed among the Fuegians, who are accustomed to live naked. They manifest it in their bearing and in the ease with which they show themselves in a state of nudity, compared with the awkwardness, blushing, and shame which both men and women exhibit if one gazes at certain parts of their bodies. Among themselves this is never done even between husband and wife. There is no Fuegian word for modesty, perhaps because the feeling is universal among them.

” The women wear a minute triangular garment of skin suspended between the thighs and never removed, being merely raised during conjugal relations. (Hyades and Deniker, Mission Scientifique du Cap Horn, vol. vii, pp. 239, 307, and 347).

 

Among the Crow Indians of Montana, writes Dr. Holder, who has lived with them for several years,

a sense of modesty forbids the attendance upon the female in labor of any male, white man or Indian, physician or layman. This antipathy to receiving assistance at the hands of the physician is overcome as the tribes progress toward civilization, and it is especially noticeable that half-breeds almost constantly seek the physician’s aid.”

Dr. Holder mentions the case of a young woman who, although brought near the verge of death in a very difficult first confinement, repeatedly refused to allow him to examine her; at last she consented;

“her modest preparation was to take bits of quilt and cover thighs and lips of vulva, leaving only the aperture exposed…. Their modesty would not be so striking were it not that, almost to a woman, the females of this tribe are prostitutes, and for a consideration will admit the connection of any man.” (A. B. Holder, American Journal of Obstetrics, vol. xxv, No. 6, 1892)….

“In every North American tribe, from the most northern to the most southern, the skirt of the woman is longer than that of the men. In Esquimau land the parka of deerskin and sealskin reaches to the knees. Throughout Central North America the buckskin dress of the women reached quite to the ankles. The West-Coast women, from Oregon to the Gulf of California, wore a petticoat of shredded bark, of plaited grass, or of strings, upon which were strung hundreds of seeds. Even in the most tropical areas the rule was universal, as anyone can see from the codices or in pictures of the natives.” (Otis T. Mason, Woman’s Share in Primitive Culture, p. 237)…

 

 

Excerpt From: Havelock Ellis. “Studies in the Psychology of Sex, Volume 1 / The Evolution of Modesty; The Phenomena of Sexual Periodicity; Auto-Erotism.” iBooks.

Irradiations of the Sexual Act

dating modest female

It is certain that very much of what is best in religion, art, and life,” remark Stanley Hall and Allin,

“owes its charm to the progressively-widening irradiation of sexual feeling. Perhaps the reluctance of the female first long-circuited the exquisite sensations connected with sexual organs and acts to the antics of animal and human courtship, while restraint had the physiological function of developing the colors, plumes, excessive activity, and exuberant life of the pairing season. To keep certain parts of the body covered, irradiated the sense of beauty to eyes, hair, face, complexion, dress, form, etc., while many savage dances, costumes and postures are irradiations of the sexual act. Thus reticence, concealment, and restraint are among the prime conditions of religion and human culture.” (Stanley Hall and Allin, “The Psychology of Tickling,” American Journal of Psychology, 1897, p. 31.)

Groos attributes the deepening of the conjugal relation among birds to the circumstance that the male seeks to overcome the reticence of the female by the display of his charms and abilities. “And in the human world,” he continues,

“it is the same; without the modest reserve of the woman that must, in most cases, be overcome by lovable qualities, the sexual relationship would with difficulty find a singer who would extol in love the highest movements of the human soul.” (Groos, Spiele der Menschen, p. 341.)

 

…Many psychologists have regarded modesty simply as the result of clothing. This view is overturned by the well-ascertained fact that many races which go absolutely naked possess a highly-developed sense of modesty…..physiological modesty is earlier in appearance, and more fundamental, than anatomical modesty. A partial contribution to the analysis of modesty has been made by Professor James, who, with his usual insight and lucidity, has set forth certain of its characteristics, especially the element due to

“the application to ourselves of judgments primarily passed upon our mates.”

Hohenemser has made a notable attempt to define the psychological mechanism of shame. (“Versuch einer Analyse der Scham,” Archiv für die Gesamte Psychologie, Bd. II, Heft 2-3, 1903). ”

He regards shame as a general psycho-physical phenomenon, “a definite tension of the whole soul,” with an emotion superadded.

The state of shame consists in a certain psychic lameness or inhibition,”

sometimes accompanied by physical phenomena of paralysis, such as sinking of the head and inability to meet the eye. It is a special case of Lipps‘s psychic stasis or damming up (psychische Stauung), always produced when the psychic activities are at the same time drawn in two or more different directions. In shame there is always something present in consciousness which conflicts with the rest of the personality, and cannot be brought into harmony with it, which cannot be brought, that is, into moral (not logical) relationship with it.

A young man in love with a girl is ashamed when told that he is in love, because his reverence for one whom he regards as a higher being cannot be brought into relationship with his own lower personality.

A child in the same way feels shame in approaching a big, grown-up person, who seems a higher sort of being.

Sometimes, likewise, we feel shame in approaching a stranger, for a new person tends to seem higher and more interesting than ourselves.

It is not so in approaching a new natural phenomenon, because we do not compare it with ourselves. Another kind of shame is seen when this mental contest is lower than our personality, and on this account in conflict with it, as when we are ashamed of sexual thoughts. Sexual ideas tend to evoke shame, Hohenemser remarks, because they so easily tend to pass into sexual feelings; when they do not so pass (as in scientific discussions) they do not evoke shame.

…..The New Georgians of the Solomon Islands, so low a race that they are ignorant both of pottery and weaving, and wear only a loin cloth,

“have the same ideas of what is decent with regard to certain acts and exposures that we ourselves have;” so that it is difficult to observe whether they practice circumcision. (Somerville, Journal of the Anthropological Institute, 1897, p. 394).

In the New Hebrides

“the closest secrecy is adopted with regard to the penis, not at all from a sense of decency, but to avoid Narak, the sight even of that of another man being considered most dangerous. The natives of this savage island, accordingly, wrap the penis around with many yards of calico, and other like materials, winding and folding them until a preposterous bundle 18 inches, or 2 feet long, and 2 inches or more in diameter is formed, which is then supported upward by means of a belt, in the extremity decorated with flowering grasses, etc. The testicles are left naked.” There is no other body covering. (Somerville, Journal of the Anthropological Institute, 1894, p. 368).

In the Pelew Islands, says Kubary, as quoted by Bastian, it is said that when the God Irakaderugel and his wife were creating man and woman (he forming man and she forming woman), and were at work on the sexual organs, the god wished to see his consort’s handiwork. She, however, was cross, and persisted in concealing what she had made. Ever since then women wear an apron of pandanus-leaves and men go naked. (A. Bastian, Inselgruppen in Oceanien, p. 112).

In the Pelew Islands, Semper tells us that when approaching a large water-hole he was surprised to hear an affrighted, long-drawn cry from his native friends.

“A girl’s voice answered out of the bushes, and my people held us back, for there were women bathing there who would not allow us to pass. When I remarked that they were only women, of whom they need not be afraid, they replied that it was not so, that women had an unbounded right to punish men who passed them when bathing without their permission, and could inflict fines or even death. On this account, the women’s bathing place is a safe and favorite spot for a secret rendezvous. Fortunately a lady’s toilet lasts but a short time in this island.” (Carl Semper, Die Palau-Inseln, 1873, p. 68).

 

“Among the Western Tribes of Torres Strait, Haddon states, the men were formerly nude, and the women wore only a leaf petticoat, but I gather that they were a decent people; now both sexes are prudish. A man would never go nude before me. The women would never voluntarily expose their breasts to white men’s gaze; this applies to quite young girls, less so to old women. Amongst themselves they are, of course, much less particular, but I believe they are becoming more so…. Formerly, I imagine, there was no restraint in speech; now there is a great deal of prudery; for instance, the men were always much ashamed when I asked for the name of the sexual parts of a woman.” (A. C. Haddon, “Ethnography of the Western Tribes of Torres Straits,” Journal of the Anthropological Institute, 1890, p. 336).

After a subsequent expedition to the same region, the author reiterates his observations as to the “ridiculously prudish manner” of the men, attributable to missionary influence during the past thirty years, and notes that even the children are affected by it.

“At Mabuiag, some small children were paddling in the water, and a boy of about ten years of age reprimanded a little girl of five or six years because she held up her dress too high.” (Reports of the Cambridge Anthropological Expedition to Torres Straits, vol. v, p. 272).

“Although the women of New Guinea,” Vahness says,

are very slightly clothed, they are by no means lacking in a well-developed sense of decorum. If they notice, for instance, that any one is paying special attention to their nakedness, they become ashamed and turn round.”

When a woman had to climb the fence to enter the wild-pig enclosure, she would never do it in Vahness’s presence. (Zeitschrift für Ethnologie, Verhdlgen., 1900, Heft 5, p. 415).

In Australia “the feeling of decency is decidedly less prevalent among males than females;” the clothed females retire out of sight to bathe. (Curr, Australian Race.)

Except for waist-bands, forehead-bands, necklets, and armlets, and a conventional pubic tassel, shell, or, in the case of the women, a small apron, the Central Australian native is naked. The pubic tassel is a diminutive structure, about the size of a five-shilling piece, made of a few short strands of fur-strings flattened out into a fan-shape and attached to the pubic hair. As the string, especially at corrobboree times, is covered with white kaolin or gypsum, it serves as a decoration rather than a covering. Among the Arunta and Luritcha the women usually wear nothing, but further north, a small apron is made and worn.” (Baldwin Spencer and Gillen, Native Tribes of Central Australia, p. 572).

Of the Central Australians Stirling says:

“No sense of shame of exposure was exhibited by the men on removal of the diminutive articles worn as conventional coverings; they were taken off coram populo, and bartered without hesitation. On the other hand, some little persuasion was necessary to allow inspection of the effect of [urethral] sub-incision, assent being given only after dismissal to a distance of the women and young children. As to the women, it was nearly always observed that when in camp without clothing they, especially the younger ones, exhibited by their attitude a keen sense of modesty, if, indeed, a consciousness of their nakedness can be thus considered. When we desired to take a photograph of a group of young women, they were very coy at the proposal to remove their scanty garments, and retired behind a wall to do so; but once in a state of nudity they made no objection to exposure to the camera.” (Report of the Horn Scientific Expedition, 1896, vol. iv, p. 37).

In Northern Queensland “phallocrypts,” or “penis-concealers,” only used by the males at corrobborees and other public rejoicings, are either formed of pearl-shell or opossum-string. The koom-pa-ra, or opossum-string form of phallocrypt, forms a kind of tassel, and is colored red; it is hung from the waist-belt in the middle line. In both sexes the privates are only covered on special public occasions, or when in close proximity to white settlements. (W. Roth, Ethnological Studies among the Northwest-Central-Queensland Aborigines, 1897, pp. 114-115).

 

 

Excerpt From: Havelock Ellis. “Studies in the Psychology of Sex, Volume 1 / The Evolution of Modesty; The Phenomena of Sexual Periodicity; Auto-Erotism.” iBooks.

Adolf Hitler vs VATICANO

 

Adolf Hitler e il suo rapporto perverso con i pericolosissimi uomini con le gonne.
Secondo alcuni autori, Adolf Hitler viene messo a scaldare la poltrona della dittatura nazista di Germania proprio dagli uomini con le sottane bianche, i papi Pio XI e il suo compare Pio XII, i quali restano sempre amicissimi del Fuhrer, per tutto il tempo che dura il suo daffare. Però ti ricordo la testimonianza di Paul Manning, che ha scritto la storia di Martin Bormann (“Martin Bormann, nazi in exile“), l’amministratore totale del terzo Reich, il quale è già portaborse e manager delle attività dei burattini nazisti, quando ancora quelli sono in strada al freddo a distribuire volantini e iniziano faticosamente a raccattare le prime offerte di carità per finanziare la causa comune ai loro compari d’osteria.

Anche qui, oltre all’influenza ideologica, che certo non è da sottovalutare, che altro vuoi che facciano gli uomini con le sottane per mettere il burattino al potere? Ti aspetti forse che quei taccagni lecca-decime del Vaticano possano finanziare con denaro o con oro vero le attività della nascente forza politica delle camice brune? I chierici si fanno impiccare piuttosto di sganciare un solo nichelino, perché sono addestrati, e sempre pronti, a prendere ma mai a dare, neppure se quel dare si ha sotto forma d’investimento, e, anche in quel caso, il soggetto di quel “dare” appare sempre cavare la biada da forzieri diversi da quelli di Roma. Martin Bormann tratta con con IG Farben (Bayer), con uno dei fratelli Dulles, ruffiano assoluto dei Rockefeller e fondatore di OSS e CIA, è da loro, dalla grande industria pesante e farmacologica dei veleni di Germania, che Bormann cava i milioni che servono per la grancassa che spinge la propaganda di un partito nascente che senza fondi è inesistente. Chi cavolo conosce Adolf Hitler e i suoi compari d’osteria in quel tempo? Dove potrebbe mai arrivare quel piccolo e timido caso clinico di necrofilia (Erich Fromm, “Anatomia della distruttività umana”) senza Martin Bormann e i suoi gentili finanziatori, tutti già multimilionari? E i preti nazisti, dove sta scritto che abbiano finanziato in qualche misura, altro che ideologica, le attività dei loro aguzzini in divisa nera? Quegli stabilimenti, che ancora oggi avvelenano il mondo con le medicine cancerogene, con la chemioterapia e le radiazioni ionizzanti, e con i vaccini assassini,
sono fabbricati dagli schiavi dei campi di concentramento, disseminati prima in tutta l’Europa comandata dai nazisti, poi nel resto del mondo e ancora oggi dominano la scemenza certificata dei pericolosissimi avvelenatori dei ministeri della salute del mondo industrializzato.

Sappiamo, per esempio, che imprese come Google, Facebook, Microsoft, In-Q-Tel ed altre, le società dello spionaggio industriale digitale del mondo moderno, che lavorano direttamente per gli interessi dei padroni delle banche centrali e che sono infarcite con centinaia di migliaia di dollari dei contribuenti del pianeta, ospitano apertamente o indirettamente gli economi e gli analisti della CIA nei loro consigli di amministrazione.

Ma quanti dei conglomerati industriali che finanziano il nazismo tedesco sono gestiti, direttamente o indirettamente, dagli uomini con le gonne? Quante di queste imprese multinazionali ospitano in seno ai loro consigli di amministrazione gli economi delle banche vaticane? Per rivedere i nomi dei singoli finanziatori bisognerebbe riprendere in mano i verbali delle lussuose cene organizzate in Germania da Martin Bormann, alle quali non ricordo siano presenti preti. Diciamo che forse li ospitano o forse no ma il fatto sta che, quelli che dicono che i pagliacci con le sottane bianche “Pio XI e Pio XII mandano al potere Adolf Hitler..” senza spiegarmi come fanno, mi pare che parlino proprio come i fessi che insegnano la storia nelle scuole elementari per normali, i quali attribuiscono la ragione di ogni cosa al fatto ideologico e si dimenticano sempre, sempre, sempre, sempre, che per mandare qualcuno “al potere” servono prima di ogni cosa i denari, le finanze, la pecunia, i sesterzi.

Possiamo dire che l’azione politica è prima di tutto un’azione finanziaria, nella sostanza.
La storia economica moderna e contemporanea ci ammaestra sulle due questioni fondamentali della storia passata e presente:

a) le guerre, le rivoluzioni, le insurrezioni, e persino le manifestazioni studentesche, sono eventi pianificati e organizzati.

b) Gli organizzatori delle guerre pianificate sono investitori, sempre capitalisti, anche quando finanziano il socialismo e il comunismo, che usano gli impianti ideologici e la propaganda solo per mandare i fessi allo sbaraglio, mentre loro si prendono la roba con la forza e con la frode.

Ma se capiamo questo, perché continuiamo a studiare la storia con i paraocchi delle ideologie?

“Nasce il movimento…Mao nelle campagne…le rivolte contadine…l’illuminismo, il fascismo, il nazismo, l’interventismo, il verismo, il realismo..il giacobinismo, l’oscurantismo…il comunismo…i Khmer rossi….i musulmani…i cattolici…”

Queste fandonie con le quali si riempiono gli inutili testi scolastici non c’entrano niente. Chiunque sia messo al potere lo si è messo al potere, o ci si è messo, per mezzo del denaro e questo perdiana vale anche per le dittature militari. Un generalissimo impazzito che vuole prendere il potere in una qualunque repubblica delle banane non va da nessuna parte senza finanziamenti. Ed ecco che la sua azione non sarà mai un’azione unilaterale ed autonoma, mai. Ci sarà sempre qualcuno dietro e dovrà sempre essere qualcuno con mezzi finanziari eccezionali. Ricordo infine, con Antony Sutton, che i finanziamenti all’industria pesante tedesca non originano solo in Germania e in Europa, possiamo anzi dire che nascono proprio dall’altra parte dell’Atlantico. Senza dare troppo scandalo sulle operazioni bancarie del ruffiano Prescott Bush, antenato dei due inutili presidenti statunitensi del nostro tempo, due delle imprese finanziarie americane più significative, che ingrassano sia Stalin che Hitler, è rappresentata da

GUARANTY TRUST COMPANY e BROWN BROTHERS, HARRIMAN.

La casa di JP Morgan controlla la Guarany Trust dal 1912 e i capitali iniziali per le operazioni viste di sopra provengono dalle famiglie: Whitney, Rockefeller, Harriman e Vanderbilt (unico nome che suona simile al tedesco). Questi investimenti non si fanno solo per le guerre pianificate che verranno e gli indebitamenti pubblici con le banche centrali che ne conseguiranno, bisogna tener conto che il finto comunismo e il finto nazional-socialismo sono solo impianti ideologici per i babbei con i quali si copre un altro movente fondamentale, la rapina del petrolio e del manganese sovietico.

Riprendiamo dunque il ragionamento degli analisti francesi, dicendo che i due papi nominati di sopra sono amici di Hitler, va bene, e che lo appoggiano, per quanto di loro competenza e cioè facendo la “propaganda fide” anche in favore del nazismo, il quale a sua volta perseguita gli oppositori della chiesa di Roma, oltre che gli ebrei, gli intellettuali, gli zingari, i testimoni di Geova, gli psico-labili, i ladri, le puttane e, in minima parte, anche i ruffiani di quelle puttane (i preti sono a caccia di oppositori in genere ma, quando non sanno più con che altra categoria ingrassare le loro liste nere, perché le categorie possibili le hanno esaurite, allora si accaniscono soprattutto sui miti della finta moralità e quindi vanno a caccia di donne da torturare e sterminare; i ruffiani, invece, sono un bersaglio poco interessante per loro, anzi, possono servire la causa, alla bisogna, come spie dei loro compagni e delle loro stesse puttane, proprio perché sono ruffiani e totalmente opportunisti).

Gli amanti del pensiero complicato restano sempre affascinati e sedotti dall’aspetto ideologico di ogni questione, dimenticano l’aspetto fondamentale di ogni problema, che è quello della finanza, e forse è proprio questo che si ritrovano ogni volta con i fucili imbracciati ad ammazzare degli sconosciuti, o a farsi ammazzare da degli sconosciuti, senza capire perché debbano farlo. Certo la questione ideologica può servire il pastore delle greggi, perché il pastore è quello che usa il trucco dell’impianto ideologico per portare le greggi al macello. Ed ecco che infatti Adolf Hitler si alimenta della ideologia dei gesuiti, proprio per ispirare la propria organizzazione segreta e militare. In questo senso, sì, certo, in questo senso si riflette la copia dell’organizzazione dei gesuiti e dei loro compari in sottana, persone crudelissime e vilissime, sempre pronte a sfogarsela sui più deboli, sui malati, sui bambini e in generale sugli indifesi, assetate di sangue ad ogni costo, che forniscono le basi intellettuali, sia ideologiche che tecniche, con l’esempio concreto della loro capacità organizzativa nell’infliggere dolore e morte, con la loro storica capacità di perdurare come banda criminale imbattuta per secoli, e forniscono i pani, o l’ispirazione necessaria, per la costruzione dei campi di sterminio, o di lavoro, la cui prima implementazione storica si ha per mano degli aguzzini dell’impero britannico, nell’interesse dei Rothschild e degli Oppenheimer, per fottere tutti i diamanti del Sudafrica, nel 1900, quando ad essere internati e sterminati sono i coloni olandesi e le loro famiglie. Ma è proprio Adolf Hitler ad essere citato sulla questione dei gesuiti, e non i suoi aguzzini o i suoi amministratori che fanno tutto per lui, con o senza di lui, e dicono che dica:

“Io ho imparato molto dall’ordine dei gesuiti. Fino ad ora, non c’è stato niente di più grandioso sulla Terra che l’organizzazione gerarchica della chiesa cattolica romana. Ho trasferito gran parte di questo modello organizzativo nel mio stesso partito..sto fondando pure io un ordine..tireremo su una generazione di giovani (fessi) che faranno tremare il mondo…”

e a chi dirà queste stupidaggini? E quanto peso avrebbero le sue farneticazioni, senza i finanziamenti di IG Farben, dei Rockefeller, dei Bush e degli altri economi e legali della cricca bancaria newyorkese ed internazionale? Walter Schellenberg, sembra il nome di una birra ma è quello del direttore del controspionaggio nazista, da bravo spione e ruffiano, riferisce di questa confidenza fattagli da Adolf Hitler

“l’organizzazione delle SS è opera di Himmler ed è stata realizzata in accordo con i principi dell’ordine dei gesuiti. I loro regolamenti e gli esercizi spirituali prescritti da (santo) Ignazio di Loyola sono il modello che ha ispirato Himmler nel tentativo (riuscito con successo) di realizzare le Reichsfuhrer SS…”

i gesuiti hanno i “generali” e l’equivalente hanno le gerarchie naziste. Un momento. Ma i generali non li hanno anche tutti gli altri eserciti, da decenni prima della malaugurata nascita dello stesso Himmler? Napoleone, non è generale anche lui prima di darsi alla politica? E il generale Custer? E Tiberio, e Marcellino e Annibale, non sono anche generali romani? Copiano tutti dai gesuiti? A parte le fregnacce sulle gerarchie militari, che esistono da prima degli stessi gesuiti, perché anche le guerre si hanno prima dell’istituzione dell’ordine dei gesuiti, mi pare che Himmler e Hitler non ripetano la parte dell’esperienza più importante dell’ordine dei gesuiti, quella di durare nel tempo. Cosa vuoi che mi freghi di sapere se è vero oppure no che qualche nazista ripete gli esercizi spirituali di Loyola quando apprendo che i fondi per comprare i cannoni nazisti vengono dai Rockefeller e da JP Morgan?

Vedi che si tratta sempre, per i finti storici e per gli studiosi di storia, di vendere questioni ideologiche, siano giuramenti di assoluta lealtà, principi ispiratori, passioni religiose, visioni di madonne, piani di attacco, schemi operativi, precetti o modelli organizzativi eccetera, ma nessuna fornitura di equipaggiamenti materialmente utili, come i carri armati, i cannoni dell’industria pesante americana e i gas nervini prodotti da IG Farben (Bayer). Il regno del terrore, forse, richiama l’idea dei secoli bui voluti dai sadici e pericolosi assassini del vaticano ma non è dimostrato che sia proprio così, tanto è vero questo che la guerra non è decisa da Hitler, che Hitler è un prodotto delle banche occidentali tanto quanto lo è Stalin e, se pure si viene a sapere che lo stesso Stalin è un pargolo allevato dai gesuiti, se pure lo stesso si viene a sapere di Lenin e Trotsky, dobbiamo sempre ricordare che quelli lavorano con i capitali dei banchieri di Londra e Nuova York e i vari colpi di stato che organizzano in giro servono gli interessi privati di famiglie che non appartengono, perlomeno non direttamente, all’ordine dei gesuiti e che si tengono la gestione dell’oro, dei diamanti, del petrolio e del denaro di tutto il pianeta Terra.

DEI GESUITI CHE DANNO LOCANDA AI NAZISTI IN FUGA
Paul Manning racconta che molti nazisti, tra i quali il suo stesso eroe, Martin Bormann, partono da Berlino per il Sudamerica, dopo l’invasione anglo-americana dell’Europa e la finta avanzata dei manichini russi a Berlino, e giungono a destinazione grazie all’aiuto e al supporto logistico dei gesuiti. Ecco finalmente una testimonianza di cooperazione concreta degli uomini in sottana con i nazisti. I “santi padri” infatti li ospitano nei loro conventi, tappa dopo tappa, li nutriscono e li imbarcano sotto falso nome sulle navi che da Lisbona vanno in Argentina o in altri posti comodi e caldi. Dunque i gesuiti fanno anche cose concrete, danno locanda ai nazisti in fuga. E con ciò? Operano da buoni cristiani, perché così potrebbero e dovrebbero fare con chiunque fosse perseguitato, per quale che sia il motivo della sua persecuzione. Non vi sta bene? Il fuggiasco trova riparo in convento, che c’è di tanto strano? Non accade in passato anche con gli scellerati che ammazzano le mogli e sono ricercati dai polizziotti? La polizia col cavolo che si permette di entrare in una chiesa, è fuori dalla sua giurisdizione, in quel tempo. Ma ai tempi dei nazisti in fuga, il problema giurisdizionale non si pone assolutamente. Domandati piuttosto come mai gli aeroporti militari di Berlino sono ancora funzionanti, dopo che Berlino è completamente distrutta e che le cittadine disarmate della Germania del nord sono completamente rase al suolo, come mai è possibile volare tranquilli da Berlino a Lisbona e poi ripartire in nave da crociera con passaporti falsi? Chi fornisce questo tipo di assistenza logistica? Non sono sempre i ruffiani delle agenzie di spionaggio, che lavorano alle dirette dipendenze dalle banche centrali? Pensa al caso dell’ebreo nazista Heinz Henry Kissinger, incaricato di portare negli Stati Uniti d’America i più bravi criminali nazisti, per metterli a dirigere enti di stato civili e militari, nella famosa operazione PAPERCLIP, non lavora egli per conto dello spionaggio statunitense? E lo spionaggio statunitense non è roba come OSS e CIA? E queste due imprese non sono realizzate dai fratelli Dulles, fra gli altri, ruffiani diretti della famiglia Rockefeller e dai suoi associati di Wall Street? I dirigenti della storia della CIA sono tutti avvocati di grandi imprese finanziarie di Wall Street. A me pare che, anche in questo caso, l’intervento dei padri gesuiti è poca cosa, in senso materiale, ed è di grande sostegno in senso ideologico, a meno che non si dimostri un legame operativo tra quei finanziatori occidentali e gli uomini con le gonne.

DELLO ZIO GESUITA DI KURT HEINRICH HIMMLER
Tutta la vecchia guardia degli irriducibili nazisti, Hitler, Himmler, e gli altri dirigenti della canaglia nazista sono ferventi cattolici, tutti. Come dire che per fare carriera ci vuole la tessera del partito, o bisogna essere iscritti alla massoneria. E allora? E allora facciamo un altro esempio. Il padre gesuita Himmler è lo zio di Kurt Heinrich Himmler, comandante in capo, mi pare di capire, della GESTAPO, della forza di polizia tedesca e delle SS. Il fatto che egli abbia uno zio gesuita vuoi che non abbia influito sulle sue inibizioni e sulla sua educazione? Certamente sì, anche se in molte famiglie zii e nipoti non si frequentano mai, ed ecco che rientriamo di nuovo nell’ambito dell’influenza ideologica, non per questo non perniciosa ma inoffensiva senza cannoni, aerei, missili e carri armati. Perciò non ho nessuna voglia di andarmi a perdere nei dettagli della vita di ciascun burattino, per sapere che lo zio di Himmler è a sua volta capo di un progetto militare anti comunista, e quindi apparentemente in linea con i piani diabolici della chiesa, perché so pure che anche il comunismo internazionale è una cospirazione finanziata dai banchieri occidentali, fin dal principio.

Lo zio di Himmler, come qualunque altra spia, può anche lavorare in buona fede contro i comunisti così come i suoi colleghi dall’altra parte possono fare lo stesso contro di lui, ma rimane comunque una commedia di burattini. Di più ti dico, siccome sono spie, siccome lavorano per i servizi cosiddetti “segreti”, le cose si sanno e non si sanno e quando arriva il momento di prendere lo zio di Himmler per interrogarlo, non si sa perché, egli non riesce a scappare come gli altri e viene arrestato a Norimberga. La provvidenza vuole che anche lui sia trovato morto nella cella, come tutti i finti impiccati che sono arsi la notte stessa, con lo stesso stile frettoloso con cui si crema il cadavere finto di Osama bin Laden, dopo che viene assassinato per la terza volta.

DEL “MEIN KAMPF”
Sono tutte messe in scena, prese per il culo attorno alle quali i finti storici e gli appassionati di storia si eccitano. Non fatico a credere che il “Mein Kampf” sia opera del padre gesuita Staempfle ma che mi cambia ora che lo so? Anche il manifesto del partito comunista non è scritto da Karl Marx e nemmeno parecchie delle opere attribuite a Shakespeare, se non tutte, e nemmeno sappiamo se esiste nella realtà. Conosco molti cinesi che vivono a Chsansha, dove tutti ricordano con grande affetto il millantatore genocida e spia inglese, Mao Zedong, e centinaia di cinesi che conosco negli anni mi dicono di avere il libretto rosso del presidente Mao. E però io non ho mai conosciuto un comunista che abbia mai letto Marx, un cinese che abbia mai letto il libretto di Mao, o un qualunque altro cialtrone che abbia veramente letto il Mein Kampf. Tutti citano e nessuno legge. Pensi che il comunismo sia organizzato grazie alle scemenze scritte da San Tommaso d’Aquino, scemenze che nessuno ha letto? O che il nazismo si abbia grazie all’ispirazione del Mein Kampf, che nessuno ha letto? E il comunismo come si ha, grazie ai manifesti farneticanti scritti dai consulenti della banche centrali di Nuova York, contro le quali il povero Marx, impiegato diretto dei Rothschild, si querela?

Ciò che determina gli eventi, fino a questa fase, mi pare che si possa dimostrare che siano i grandi capitali, con i quali si fabbricano anche gli impianti ideologici. Anche per quanto riguarda l’efficacia della propaganda, non è la bontà dell’ideologia, a fare la differenza, ma la capacità distributiva di quella ideologia. Ci vuole il capitale per propagandarla, quella ideologia, quale che sia, oppure un esercito di gesuiti, i quali però vanno bene per la propaganda dell’ideologia ma non per il supporto militare e logistico, perché per quello bisogna spendere e spendere tanto. Se non trovo un legame tra i preti e i grandi capitali, un legame operativo, contrattuale, formale, per me chiesa e banche centrali restano poteri complementari e nemmeno tanto concorrenti.

DEL LEGAME TRA POTERE REALE E PRELATI
Il piano del collettivismo oligarchico mondiale, o quello che tutti chiamano il piano del cosiddetto nuovo ordine mondiale, è il prodotto della visione di un ragazzo che si chiama Cecil Rhodes e che, come Adolf Hitler e molti altri visionari, cerca di organizzare un gruppo eversivo di genti molto dedicate e devote, ispirato all’ordine dei gesuiti. A differenza di Adolf Hitler, Cecil Rhodes spende di tasca sua e con suo patrimonio gli amministratori del suo testamento continuano il suo lavoro ancora fino ad oggi. Durante questo percorso di conquista del mondo, però, si aggregano a questi segretissimi e fedelissimi amministratori delle volontà e dei beni di Cecil Rhodes i soliti noti, i Rockefeller negli Stati Uniti d’America e i Rothschild dalla parte civilizzata dell’occidente europeo.

Quindi alla fine è sempre la stessa minestra e i preti ci si fanno rientrare per una serie di ragioni prevalentemente storiche e/o ideologiche. Le società segrete s’ispirano all’ordine dei gesuiti, perché storicamente i gesuiti sono gli spioni più efficaci, sono quelli che riescono ad infiltrare tutti, persino la massoneria e le banche, ed ecco, forse, un legame operativo. Se la società di Gesù può consolidare tanto potere, in passato, nonostante sia costituita da pederasti corrotti e pervertiti, immagina dove possono giungere gli spioni delle società segrete di Cecil Rhodes, gestite dalla grande “mente sana”, la loro, animata soprattutto dalla ricchezza dei diamanti d’Africa ma anche dal nobile ideale di estendere potere dell’impero britannico, che si crede tramontato ma non lo è, sul mondo produttivo per lo stesso bene dei bruti che in quel mondo lavorano e producono. Cecil Rhodes e i suoi ragazzi lavorano per il bene dell’umanità, a differenza dei gesuiti, perché il dominio britannico sul mondo è un bene, credono loro, per il mondo, e certo non è tanto depravato quanto quello degli uomini con le gonne. Chi vorrebbe non essere d’accordo? Così inventano le tavole rotonde, il nuovo ordine mondiale, il CFR, le Nazioni Unite, il Bilderberg e tutte quelle altre associazioni culturali e/o filantropiche transnazionali, apparentemente svincolate, che però in coordinazione fra loro e con le banche centrali determinano le decisioni dei burattini collocati ai governi delle nazioni. Per gestire queste associazioni non dovrebbero aver bisogno del conforto politico e spirituale degli uomini con le sottane. Oppure sì?

Quale rimane la leva con la quale si ottiene il collettivismo oligarchico? Per mezzo di gruppi di consulenti come quegli avvocati che lavorano nel CFR, per esempio, si può dire al tale burattino del governo statunitense di fare una certa cosa, per mezzo di altre associazioni, come per esempio il KGB, si può chiedere al tale burattino russo di farne un’altra, e così via. In ogni nazione, ad ogni occasione, i burattini saranno sempre guidati dai consulenti delle banche centrali, che rappresentano i loro padroni, detti anche investitori, ai quali ciascun burattino deve denari in nome e per conto del proprio governo (la moneta artificiale, prestata con la truffa dalla banca centrale al singolo governo) ma, in definitiva, se quelli esitano o non condividono l’oggetto della consulenza, perché ogni tanto capita, allora che si fa? Il controllo feudale sul sistema collettivista lo si pratica, ancora una volta, con la rete di banche centrali, coordinate dalla pericolosissima BIS. Ogni burattino di governo deve stare alle regole imposte dalla banca centrale, altrimenti perde la poltrona, o la vita. È la banca centrale che decide se il tale burattino rimane in carica oppure se è il caso di ordinare il rientro delle linee di credito e far chiudere le sue imprese, o se sia meglio organizzare una belle serie di contestazioni e proteste popolari, per rovesciare il suo governo, o se mandare la nazione in guerra in qualche paese lontano, per tenere tutti distratti ed incrementare il livello del debito; le alternative sono molte e tutte valide e in nessuna di quelle riesco a vedere l’obbligatorietà della cooperazione operativa degli uomini con le gonne.

Tuttavia, è possibile che Carroll Quigley, frequentatore autorizzato, entro certi limiti, delle società segrete, osservando il loro operare da vicino, si sia dimenticato dell’influenza psicologica e ideologica che gli storici ispiratori delle società segrete, i gesuiti, hanno al presente sui grandi organizzatori di quelle società. Se, per esempio, oltre a Mario Draghi e a suo padre, scopriamo che ogni singolo dirigente di banca centrale, e ogni singolo padrone del dirigente della banca centrale, è allevato fin da piccolo dai depravati padri gesuiti, allora dobbiamo rivedere tutto il lavoro di Carroll Quigley e correggerlo, perché in quel caso non potremo mai più credere che le scelte dei padroni delle banche centrali siano delle scelte autonome. Il potere suggestivo degli uomini con le gonne attecchisce con troppa voracità, come il fungo che origina il tumore.

Infine, La “diffusione” della droga sarebbe un’abitudine importata dagli Stati Uniti d’America? (Cavo la domanda da certe affermazioni di Antonio Pantano nella stessa videoconferenza, al punto 42:27) Beh, magari, almeno una cosa buona l’avrebbero fatta. Dopo che per l’applicazione delle politiche restrittive, e cioè per aumentare i prezzi, la droga è stata fatta diventare illegale, tra i maggiori finanziatori delle operazioni e dei traffici internazionali di droga abbiamo proprio i fratelli Dulles. E però, prima che fosse bandita per finta, prima del 1914-20, si viveva in un mondo migliore; Pantano non ricorda che la Carapelli produceva le pastiglie d’eroina molto prima che Mussolini iniziasse a fare il ruffiano per conto della banca centrale inglese. E a fine ‘800, In Europa, si faceva grande uso anche di un’altra “sostanza meravigliosa”, la cocaina, sulla quale Sigmund Freud ha scritto un bellissimo saggio di 100 paginette, per spiegarne i tanti usi terapeutici alla quale la cocaina si presta. Oltre a ciò, visto che (Ubaldo e Pantano) volete fare per forza i nostalgici-moralisti, sappiate anche che la Coca-Cola, in origine, era una bevanda rinfrescante e rigenerante proprio grazie alle sue straordinarie proprietà stimolanti, che cavava dalla cocaina, perché era composta di estratto della foglia di coca e noce di Kola. Poi purtroppo la coca la si è voluta illegale e sappiamo che razza di porcheria è diventata la cocacola da quando non contiene più la coca. Non sottovalutate il trucco delle politiche restrittive, funziona con la droga, con la moneta, con le finte crisi petrolifere, e con i veleni delle chemioterapie, con le quali, con quelli sì, ti ammazzano legalmente contro il pagamento di migliaia di dollari a fialetta. 9 milioni di vittime muoiono ogni anno di cancro, mutilati sotto i ferri della macelleria oncologica di monopolio, avvelenati dalle chemio “terapie” e demoliti dalle radiazioni ionizzanti. Questa mi pare un’altra cospirazione per la tortura e lo sterminio di massa, proprio dello stile degli uomini con le gonne del Vaticano, dei gesuiti e dei loro ruffiani delle varie inquisizioni. Lo stile è quello, come pure l’oscurantismo ideologico che appartiene al mondo della medicina di monopolio, la stessa che vendeva le pillole di eroina sul banco del farmacista a fianco a quelle contro il mal di testa. Fate il moralismo contro la chemio, non contro la cocaina e l’eroina. I veleni delle chemio sono cavati in origine dalle scorte di gas nervino rimaste in giacenza di qualche esercito, subito dopo la tragedia della prima guerra mondiale. E però neppure quella guerra faceva tanti morti quanti ne fa oggi il cancro. C’è poi da correggere altre piccole inesattezze proferite dal professore con la montatura colorata: a) delle scelleratezze dei musulmani egli non può saper nulla, perché tutto ciò che si dice su di loro proviene dagli stessi prestigiatori delle agenzie di stampa che hanno fabbricato la frottola dell’undici settembre; b) la sanità italiana è una gran presa per il culo. Persino in Cina comunista si è assistiti meglio che in Italia; se uno si spinge solo fino in Alto Adige può già constatare la grande differenza rispetto ad un pronto soccorso romano o napoletano; c) se poi vogliamo cantare le gesta del millantatore Mussolini, andando a dire che lui avrebbe istituito la sanità pubblica, sappiate che anche quello è un trucco (non che sia un trucco di Mussolini ma neppure è un merito suo); infatti, se non si sprecasse denaro pubblico per mantenere l’industria della medicina di monopolio, a ciascuno di voi rimarrebbe in tasca il 70% del reddito che ogni mese si fotte l’effetto di trascinamento fiscale. Potreste andare a farvi curare in Svizzera, o in Finlandia, e vi costerebbe certamente di meno di ciò che vi costa oggi. L’industria delle armi e della guerra, come la sanità pubblica e come gli sprechi per i finti viaggi spaziali sono imbrogli che servono a distruggere la ricchezza pubblica per mantenere l’ordine gerarchico esistente, a discapito di tutte le classi che lavorano (leggete Orwell, il rapporto dell’Iron Mountain e rileggete Ezra Pound).

Del Potere Gerarchico ed Economico dei pericolosissimi Uomini con le Gonne

 

A me pare di capire come fanno le banche centrali a manipolare l’economia del Giappone e dell’Europa ma non mi è chiara la leva gerarchica (se esiste, perché per alcuni pare che tutto il male del mondo sia opera dei “Vatican’s Assassins“) che consente ai padroni del Vaticano di manipolare a loro volta le banche centrali. Negli ordini militari, civili e clericali, le gerarchie ufficiali sono definite esplicitamente, da contratto, e al burattino di ciascun ordine corrisponde un certo grado di autorità, perlomeno formale, in base al suo grado gerarchico.

Le dinamiche delle società segrete non le sappiamo perché sono segrete per definizione e chi ne parla può solo parlarne per sentito dire. Altrimenti ci basiamo sulle testimonianze “dirette” degli storici che hanno avuto “storicamente” accesso alle associazioni segrete, come Antony Sutton e Carroll Quigley e che hanno prodotto molti documenti sulle associazioni segrete e sulle tavole rotonde. Ma questi, sulle associazioni segrete fanno tanti nomi di persone che appartengono a famiglie con gli uomini che portano i calzoni e io non ho ancora letto parte dei loro testi a proposito di quelli che si vestono con le sottane per sostituirsi alle donne, le quali odiano profondamente, per il loro potere di conquistare gli altri uomini e per la loro prerogativa divina di dare la vita. La loro perfidia è in parte anche comprensibilmente logica, essi sono stati traditi dal loro stesso dio, che ha dato alla femmina il potere di dare la vita e quello di conquistare il cuore degli uomini con i calzoni. Frementi di sdegno e d’invidia, i preti del mondo si sono uniti contro le donne e le hanno perseguitate per secoli e secoli, senza trascurare però di tormentare con i loro supplizi anche gli uomini che correvano dietro alle loro sottane.

Non essendo stati investiti del privilegio di dare la vita, gli uomini con le gonne si sono esercitati per secoli nel dare la morte ai vivi, nell’organizzare regimi di terrore e di sterminio di massa, mediante torture e supplizi sistematici sulla cui varietà nessun’altra casta umana ha mai dimostrato altrettanta inventiva. Essi hanno sempre dimostrato una particolare malignità d’animo e l’attitudine ad approfittarsi sempre della credulità e della povertà popolare, anche per infierire maggiormente sulle creature più deboli ed indifese.

Le stesse finte politiche ascetiche e penitenziali appaiono solo un’altro trucco per infierire sulle creature innocenti e/o indifese, per qualche motivo ridotte in condizioni di ridotta capacità di difesa. Infatti, la pratica di quelle politiche del finto celibato è basata sulla castità-omosessuale, sugli abusi sui malati, sulle carogne negli obitori, sui detenuti nelle carceri, sulle donne nei manicomi e sui bambini sordomuti, ingiustamente parcheggiati in istituti di dubbia moralità, da genitori indolenti e degenerati che proliferano con le mucche, cioè senza sapere cosa fanno, e a danno d’altri.

Ora, l’influenza che gli uomini con le gonne possono avere negli ospedali, nei manicomi, nelle carceri, nelle biblioteche, nei conventi, nelle parrocchie, nei luoghi di potere e in tutti gli altri agglomerati umani che sono riusciti ad infiltrare capillarmente, si può intuire, percepire, come un’influenza di tipo ideologico, tutta fondata sulle favole degli asini e degli angeli che volano; si tratta di frottole che funzionano sempre bene con i babbei, i creduloni, con chi ha problemi esistenziali, con chi è depresso e ha bisogno di compagnia, di conforto, con chi ha un disperato bisogno di un bel paio di cosce bagnate e fighe pelosissime e roventi ma non riesce a procurarsele, con i malati, i reclusi e i deboli in genere, che sono in condizione di disabilitazione e perciò più suggestionabili, in base a quelle meccaniche che Ivan Pavlov ha raccontato e chiarito bene, torturando i suoi poveri cani, e che gli uomini con le gonne conoscevano già da molti secoli prima che si desse il premio Nobel a quel ruffiano.

Questa particolare attitudine che hanno gli umani a cercare l’illusione e la suggestione per mano di prestigiatori con o senza le gonne è ciò che il prof. Erich Fromm chiamava “bisogno di trascendenza“. Possiamo chiamarla anche cretineria, scemenza di massa, credulità abusata eccetera ma, quale che sia la definizione di questa sindrome collettiva, essa rimane sempre ancorata ad un sistema ideologico.

Se è così, allora sarei portato a credere che certi soggetti scaltri che conosciamo, come i padroni delle banche centrali, del petrolio e dei diamanti, i Rothschild, i Rockefeller, gli Oppenheimer e i Carnegie, data la loro determinazione pragmatica a prendere direttamente la roba degli altri ed eliminare la concorrenza, siano pressoché immuni dalla capacità ipnotica delle frottole dei ruffiani della chiesa di Roma. Cioè, dovendo scegliere tra il prendere la roba, le ricchezze terrene degli altri, e le presunte delizie del paradiso, che si hanno solo dopo la morte, forse, mi pare che essi scelgano prevalentemente i benefici temporali dell’oro, del petrolio e dei diamanti. Anche i preti e i loro gerarchi con le sottane preferiscono, nei fatti, le letizie terrene a quelle che ipotizzano nell’aldilà, ma loro non sono oggetto del discorso qui, perché sono prestigiatori, illusionisti, e non greggi di popoli da guidare nella valle delle tenebre. Mi pare solo poco realistico immaginare che quei soggetti presi ad esempio qui di sopra siano tanto innocenti da seguire le greggi dei consumatori guidati dai preti, visto che prendono sempre tutto e non pagano mai un nichelino, perché quelle greggi di consumatori sono aggregazioni di schiavi che lavorano, sudano e pagano senza motivo le gabelle e le decime.

Se è così, ogni volta che vedo una complicità tra il potere finanziario e quello ideologico dei truffatori internazionali del Vaticano, sarei sempre portato a credere che la convivenza, la convenienza e la pace tra i due gruppi di potere, sia ricercata per ragioni di opportunità, ancora una volta, ideologica, perché i prestigiatori della chiesa di Roma, quando serve, per un esempio, possono partecipare, e lo hanno sempre fatto, a tutte quelle pratiche di raccolta e aggregazione di stronzi da mandare in battaglia, con un pretesto o con un altro. Ricordiamo poi che tutte le fesserie degli impianti ideologici attribuite ai finti socialisti e ai finti nazisti, tutti i parametri teorici di base dell’ideologia del nazismo e del comunismo, sono cavati direttamente dalle sacre scritture di ruffiani qualificati, come San Tommaso d’Aquino, per fare un altro esempio, o come Father Staempfle, per farne un altro, risparmiando ai pupi ai governi delle dittature di destra e di sinistra la fatica di dover imparare a leggere e a scrivere.

Se la chiesa si opponesse alla guerra, come dovrebbe, invece di articolare la letteratura per giustificare l’economia di guerra, quando torna utile, e gridasse in ogni parrocchia “non andate, disertate, non uccidete vittime innocenti, peraltro lo fate a danno vostro, loro, e inutilmente” e altre cose del genere, la loro influenza, ancora ideologica, potrebbe determinare qualche resistenza nelle operazioni dei banchieri, magari anche qualche ritardo nei flussi finanziari, o qualche sciopero dei marittimi incaricare d’imbarcare le lunghe file di missili e carri armati. Insomma, se il loro è un potere basato sulla suggestione ideologica, sulle favole, per quanto esso possa essere o divenire un potere devastante, è privo di un legame gerarchico diretto con le banche centrali, con i burattini posti a capo dei governi delle dittature d’Europa, America e d’occidente, con le portaerei, i missili e i generali delle truppe d’assalto.

Le dinamiche gerarchiche fra banche centrali e governi delle nazioni sono regolate da contratti, accordi e trattati. Anche le gerarchie dei poteri attribuiti nelle dinastie di palle mosce come gli Agnelli e gli Elkan, sono definite per contratto ed è possibile capire chi prevale su chi e perché, se si vuole.

Il meccanismo gerarchico non è lo stesso se si osserva l’influenza dei gesuiti sugli altri poteri. Per esempio, diciamo che Mario Draghi cresce in mezzo ai gesuiti e che diventa un servo della compagnia di Gesù, in animo, intimamente, come suo padre fa prima di lui, ma ciò non avviene per contratto scritto o comunque esplicitamente dichiarato, per quel che si può sapere, come invece avviene per i dirigenti con le gonne del Vaticano che per contratto rinunciano alla loro cittadinanza in cambio di una serie precisa e specifica di privilegi. Diciamo poi che il prete mancato Mario Draghi viene messo a gestire la banca centrale italiana, come, mi pare, suo padre prima di lui, poi lo mandano a scaldare la poltrona per Goldman Sachs e diciamo che infine viene messo a scaldare l’aria nelle stanze della perversione d’Europa, le camere ardenti della BCE.

Fino a qui riesco a capire che egli è un infiltrato dei gesuiti, come Fidel Castro e Mel Gibson, ma non riesco a capire come, tecnicamente, i gesuiti eserciterebbero la leva gerarchica sulle banche centrali e su Goldman Sachs. È ben possibile che la carriera del ruffiano non si abbia per comando della curia, che sia totalmente indipendente da essa, ma che sia solo da essa influenzata ideologicamente, come ideologicamente è condizionato anche il ruffiano.

Gli aguzzini con le sottane potrebbero ottenere le nomine anche solo per la loro influenza ideologica, per raccomandazione degli amici degli amici, perché sono infiltrati, ruffiani, perché fanno altri favori in cambio, ma c’è, allora, o non c’è anche una leva tecnico-gerarchica (una maggioranza azionaria, per esempio, o qualche altra forma di contratto attuale) che consente loro di comandare per esempio anche la BIS e tutte le altre banche centrali, come ipotizzano, senza addurre esempi concreti, certi amanti del ragionamento complicato? Persino le frodi finanziarie internazionali si compiono secondo norme della “lex mercatoria” che sono codificate, scritte, e che sono identiche in tutte le nazioni del mondo. Un legame formale tra l’opera delle banche centrali e i problemi di tutti i giorni esiste ed è definito per contratto (quindi si può leggere e conoscere, come si conoscono i famigerati moduli confessori obbligatori e illegittimi delle dichiarazioni dei redditi). Ma se uno mi dice che le banche centrali sono “specchietti per le allodole”, come capita, allora spero anche che mi spieghi come “i veri padroni” determinerebbero i problemi di tutti i giorni al presente. Se la spiegazione semplice esiste, bene, altrimenti resto nel dubbio. Ciò che è evidente, non apparente, evidente, è la chiara sofferenza determinata dalle politiche restrittive imposte ciclicamente dalle banche centrali e, fino a che non ci sarà almeno una prova fisica del fatto che esse operano per conto dei pervertiti travestiti con le sottane del Vaticano, mi paiono ancora sensate le spiegazioni sugli eccessi di produzione date da George Orwell (spia inglese e ruffiano diretto della banca centrale d’Inghilterra) e dell’eterna guerra dei banchieri contro i contadini, data da Ezra Pound.

Le Balle del Corriere della SeGa e della Bugiarda Avvelenatrice

 

Il 25 luglio del 2018 il Corriere della SeGa titola un’altra menzogna: ”

Vaccini-autismo, Cassazione ribadisce che non esiste legame”

Senza generalizzare troppo, diciamo che:

A) il titolo del corriere della sega non fa testo, perché è cartaccia stampata sulla quale scrivono falsari e ruffiani;

B) bisognerebbe leggere la sentenza e chiaramente non la pubblicano sul corriere della sega;

C) qui si tratta di una singola causa di un singolo padre che ha un singolo figlio e che ha fatto causa a qualche istituto/medico e ha perso la causa; ciò NON equivale AFFATTO a dire che non ci sia un LEGAME tra autismo e vaccini.

D) Nessun idiota (tranne gli idioti del corriere della sega e quelli che vanno in TV) può dire che non ci sia il legame, sono gli STESSI FABBRICANTI DI VELENO CHE TE LO DICHIARANO nella SCHEDA TECNICA di ogni prodotto che fabbricano! Questa è la prova certa, tutto il resto sono chiacchiere e bugie.

Qui sotto, prendetevi il tempo di leggere un modello di SCHEDA TECNICA (Vedi pag.: 24, 626, 632, 756, 995, 1147, 1201, 1206.); è solo un esempio ma lo fanno tutti i produttori per tutti i prodotti. Se hai il prodotto basta che leggi il FOGLIETTO ILLUSTRATIVO, e non discutere sulle cavolate che scrivono i lecca-culi del corriere della SEGA, o le frottole della bugiarda avvelenatrice d’innocenti.

Per Salvarsi dal Cancro, dai veleni-chemio e dalle radiazioni ionizzanti

 

DEL TUMORE, MOSTRO TREMENDO E MISTERIOSO
Riprendo tutto ciò che trovo scritto da Tullio Simoncini, per comodità mia nel tenere gli appunti che mi servono, certo, più che per scopiazzare, ma anche per distribuire, per cercare di diffondere in questo mio piccolo, per far avere le sue informazioni ad ulteriori cinque o dieci persone alle quali si potrebbe salvare la vita, e perché il suo esempio di genio, semplice e tutto sommato anche modesto, possa ispirare qualche altro scienziato vero, quale che sia la sua disciplina, certamente contaminata, come tutte le altre, dagli impianti ideologici di monopolio.

DELLA MODESTIA DEL MEDICO OSTRACIZZATO
Un minimo di vanità intellettuale deve essergli perdonata, perché nel moralismo religioso del consumatore medio, e del consumatore medio italiano, soprattutto, si ritrova l’immobilismo ieratico che permette agli uomini con le gonne di fermare la scienza per secoli e secoli. Il consumatore medio non perdona allo scienziato la sua apparente presunzione del “tutte le teorie sono scemenze al di fuori della mia” e però il consumatore medio non tiene conto di due elementi fondamentali per l’accrescimento del suo sapere e per il prolungamento della sua longevità: (A), lo scienziato di cui parliamo è pieno di sé ma parla con un linguaggio elementare, e ciò significa che non ha paura di spiegare, con chiarezza, anche passando per fesso, le cose semplici che ha imparato egli stesso con la sua pratica clinica; (B) egli ha portato dei risultati misurabili, diversamente dai tromboni dell’oncologia e delle altre stregonerie della medicina di monopolio. Tutti i modelli di finta umiltà degli impianti ideologici dei santoni d’occidente sono dei tromboni che usano linguaggi esoterici, nessuno ha mai capito cosa dicono, tanto è vero che per un secolo sono andati avanti con la stessa teoria cretina e mai dimostrata, e vestono tutti con brillanti ed abiti sontuosi, come i vescovi e i cardinali, quindi la loro pretesa umiltà è una semplice frode che alimenta le proprie delizie sulla sofferenza e sulla morte di 9 milioni di persone, che crepano malamente ogni anno per mano loro.

Ed ecco altre riflessioni di Tullio Simoncini sulla questione del cancro e della sua origine, l’invasione parassitaria di un pericolosissimo assassino: il fungo.

DEL CANCRO, IL MOSTRO TREMENDO E MISTERIOSO

“Cancro e fungo, un percorso di ricerca personale
Una delle domande che mi vengono rivolte più frequentemente, quando l’argomento cade su questa nuova terapia anticancro, è quella che riguarda gli inizi, i primi momenti in cui mi è balenata l’idea che il cancro fosse un fungo, e i motivi o le evenienze che mi hanno indotto a discostarmi dall’oncologia ufficiale.

Il tutto ebbe inizio alle lezioni introduttive di Istologia quando, alle parole del professore che descriveva il tumore come un mostro tremendo e misterioso, avvertii come una reazione d’orgoglio, alla maniera di chi si senta sfidare: nessuno può far niente contro di me – era il monito implicito del cancro – perché non sono alla portata delle vostre menti.”

DELL’ATTEGGIAMENTO CRITICO, O SCETTICO
“In quel momento cominciò una guerra, la mia guerra personale contro il cancro, consapevole di poterla vincere solo se riuscivo a convogliare tutte le mie risorse ed energie mentali, consce e inconsce, verso la giusta direzione, che poteva essere individuata a mio avviso solo con un atteggiamento critico riguardo alle concezioni ufficiali, fondate su molti se ma su poche certezze.”

DELL’IPERTENSIONE, DEL DIABETE, DELL’EPILESSIA, DELLA PSORIASI, DELL’ASMA, DELL’ARTRITE, DEL MORBO DI CROHN E DI ALTRE MALATTIE CHE – TI DICONO – NON GUARISCONO
“Lo sforzo più grande quindi consisteva prima di tutto nell’acquisire le nozioni necessarie per gli studi, operando però contemporaneamente un’analisi critica di quello che studiavo; cioè tenendo bene a mente che il tutto poteva essere molto probabilmente falso.

Così passarono gli anni, così si rafforzarono le mie convinzioni, specialmente dopo che, entrato nelle corsie dell’ospedale, mi accorsi che la medicina era incapace di risolvere non solo il cancro, ma addirittura la maggior parte delle malattie, a cui ancor oggi, purtroppo, al di là di un’efficacia settoriale nel trattamento di sintomi specifici, non è in grado di apportare alcun beneficio risolutivo. Nella lista possiamo includere l’ipertensione, il diabete, l’epilessia, la psoriasi, l’asma, l’artrite, il morbo di Crohn e altre.”

DELLA CARRIERA E DELLA POSIZIONE SOCIALE
“Oltre alla sfiducia verso l’efficacia della medicina, il tempo e le esperienze cliniche avevano caricato sulla mia anima un fardello di sofferenze che a malapena riuscivo a sopportare e che, ogni volta che si riacutizzavano alla presenza di un caso disperato, mi procuravano una crisi esistenziale che in un primo tempo mi spingeva a fuggire, ma che subito dopo mi ammoniva a restare in trincea, a combattere per capire, per trovare nuove soluzioni.

Pian piano però, nelle interminabili ore dell’ambulatorio oncologico pediatrico dell’università, dove prestavo servizio per completare la tesi, la mia mente cominciò a liberarsi; ad astrarsi. Ormai, alla fine, quasi non vedevo più i pazienti, i parenti, i professori, i colleghi, gli infermieri, le persone: mi sentivo quasi completamente esterno ad un sistema che sentivo e ritenevo assolutamente fallimentare.

Ma mi chiedevo: e la professione, la carriera universitaria, la posizione sociale, che fine avrebbero fatto?

In fondo sarebbe stato difficile vivere di sole idee, specialmente in un mondo sanitario dove gli spazi si andavano restringendo di giorno in giorno, fin quasi all’esaurimento di qualsiasi opzione dignitosa di lavoro.”

DEI RUFFIANI DELL’AMBIENTE UNIVERSITARIO, DELLE TEMATICHE SUPERFICIALI E NON PERTINENTI
“D’altro canto, non è che l’ambiente universitario mi attirasse granché: lo avvertivo difatti come una massa repulsiva e inestricabile che impediva il raggiungimento di qualsiasi scopo scientifico, dove le migliori risorse intellettuali e personali potevano solo essere distolte dalla scienza e convogliate verso tematiche superficiali e non pertinenti.”

DELLE INIBIZIONI DELLA MEDICINA CONVENZIONALE
“La strada era segnata: abbandonai la facoltà di medicina e mi iscrissi al corso di laurea in fisica, che frequentai per alcuni anni, con l’intento di acquisire una mentalità più scientifica e di entrare in quei piani di studio più infinitesimali, che in quel momento mi pareva dovessero essere sondati in maggiore dettaglio.

Contemporaneamente mi guardai intorno e cominciai a prendere contatto con altre realtà mediche, con quelle medicine collaterali che, pur se derise dagli esponenti ufficiali, vantavano parecchi estimatori, specialmente tra quei pazienti che non sopportavano metodi terapeutici troppo aggressivi.

Esperienza dopo esperienza, capii che la ragion d’essere di queste correnti alternative risiedeva proprio nell’incapacità della medicina convenzionale di risolvere i problemi dei pazienti, che ricevevano invece maggiori benefici da quelle medicine che li valutavano e curavano nella loro globalità, non solo con i limitati rimedi sintomatologici.”

DEL CANCRO, DEL FUNGO E DELLA PSORIASI
“È proprio attuando un’impostazione naturopatica che mi venne l’idea della causalità fungina del cancro. Mentre stavo curando un paziente affetto da psoriasi utilizzando dei sali corrosivi, capii che questi funzionavano perché distruggevano qualcosa, e quel qualcosa erano i funghi.

Da quella realizzazione la mente mi fornì quel percorso sillogico che mi avrebbe dato la soluzione che da tanto tempo aspettavo: se la psoriasi, malattia inguaribile, è data da un fungo, un’altra malattia inguaribile, il cancro, può essere dovuta ad un fungo.

Da quel collegamento presero avvio tutte le esperienze, gli esperimenti, le verifiche e i risultati, in un lavoro tenace e “carbonaro” che mi ha portato grandi soddisfazioni professionali e che mi ha permesso di mettere a punto un metodo di cura estremamente efficace contro le masse neoplastiche, cioè contro le colonie fungine.

Una volta ipotizzato il ruolo di causa dei funghi nella proliferazione neoplastica, sorgeva il problema di come attaccarli nell’intimità dei tessuti, dal momento che lì non era possibile usare sali troppo forti.

Mi venne in mente allora che nelle candidosi orofaringee del lattante, il bicarbonato rappresentava un’arma rapida e potente, in grado di eliminare la malattia in tre o quattro giorni.

Somministrando alte concentrazioni per endovena e per via orale, mi dissi, potrei ottenere lo stesso risultato, ed è così che cominciai le mie prove e i miei esperimenti, che mi dettero subito risultati tangibili.

Tra questi, uno dei primi pazienti che trattai, un bimbo di 11 anni, mi diede immediatamente l’idea che stavo nel giusto.

Il bambino arrivò in coma nel reparto d’ematologia pediatrica, intorno alle 11,30 del mattino, con una storia clinica di leucemia che l’aveva portato da un paesino della Sicilia a Roma, passando attraverso le università di Palermo e di Napoli, dove aveva completato alcune sedute di chemioterapia.

La mamma, disperata, mi disse che non aveva potuto più parlare con il figlio da circa 15 giorni, da quando cioè era partito nel suo iter attraverso gli ospedali, e che avrebbe dato chissà cosa per risentire almeno la sua voce prima che morisse.

Dato che ero dell’avviso che il bimbo versava in una condizione di coma sia per l’invasione del cervello da parte delle colonie fungine, sia per la tossicità delle terapie effettuate, pensai che se avessi distrutto le colonie con i sali di bicarbonato di sodio e nel contempo avessi nutrito e disintossicato il cervello con delle flebo glucosate, avrei potuto sperare in una regressione della sintomatologia.

E così fu. Dopo un’infusione continua con flebo di bicarbonato e di soluzioni glucosate, verso le 19 di sera, di ritorno dall’università, trovai il ragazzo che parlava con la madre, a quel punto in lacrime.

Da allora ho continuato sulla mia strada ancora per un certo periodo, riuscendo a curare e a guarire diverse persone, specialmente nel periodo di tre anni nei quali fui assistente volontario all’Istituto per i tumori “Regina Elena” di Roma.”

DELLE MEDICINE ALTERNATIVE E CRITICHE DELLE CONCEZIONI UFFICIALI
“Nel 1990, pur se assorbito quasi completamente in un centro antidiabetico, a seguito di cambiamenti di vita personali, decisi d’intensificare i miei studi e le mie ricerche nella direzione del cancro, malattia che rimaneva sempre al primo posto nella mia mente, benché negli ultimi anni l’avessi dovuta mio malgrado trascurare.

Prima di cominciare un nuovo corso, però, avvertii la necessità di sondare meglio i contenuti logici della medicina e quindi dell’oncologia, in modo da acquisire quegli strumenti razionali, critici e autocritici, per capire dove potessero nascondersi eventuali errori.

Mi iscrissi al corso di laurea in Filosofia, che completai nel 1996, anno in cui ricominciai in maniera continuativa i miei contatti col mondo dell’oncologia, cercando prima di tutto di far conoscere le mie teorie e metodi di cura, specialmente in seno alle sedi istituzionali più accreditate.

Così il Ministero della Sanità, gl’Istituti oncologici italiani e stranieri, le associazioni oncologiche, vennero messe a conoscenza dei miei studi e dei miei risultati, senza peraltro avere nessun riscontro positivo. Trovai solo colleghi più o meno titolati che guardavano tutto dall’alto, e che erano solo in grado di proferire una parola magica: la genetica.

“In questa maniera non si va in paradiso,” pensai. Mi trovavo difatti in una situazione quasi senza sbocchi, con tante belle idee e risultanze positive, ma con l’impossibilità di metterle a confronto con un flusso di malati affetti da tumore in un contesto scientifico autorevole.

Scelsi di pazientare, di continuare ad avere risultati curando paziente dopo paziente, nel contempo cercando di farmi conoscere dal maggior numero di persone possibile, specialmente nell’ambito di quelle medicine alternative dove esisteva la possibilità di contattare perlomeno professionisti che avevano già un atteggiamento critico nei confronti delle concezioni mediche ufficiali.”

DELLA RETE INTERNET E DELLE CONFERENZE
“È così che iniziò la mia navigazione nell’etere di internet, dove ben presto riuscii a trovare quei contatti, quelle amicizie e quei consensi che mi permisero di diffondere le mie teorie ma, cosa più importante, mi dettero la spinta psicologica necessaria per continuare nella mia lotta personale contro il mare della sterile ovvietà ufficiale.

Mi confortava sapere che la mia fiammella ideologica non si spegnesse ma che potesse attecchire da qualche parte. Ricominciai a sperare che, data l’estrema validità del messaggio, prima o poi trovasse la strada per essere condiviso ed accettato da un numero sempre crescente di persone.

Pian piano riuscii così a far conoscere la mia teoria infettiva sull’oncologia e ad esporla al pubblico, tramite conferenze, interviste, convegni o congressi, che allargarono notevolmente il mio raggio d’azione e che mi diedero la possibilità di accumulare una notevole quantità d’esperienze e di riscontri clinici.”

DEI CANCRI DIFFICILI DA RAGGIUNGERE
“Mi fecero anche capire, però, che le mie terapie con soluzioni di bicarbonato di sodio, anche se efficaci, necessitavano di un’evoluzione metodologica, in quanto alcuni tipi di cancro non erano raggiungibili in alcun modo, o perlomeno raggiungibili solo in maniera insufficiente.”

DELLE NEOPLASIE DELLE SIEROSE, DEL CERVELLO, DELLE OSSA
“Il bicarbonato di sodio dato per bocca, per aerosol, o per endovena riesce ad ottenere risultati positivi solo in alcune neoplasie, mentre altre, come quelle delle sierose, del cervello o delle ossa stanno al di fuori di una sua azione efficace e duratura nel tempo.

Per questi motivi, mi misi in contatto con vari colleghi, specialmente radiologi interventisti, riuscendo finalmente ad arrivare dove prima mi era stato impossibile, attraverso il posizionamento d’idonei cateterini, sia endocavitari per il peritoneo e per la pleura, sia endoarteriosi per raggiungere gli altri organi.”

(http://curenaturalicancro.net/percorso_di_ricerca_personale.htm)

DELLA SOMMINISTRAZIONE DIRETTA SULLE MASSE NEOPLASTICHE

L’arteriografia selettiva
Il concetto base che sostiene il mio sistema di cura è che occorre somministrare soluzioni con un alto contenuto di bicarbonato di sodio direttamente sulle masse neoplastiche, che sono suscettibili di regressione solo distruggendo le colonie fungine.

È per questa ragione che la continua ricerca di tecniche sempre più efficaci che mi permettessero di arrivare il più vicino possibile all’intimità dei tessuti, mi ha portato all’arteriografia selettiva (visualizzazione di un’arteria specifica) e al posizionamento di port-a-cath arteriosi (vaschette in raccordo col catetere). Queste metodologie consentono di posizionare un cateterino direttamente nell’arteria che nutre la massa neoplastica, permettendo di somministrare alte dosi di bicarbonato di sodio nei recessi più profondi dell’organismo.

Una volta, ad esempio, quando mi capitava di curare un tumore del cervello, pur migliorando le condizioni di un paziente, non potevo incidere profondamente sulle masse: quante volte ho supplicato invano neurologi e neurochirurghi di effettuare un’operazione, inserendo un catetere da farmi utilizzare per ulteriori trattamenti locoregionali!”

OGGI È POSSIBILE ED È INDOLORE
“Oggi, con l’arteriografia selettiva delle carotidi è possibile raggiungere qualsiasi massa cerebrale, senza far operare nessuno e in maniera completamente indolore”.

DELLA CURA INNOCUA, RAPIDA ED EFFICACE
“Analogamente, quasi tutti gli organi possono essere trattati e possono beneficiare di una cura con i sali di bicarbonato, innocua, rapida ed efficace, ad eccezione solo di alcuni distretti ossei come vertebre e costole, dove la perfusione arteriosa, essendo esigua, non permette il raggiungimento di dosi sufficienti.

L’arteriografia selettiva rappresenta quindi un’arma estremamente potente contro i funghi, che può essere usata sempre e comunque nelle neoplasie, primo perché è indolore e non lascia postumi, secondo perché prevede rischi d’esecuzione molto bassi.

Tecnicamente viene effettuata nel modo seguente: dopo aver disposto il campo sterile ed aver anestetizzato i piani superficiali, si introduce un ago nell’arteria che si vuole utilizzare come porta di ingresso (generalmente la succlavia) poi, attraverso questo, una guida metallica visualizzabile dall’angioscopio ed utilizzabile per individuare l’arteria prescelta.

L’ultimo passaggio consiste nel far arrivare il cateterino per la somministrazione delle soluzioni laddove la guida lo indica, per poi raccordarlo ad un port-a-cath sottocutaneo che rimarrà nella sede prescelta per tutto il tempo necessario.

Tutto l’intervento, che avviene con rischi molto bassi per il paziente e con una sintomatologia dolorosa simile a quella di un’endovena, consente ai pazienti di effettuare la terapia a domicilio, anche se dietro costante controllo medico.”

(Materiale cavato dalle pagine web di CURE NATURALI CONTRO IL CANCRO)

Le balle di Giancarlo Magalli promuovono il veleno-chemio

Giancarlo Magalli, le menzogne del ruffiano che uccidono!

Il ridicolo botolo-ruffiano oramai giubilato G. Magalli racconta balle sulla presunta pericolosità del bicarbonato. La gente che va in televisione non sa contare fino a cinque. È gente pagata per dire scemenze e pare che non ci sia nulla di male in ciò ma promuove la morte di nove milioni ogni anno, nove milioni di persone che crepano soffrendo sotto tortura, e non sappiamo quanti di loro muoiono per il cancro e quanti invece muoiono proprio a causa delle cure cancerogene alle quali sono costretti con i ferri, con le chemioterapie e le radiazioni ionizzanti. A fronte di nove milioni di vittime prodotte dall’oncologia della medicina di monopolio, in televisione fabbricano gli scandali attorno ad un presunto singolo caso di morte per non si sa cosa.

 

Delle statistiche di chi sa contare fino a cinque
La madre della vittima sostiene che il malato di cancro suo figlio non è morto per via del cancro, ma è crepato con sofferenze “atroci” a causa del bicarbonato di sodio. E come sarebbe crepato se lo avessero aperto con i ferri e poi mandato in chemioterapia e bombardato da radiazioni ionizzanti? Non dice come e perché sarebbe morto e come e perché avrebbe sofferto tanto ma conta poco, stando alle statistiche mediche: un caso sottratto agli altri ottomilioni-novecento-novantanove mila e novecento-novantanove morti in oncologia nello stesso anno.

 

Dei genitori opportunisti e delle madri disumane
Due genitori che perdono un figlio di 27 anni sono certamente delle vittime della cattiva sorte. E però non basta essere vittime di cattiva sorte per diventare d’un tratto onesti, altrimenti non si avrebbero tutte le faide che si hanno per la roba lasciata in eredità ogni volta che muore un genitore. E se i figli sono tanto avidi alla morte dei genitori, cosa impedirà loro di esserlo altrettanto anche quando moriranno i loro figli? Il fatto sta che per una manciata di spiccioli qualunque bastardo è capace di andare in televisione a dire scemenze, di esempi ne abbiamo in continuazione, e chi perde il figlio, o il genitore, non necessariamente costituisce un’eccezione alla regola. La televisione corrompe, perverte, ed induce alla menzogna o quantomeno all’errore, in cambio di qualche zolletta di zucchero.

 

Della protezione consolare italiana a Tirana
Gli italiani che vivono all’estero conoscono la vera tragedia dell’essere italiano. Chi si è mai rivolto ad un consolato o ad un’ambasciata italiana può aver solo perso tempo, se fortunato, a cercare dei fantasmi volenterosi di aiutarlo a risolvere i suoi problemi formali, commerciali, o persino a ricevere protezione consolare dalle forze reazionarie della polizia delle dittature comuniste. Se sei italiano e hai un problema all’estero, sei fottuto. Quando l’ente di stato ti assiste, se lo fa, può solo peggiorare la tua situazione, ma in genere nessuno risponde. Solo i dilettanti perdono tempo con ambasciate e consolati, tutti gli altri sanno che è perfettamente inutile. Non è lo stesso per chi ha passaporto tedesco, o statunitense. Provate a vedere se la polizia cinese si permette di fermare in strada un cittadino statunitense o tedesco. Quello fa una telefonata, non importa se sia giorno o notte o festivo, e nel giro di cinque minuti i poliziotti gialli si volatilizzano. Alle ambasciate italiane neppure vi rispondono, se non a pagamento, dalle 10 del mattino fino alle 12, sempre e solo del “mattino”; il resto del giorno vanno a zonzo o se la dormono in ufficio. E qui sta il trucco del caso nostro. A Tirana, la madre del malato di cancro che sarebbe morto per overdose di bicarbonato di sodio, tratta il suo problema direttamente con l’ambasciatrice (la quale ha un nome che suona straniero). Quindi Tirana fa eccezione. A Tirana nessuno lavora tranne l’ambasciatrice italiana con nome straniero. E la madre della vittima “intossicata dal bicarbonato” ottiene due autopsie, una a Tirana e una a Catania! Nessuno ha mai potuto fare un’autopsia su Osama bin Laden e nessuno ha potuto vedere i cadaveri dei gerarchi nazisti che sarebbero stati impiccati a Norimberga, ma lei riesce ad ottenere due autopsie, poi una a Tirana, capitale mondiale del “levantinismo” e una dalla magistratura di Roma, capitale mondiale del centro finanziario extraterritoriale delle banche vaticane, e quindi dell’inefficienza assoluta degli enti di stato, bravissima. E si è intrattenuta a convincerli a spese sue o in joint-venture con i ruffiani della RAI? Quando hanno pugnalato la studentessa italiana a Pechino, che cavolo hanno fatto i ruffiani del consolato italiano? Quando la coltellata di un altro cinese ha sventrato Eolo Tommassoni, che cavolo ha fatto il console italiano di Canton? Si è dato da fare per non far sapere in giro la cosa? Ha avuto successo, infatti nessuno la sa.

 

DEL BICARBONATO
Le dosi di bicarbonato al 5%, indicate nel metodo Simoncini sono innocue. Le stesse difatti sono utilizzate senza problemi da oltre 30 anni in molte altre situazioni morbose o pericolose, quali:

 

1. CHETOACIDOSI DIABETICA GRAVE
(Gamba, G., “Bicarbonate therapy in severe diabetic ketoacidosis. A double blind, randomized, placebo controlled trial.” (Rev Invest Clin 1991 Jul-Sep;43(3):234-8).

 

2. RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA
(Miyares Gomez A. in “Diabetic ketoacidosis in childhood: the first day of treatment (An Esp Pediatr 1989 Apr;30(4):279-83).

Levy, M.M., “An evidence-based evaluation of the use of sodium bicarbonate during cardiopulmonary resuscitation” (Crit Care Clin 1998 Jul;14(3):457-83).

Vukmir, R.B., Sodium bicarbonate in cardiac arrest: a reappraisal (Am J Emerg Med 1996 Mar;14(2):192-206).

Bar-Joseph, G., “Clinical use of sodium bicarbonate during cardiopulmonary resuscitation–is it used sensibly?” (Resuscitation 2002 Jul;54(1):47-55).

 

3. GRAVIDANZA
(Zhang. L., “Perhydrit and sodium bicarbonate improve maternal gases and acid-base status during the second stage of labor” Department of Obstetrics and Gynecology, Xiangya Hospital, Hunan Medical University, Changsha 410008.

Maeda, Y., “Perioperative administration of bicarbonated solution to a patient with mitochondrial encephalomyopathy” (Masui 2001 Mar;50(3):299-303).

 

4. EMODIALISI
(Avdic. E., “Bicarbonate versus acetate hemodialysis: effects on the acid-base status” (Med Arh 2001;55(4):231-3).

 

5. DIALISI PERITONEALE
(Feriani, M., “Randomized long-term evaluation of bicarbonate-buffered CAPD solution.” (Kidney Int 1998 Nov;54(5):1731-8).

 

6. TOSSICOSI FARMACOLOGICA
(Vrijlandt, P.J., “Sodium bicarbonate infusion for intoxication with tricyclic antidepressives: recommended inspite of lack of scientific evidence” Ned Tijdschr Geneeskd 2001 Sep 1;145(35):1686-9).

Knudsen, K., “Epinephrine and sodium bicarbonate independently and additively increase survival in experimental amitriptyline poisoning.” (Crit Care Med 1997 Apr;25(4):669-74).)

 

7. EPATOPATIA
Silomon, M., “Effect of sodium bicarbonate infusion on hepatocyte Ca2+ overload during resuscitation from hemorrhagic shock.” (Resuscitation 1998 Apr;37(1):27-32).

Mariano, F., “Insufficient correction of blood bicarbonate levels in biguanide lactic acidosis treated with CVVH and bicarbonate replacement fluids” (Minerva Urol Nefrol 1997 Sep;49(3):133-6).

 

8. INTERVENTI DI CHIRURGIA VASCOLARE
Dement’eva, I.I., “Calculation of the dose of sodium bicarbonate in the treatment of metabolic acidosis in surgery with and deep hypothermic circulatory arrest” (Anesteziol Reanimatol 1997 Sep-Oct;(5):42-4).

Della promozione commerciale della chemio-“terapia”

 

Della promozione commerciale della chemio-“terapia”

La televisione, ospitando le cricche dei più fervidi ruffiani del mercato della prostituzione pubblicitaria, lancia le campagne di marketing di moltitudini di prodotti inutili, talvolta dannosi, tossici, pericolosi e persino letali, come è il caso delle grandi campagne di suggestione per diffondere i vaccini-assassini e come è il caso della celebrazione delle finte cure contro il cancro. Un trucco vecchio, che la televisione cava dal malcostume consolidato delle grandi agenzie pubblicitarie americane, è quello di trasformare i veri difetti dei prodotti in finte qualità degli stessi.

Della trasformazione degli svantaggi in vantaggi
Nel caso dei costosissimi veleni inoculati con le chemioterapie, si ottiene la trasformazione delle vere controindicazioni, dei veri danni e dei veri pericoli, in finti vantaggi per la vittima dell’avvelenamento, con ciò alimentando anche tutta un’altra industria parassita indiretta, come accade per l’indotto dell’industria dei mestieri delle armi, il “terziario” indotto dell’industria del veleno. L’ospite della televisione americana, come spiega pure il ruffiano Massimo Mazzucco, ti decanta le controindicazioni e gli effetti collaterali, lesivi e letali, del veleno come se ti stesse raccontando una barzelletta. Nella TV americana la dissimulazione è puerile ma funziona pure quella anche da noi. Sennonché, in Italia, essendo il pubblico di consumatori più evoluto, certamente, più maturo dei trogloditi-bambinoni americani, si vorrebbe un sistema di suggestione più riuscito, più sofisticato, più ipocrita. Invece cambia poco; l’ospite della televisione italiana racconta, con lo stesso gaio di chi ti sta raccontando che ha vinto la lotteria di capodanno, di come ha superato tutti gli inconvenienti dell’intossicazione della chemioterapia.

Del veleno per attenuare i sintomi del precedente veleno
Ed ecco che si soddisfa la prima esigenza del depistaggio, la confusione del tema tragico del veleno e della morte, o dello stato di malessere che ti fa presagire la morte, con il tono disteso di chi prepara il pranzo natalizio. Subito poi l’industria ti vende altri veleni proprio per contrastare gli effetti dei veleni che ti ha venduto in precedenza, soddisfacendo così una seconda esigenza del depistaggio, quella di venderti sia il problema che la “soluzione”, la quale consiste in un’altra intossicazione, con la quale si cerca di attenuare i sintomi della precedente intossicazione.

Delle parrucche
L’indotto è costituito dalle piccole-medie imprese artigiane spontanee che si specializzano, come in questo caso patetico, nella fabbricazione di parrucche appiccicose che simulano l’attaccatura alla cute della chioma vera, come si vedeva, forse, prima dell’avvelenamento. I sintomi dello stesso veleno che si usava come base per il gas nervino durante la prima guerra mondiale, comportano una serie d’inconvenienti, come nausea, vomito, perdita dei capelli, delle ciglia e delle sopracciglia e dei peli della figa ma, soprattutto, per chi è malato di cancro vero, la distruzione delle cellule sane deputate alla reazione protettiva contro quella massa tumorale, liberando le voraci cellule fungine e permettendo loro di diffondersi attraverso il flusso sanguigno. Lo dice la protagonista stessa, raccontando ciò che le ha detto il suo amico oncologo, “noi uccidiamo sia il buono (cioè le cellule sane) che il cattivo” (cioè la massa tumorale).

Il veleno contro il cancro è cancerogeno
Non serve stare qui a discutere sulla sobrietà della teoria di Tullio Simoncini, non è necessario. Per sapere che il veleno delle chemio è cancerogeno, basta leggere sulla confezione, come ha fatto persino il povero Mazzucco. C’è scritto! La fabbrica dei veleni lo ammette, lo confessa, lo sottoscrive, è tutto già dichiarato, non c’è nessun bisogno di cominciare il solito inutile dibattito del “lei è favorevole o contrario”, con il quale i ruffiani della televisione promuovono e assistono le condanne a morte dei 9 milioni di vittime che crepano sotto tortura ogni anno.

Chemioterapia, la roulette russa della medicina di monopolio
Le chemioterapia imposta ai bambini indifesi, giudicati ammalati di leucemia o del morbo di Hodgkin, parrebbe essere l’unico strumento di tortura relativamente efficace dell’industria multinazionale dell’oncologia. Dopo parecchi anni apprendiamo che nel lungo periodo gli ex bambini indifesi crescono e sviluppano 18 volte più tumori secondari maligni nel corso della loro diafana esistenza. Le femmine, tra queste vittime minorenni degli abusi dell’industria del cancro e dell’ignoranza dei genitori, prima di arrivare ai loro primi 40 anni, sbattono il muso contro il rischio del cancro alle mammelle aumentato di almeno 75 volte, cioè, il rischio aumenta con un tasso del 7500%, visto che vi piacciono tanto le percentuali (Bhatia, S., Robison, L.L. et al.: Breast cancer and other second neoplasms after childhood Hodgkin’s disease. N Engl J Med. 1996 Mar 21;334(12):745-51).

Un problema fondamentale, per queste giovani vittime indifese, è la formazione di colonie di funghi, l’invasione fungina acuta o sistemica di Candida Albicans, poco dopo l’inizio dell’avvelenamento per mezzo della chemio-terapia (Klingspor, L., Stintzing, G., Tollemar, J. Deep Candida infection in children with leukaemia. Acta Paediatr 86 (1) 30-6, 1997).

Il trucco della chemioterapia ha mostrato una chiara dose-dipendenza per cui l’incidenza della leucemia innescata è raddoppiata tra gruppi a dose bassa e a dose moderata e poi quadruplicata tra la dose moderata e i gruppi a dose elevata. Uno studio sul carcinoma ovarico ha rilevato che il rischio di sviluppare la leucemia dopo il trattamento con il trucco velenoso della chemioterapia è aumentato 21 volte o del 2100%. Anche altri tumori si sviluppano comunemente, dopo il trattamento con i veleni della chemioterapia (Klein-Szanto, A.J.P.: Carcinogenic effects of chemotherapeutic compounds. Progress in Clinical and Biological Research, 374, 167-74, 1992).

In una serie di prove per curare il mieloma multiplo non è stato trovato alcun vantaggio utilizzando la chemioterapia rispetto ai malati sui quali non è stato tentato nessun trattamento (Riccardi, A., Mora, O.et al.: Long-term survival of stage I multiple myeloma given chemotherapy just after diagnosis or at progression of the disease: a multicentre randomized study. Br J Cancer. 2000 Apr; 82(7):1254-60).

Ulrich Abel, riconosciuto esperto biostatico tedesco, ha presentato un’analisi completa di oltre 3.000 studi clinici sul valore della chemioterapia sul carcinoma avanzato (ad esempio il carcinoma mammario). Gli oncologi tendono ad usare la chemioterapia perché ciò può indurre una riduzione temporanea del tumore, chiamata risposta; tuttavia, sappiamo tutti che il veleno della chemioterapia tende anche a produrre effetti collaterali spiacevoli. Abel ha concluso che non vi è alcuna prova diretta che la chemioterapia prolunghi la sopravvivenza nei casi clinici analizzati. Abel afferma: “Molti oncologi danno per scontato che la risposta alla terapia prolunghi la sopravvivenza, e questa è un’opinione che si basa su un errore e che non è supportata da studi clinici” (Abel U.: Chemotherapy of advanced epithelial cancer: a critical review. Biomed Pharmacother. 1992; 46(10), 439-52).

Ralph W. Moss, PhD, nel suo saggio “Questioning Chemotherapy”, fornisce una dettagliata analisi sul problema della chemioterapia. La conclusione del suo libro è che non c’è alcuna prova fisica del fatto che la chemioterapia estenda in qualche modo l’aspettativa di vita dei malati, e ciò vale almeno nella maggior parte dei tipi di cancro analizzati (Moss, Ralph W.: Questioning Chemotherapy. Equinox Press, Brooklyn, NY, 1995).

Ma se pure volessimo ammettere che la vita si allunga grazie ai veleni della chemioterapia, che cavolo di vita è, quel frammento di vita che ti sarebbe regalato con il veleno? Tom Nesi, ex direttore affari generali della gigantesca multinazionale dei veleni Bristol-Myers Squibb, scrisse su uno dei più noti rotocalchi dei ruffiani della finanza, il “New York Times”, a proposito del successo della terapia dei veleni infusi nel corpo di sua moglie, della quale i maghi dell’oncologia avrebbero statisticamente allungato la vita di tre mesi (Nesi, Tom: False hope in a bottle [op-ed], New York Times, June 5/03).

Due settimane dopo il trattamento, la povera donna scarabocchiò sul suo blocco note: “depressa, per favore, non datemene più.’ Non mi sorprendono affatto quelle testimonianze e quei rapporti dai quali si ha che gli oncologi non usano la chemioterapia contro se stessi o contro i loro familiari e/o amici.

Solo di recente gli oncologi hanno riconosciuto l’esistenza di ciò che i poveri e pazientissimi malati chiamano sarcasticamente “cervello-chemio”, e si tratta di una penosa perdita di memoria che accompagna parecchie altre disfunzioni cognitive della vittima della tortura col veleno delle chemio. Gli psichiatri ora forniscono il dato statistico dei casi di depressione clinica che caratterizzano lo stato d’animo dei malati di cancro (sono proprio dei geni questi psichiatri) trattato con le terapie imposte dall’industria oncologica di monopolio; essi parlano di depressioni nel 15-25% dei pazienti (e sono davvero dei geni questi psichiatri, senza di loro chi andrebbe mai a pensare che uno si ammala e poi si deprime, sapendo che presto dovrà crepare soffrendo, in conseguenza della sua malattia e dei veleni che gli sparano in vena? – Vedi, se proprio hai tempo da perdere, anche questo: Moss, R.W.: THE MOSS REPORTS Newsletter #128 April 11/04).

Un’analisi dettagliata di tutti gli studi in Australia e negli Stati Uniti d’America che hanno ipotizzato un aumento statistico della sopravvivenza a 5 anni a causa della chemioterapia ha mostrato un beneficio complessivo del 2%. Tuttavia, gli autori hanno dichiarato di aver deliberatamente commesso un errore nel sopravvalutare il beneficio della chemioterapia. Questo include anche i tumori linfatici che hanno una buona risposta. Aggiungi a questo il solito “aggiustamento” delle statistiche ed è molto probabile che il risultato reale sia una diminuzione dell’aspettativa di vita.

Gli autori scrivono: “Non ci sono prove convincenti che usare regimi con farmaci più nuovi e più costosi sia più vantaggioso dei regimi usati negli anni ’70”. Aggiungono che non è stato possibile dimostrare alcun prolungamento nella sopravvivenza dei malati per la chemioterapia nel carcinoma mammario recidivante o metastatico (Morgan G, Ward R, Barton M. The contribution of cytotoxic chemotherapy to 5-year survival in adult malignancies. Clin Oncol 2004;16(8):549-60).

Chi si sorprende dei rapporti secondo cui la maggior parte degli oncologi non userebbe questi trattamenti contro i propri famigliari, contro i propri parenti, amici stretti e conoscenti, e contro le loro puttane affezionatissime? Ho anche letto, e sentito dichiarare esplicitamente da qualche medico ostracizzato, che gli oncologi americani ottengono la maggior parte del loro reddito dalla vendita dei costosissimi veleni destinati alla chemioterapia. Cioè, nel loro caso, pare che la commissione percentuale sulla vendita del prodotto sia liquidata direttamente con la prescrizione del medico, e perciò mi pare di capire che il guadagno sia diretto anche per il medico di famiglia che ti manda dall’oncologo. Nel caso nostro, nel patetico caso della vituperata penisola italiana, questo sistema di provvigioni automatiche a cascata non è necessario. I nostri ruffiani in camice hanno una serie di vantaggi indiretti dal mantenimento del sistema feudale di controllo della medicina di monopolio; tanto per cominciare possono mantenere posto e stipendio, il che è già un grande successo per chi è ruffiano dai tempi della scuola dell’obbligo. Oltre a ciò, restando ambigui, disinteressati, lasciando crepare la gente, a volte sono premiati con qualche zolletta di zucchero, i più fortunati di loro vanno a fare i tromboni in televisione, e a nessuno si risparmiano le carezze del padrone che, con cadenza sistematica, li fa viaggiare a sue spese e li ospita in alberghi costosi, presso qualche località amena di metropoli, di mare o di montagna, dove abbondino molte donnine allegre, molti cocktail bevuti a scrocco, l’ottima orchestra, la cena di gala, e dove, dopo una serie stancante d’inutili presentazioni cretine, ci si conosce meglio a letto, ci si ubriaca assieme, poi ci si saluta e si rimanda alla futura orgia della prossima vacanza gratuita. Nel frattempo, i clienti di questi ruffiani scioperati crepano al ritmo di 9 milioni ogni anno e i loro concittadini contribuenti versano il sangue all’erario per mantenere le banche centrali e le multinazionali dell’industria dei veleni.

Industria Tumori, il bicarbonato non è profittevole

 

Tumori, perché il bicarbonato non è remunerativo per l’industria del cancro?
Proviamo a rispondere considerando il punto di vista della domanda, cioè, dei malati e delle torture alle quali sono condannati prima di crepare, perché  l’industria oncologica li condanna a crepare, ma soffrendo. Qualcuno si è preso la briga di andare a vedere i numeri, sulla domanda, e cioè i prezzi, i costi, il dissanguamento del denaro del contribuente, finalizzato all’economia di guerra, cioè, a rapinare, torturare ed uccidere.

1. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 128.217,00 euro.

2. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Vinolrelbina associata a Cisplatino (TAX 326 + ILCP) per 100 pazienti: 200.940,00 euro

3. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Paclitaxel associato a Carboplatino (ECOG 1594 + ILCP) per 100 pazienti: 216.945,00 euro

4. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Gemcitabina associata a Cisplatino (ECOG 1594) per 100 pazienti: 409.020,00 euro

5. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Cisplatino (ECOG 1594 + TAX 326) per 100 pazienti: 540.093,00 euro

6. Costo di 6 cicli di chemioterapia con Docetaxel associato a Carboplatino (TAX 326) per 100 pazienti: 548.955,00 euro.

Cifre colossali che si riferiscono “solamente” ai costi dei farmaci chemioterapici nei sei tipi di trattamenti terapeutici. Se a questo sommiamo i costi della “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” il totale è incredibile!

1. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 452.096,00 euro

2. Costo 6 cicli di chemioterapia (Vinolrelbina e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 814.366,00 euro

3. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Carboplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 467.550,00 euro

4. Costo 6 cicli di chemioterapia (Gemcitabina e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 703.251,00 euro

5. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Cisplatino) per 100 pazienti: 841.978,00 euro

6. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Carboplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 825.887,00 euro.

Immaginiamo adesso tutti i ruffiani (medici, ricercatori, infermieri, amministratori, pagliacci della televisione, giornalisti eccetera) che campano su questa catena alimentare dei veleni. Ti pare che potrebbero accettare di rinunciare a quei numeri? Immagina tutti i lavoratori di una fabbrica di armi chimiche-biologiche, immaginali pacifisti. Sarebbero disposti a perdere il loro posto di lavoro per scrupolo etico o per sano pacifismo? Probabilmente no, perché il mondo è pieno di ruffiani e d’idioti, i quali restano ruffiani ed idioti fino a quando capita che sono proprio loro ad ammalarsi. E, quando capita, vedi bene come si tendono distanti dai veleni dei loro compari oncologi.

Cancro, perché utilizzare il bicarbonato di sodio
Scrive il dottor Tullio Simoncini, oncologo, “La ragione di fondo e i motivi che suggeriscono contro i tumori una terapia con bicarbonato di sodio è l’idea che, pur con il concorso di una miriade di fattori concausali variabili, il loro sviluppo e la loro proliferazione locale e a distanza hanno una causa esclusivamente fungina.

Al momento, contro i funghi a mio avviso non è dato opporre nessun rimedio utile se non proprio il bicarbonato di sodio.

Gli antifungini attualmente in commercio, infatti, non rispondono alla necessità di penetrare nelle masse (ad eccezione forse delle prime somministrazioni di azoli o di amfotercina B per via parenterale), in quanto sono concepiti per un’azione solo su un piano stratificato di tipo epiteliale. Sono quindi incapaci di incidere in aggregati miceliali disposti in senso volumetrico, e per di più mascherati dalla reazione connettivale che tenta di circoscriverli.

I funghi sono poi in grado di mutare velocemente la propria struttura genetica. Dopo una prima fase di sensibilità nei confronti dei fungicidi, riescono in breve tempo a codificarli e a metabolizzarli senza riceverne ulteriore nocumento; anzi paradossalmente anche beneficiando del loro alto potere tossico nei confronti dell’organismo.

Il bicarbonato di sodio, invece, dotato di un’altissima diffusibilità e privo di quella complessità strutturale facilmente codificabile dai funghi, mantiene a lungo le proprie capacità di penetrazione dentro le masse, anche e soprattutto per la velocità con cui le disgrega, cosa che rende loro impossibile un minimo adattamento sufficiente a difendersi.

La terapia con bicarbonato dovrebbe essere impostata subito a grosse dosi, in maniera continua, a cicli e senza pause, in un’opera di distruzione che dovrebbe procedere dall’inizio alla fine senza interruzioni almeno per 7-8 giorni per un primo ciclo, tenendo presente che una massa di 2-3-4 centimetri comincia a regredire consistentemente dal 3° al 4° giorno, e crolla dal 4° al 5°.

In genere il limite massimo della dose che può essere raggiunto in una seduta si aggira intorno ai 500 cc di bicarbonato di sodio al 5%, con la possibilità di aumentare o diminuire la dose del 20% in funzione della corposità dell’individuo da trattare, e in presenza di localizzazioni plurime su cui suddividere una maggiore quantità di sali.

C’è da sottolineare che le dosi indicate, proprio perché innocue, sono le stesse utilizzate senza problemi da oltre 30 anni in una miriade di altre situazioni morbose

Per potenziare al massimo l’efficacia del bicarbonato di sodio, sarebbe utile sempre somministrarlo direttamente sulle lesioni o sugli organi invasi da una neoplasia.

Ciò è possibile mediante l’arteriografia selettiva (visualizzazione di un’arteria specifica) e mediante il posizionamento di port-a-cath arteriosi (vaschette in raccordo col catetere). Queste metodologie consentono di posizionare un cateterino direttamente nell’arteria che nutre la massa neoplastica, permettendo di somministrare alte dosi di bicarbonato di sodio nei recessi più profondi dell’organismo.

In questo modo quasi tutti gli organi possono essere trattati e possono beneficiare di una cura con i sali di bicarbonato, innocua, rapida ed efficace, ad eccezione solo di alcuni distretti ossei come vertebre e costole, dove la perfusione arteriosa, essendo esigua, non permette il raggiungimento di dosi sufficienti.

L’arteriografia selettiva rappresenta quindi un’arma estremamente potente contro i funghi, che può essere usata sempre e comunque nelle neoplasie, primo perché è indolore e non lascia postumi, secondo perché prevede rischi d’esecuzione molto bassi.

In alcuni tumori c’è la possibilità di curarli in maniera più semplice.

1) Tumore della vescica: è il più facile da trattare e risponde sempre. Occorre posizionare dentro la vescica un catetere vescicale, mediante il quale somministrare le soluzioni di bicarbonato di sodio al 5%, alla dose di 100-250 cc. al giorno per 5 giorni. Il ciclo può essere ripetuto più volte, con intervalli di sospensione di 7-10 giorni. Continuando, gli intervalli vanno gradatamente allungati fino alla fine della terapia.

Durante le somministrazioni è bene far ruotare il paziente in tutte le posizioni, per consentire alla soluzione di bicarbonato di arrivare in tutte le parti della vescica.

2) Tumore della lingua, delle gengive, del palato e delle tonsille. In questi casi, se la lesione neoplastica è superficiale, basta fare degli sciacqui con bicarbonato di sodio (1 cucchiaino in un bicchiere d’acqua; 10 minuti 2 volte al giorno).

3) Tumore del polmone. Spesso le masse polmonari regrediscono con le soluzioni di bicarbonato di sodio al 5% per via endovenosa. In particolare sono più sensibili quelle di dimensioni inferiori a 4 cm e le lesioni metastatiche.

Il ciclo di terapia è di 5-6 giorni (500 cc. a goccia veloce), 4 giorni di pausa, poi a giorni alterni per 2 settimane.

4) Tumori del cervello. Anche queste neoplasie, primitive o metastatiche, sono sensibili al bicarbonato di sodio al 5% endovena, da somministrarsi con le stesse modalità del tumore polmonare.

5) Tumori dello stomaco. Se la neoplasia è sviluppata solo dentro la cavità dell’organo, in genere regredisce con l’assunzione di 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio in un bicchiere d’acqua, 2 volte al giorno, al mattino a digiuno e prima di cena.

6) Tumori della pelle. Tutti i tipi istologici delle neoplasie della pelle come melanomi, epiteliomi e altri, regrediscono spesso fino alla guarigione, mediante spennellature di tintura di iodio, da effettuarsi due volte al dì per 20-30 giorni sulla lesione. Il ciclo va ripetuto per tre volte ogni volta che cade l’escara formata dalle applicazioni precedenti.

Dr. Tullio Simoncini, oncologo, “Perché usare il bicarbonato”

Del Cancro e della Candida Albicans

 

Del Cancro e della Candida Albicans
Del cancro, del ruolo eziologico dei funghi nella malattia tumorale, in particolare della Candida Albicans. Ecco alcuni frammenti della teoria del Dr. Tullio Simoncini.
“La mia idea è che essi non dipendano da misteriose cause genetiche, immunologiche, auto immunologiche, come propone la medicina ufficiale, fatti mai dimostrati, ma che piuttosto derivino da una semplice aggressione fungina, non visualizzata, né studiata nella sua dimensione intima connettivale. Durante i molti anni in cui ho studiato i tumori, cioè le atipiche colonie fungine, ho potuto constatare che l’unico mezzo per distruggerle ed impedire che si rinnovino, consiste nel somministrare forti concentrazioni di sali, in particolare modo Bicarbonato di Sodio, da far assumere in maniera peculiare rispetto alla sede del cancro.”

“Non a caso, se si osserva bene il comportamento in natura dei funghi, si nota che essi non attecchiscono mai in prossimità di luoghi fortemente salini, ad esempio in vicinanza di sacche idriche termali ecc.…….La mia terapia, cioè il trattamento con i sali, è da combinare con una terapia ricostituente contemporaneamente al trattamento con i sali; i cancri sono derivati dai funghi come la sclerosi multipla e la psoriasi ed oggi li si può trattare solo con i sali”.

“Il presente lavoro intende richiamare l’attenzione sul possibile ruolo eziologico dei funghi nella malattia tumorale, in particolare della Candida Albicans.”

“Partendo difatti dalla loro infinita capacità di adattamento a tutti i substrati biologici, nonché dalla loro estrema potenzialità patogena, di molto superiore ad ogni altro micro-organismo, non risulta ormai più accettabile una loro collocazione in quello spazio indefinito e indefinibile che comprende i cosiddetti patogeni occasionali.”

“Se, come è noto, i funghi sono in grado di attaccare qualsiasi sostanza organica, specialmente quella in via di degradazione, allora è possibile ipotizzare un loro attecchimento nell’intimità dei tessuti, laddove particolari condizioni contingenti lo permettano.”

“Un trattamento finalizzato alla loro eradicazione deve quindi tenere conto sia della loro diffusibilità che della loro complessità biologica, cosa che non può essere ottenuta oggi né con le terapie oncologiche, né tantomeno con quelle antimicotiche.”

“Vengono illustrati 7 casi, trattati in maniera peculiare e risolutoria con il bicarbonato di sodio, una sostanza alcalina molto diffusibile e quindi notevolmente attiva contro la Candida in tutte le sue manifestazioni; essi possono indicare un nuovo modo di procedere in campo oncologico.”

“Solo abbandonando la tesi oncologica universalmente condivisa, che il tumore cioè derivi da un’anomalia riproduttiva cellulare, e reimpostando tutta la ricerca in un’ottica infettiva micotica, è lecito sperare nella definitiva sconfitta del cancro.”

“Varie volte ho tentato di trovare ascolto presso gli organi istituzionali competenti (Ministero della sanità, Istituto Nazionale Tumori, Associazione oncologica medica italiana, ecc.) esponendo il mio sistema di pensiero e di cura; non essendo io risultato inquadrabile, però, in un contesto convenzionale, e quindi non ritenuto credibile, sono stato semplicemente accantonato.”

“Un areopago diverso da quelli già sondati, rappresenta la speranza di avere la possibilità di divulgare una concezione sulla salute diversa da quelle del panorama medico attuale, sia dalle posizioni ufficiali che da quelle definite collaterali.”

“L’ipotesi difatti di una eziopatogenesi fungina nelle malattie cronico-degenerative del nostro tempo, essendo in grado di congiungere i contenuti etici dell’individuo con lo sviluppo di patologie specifiche, rende ragione delle due anime della medicina, quella allopatica e quella olistica, proponendosi così con forza come quell’anello mancante della psicosomatica tanto ricercato da uno dei suoi padri, Wiktor Von Weiszäcker, ma mai trovato.”

“Nella dimensione biologica dei funghi ad esempio, è possibile rapportarne i diversi gradi di patogenicità relativamente allo stato degli organi, dei tessuti, delle cellule di un organismo ospite, a sua volta dipendente anche e soprattutto dal comportamento dell’individuo.”

“Ogni volta che si superano le capacità di recupero di una determinata struttura psicofisica, inevitabilmente, pur con le eventuali concause accidentali, ci si espone all’aggressione (fin nelle dimensioni più intime) di quegli agenti esterni che altrimenti rimarrebbero innocui.”

“Esistendo quindi un nesso indubitabile tra morale e malattia, non appare più lecito tenere distinti due domini (allopatico e naturopatico) che risultano ambedue indispensabili per il miglioramento della salute degli individui.”
“Candida Albicans: causa necessaria e sufficiente del tumore
Nell’affrontare il problema medico odierno più urgente, il tumore, la prima cosa da fare è riconoscere che ancora non si conosce la sua vera causa.

Pur se trattato difatti in vari modi, sia dalla medicina ufficiale che da quelle collaterali, permane tuttora un alone di mistero sul suo reale processo di generazione.

Il tentativo di superare lo stato di impâsse attuale deve allora necessariamente passare per due fasi: una critica, che metta a nudo i limiti dell’attuale oncologia, l’altra propositiva che esponga un sistema di cura basato su nuovi presupposti teorici.

In accordo con le più recenti impostazioni di filosofia della scienza, che suggeriscono un atteggiamento controinduttivo, laddove sia impossibile trovare una soluzione con gli strumenti concettuali comunemente accettati, emerge, come unica impostazione logica ammissibile, quella di rifiutare il principio su cui si fonda l’oncologia, cioè che il tumore sia determinato da un’anomalia riproduttiva cellulare.

Se si mette in discussione però una simile ipotesi di partenza, appare chiaro come tutte le teorie che da essa derivano, risultano inevitabilmente improponibili.

Ne consegue che sia un processo autoimmunologico, secondo il quale gli elementi preposti alle difese contro gli agenti esterni indirizzano la propria capacità distruttiva nei confronti dei costituenti interni, sia un’anomalia della struttura genetica, che prevederebbe uno sviluppo implicito in direzione autodistruttiva, risultano inevitabilmente squalificati.

Tentare poi, come spesso accade, di propugnare una teoria della pluricausalità con effetto oncogeno sulla riproduzione cellulare, ha più il sapore di un inane paravento dietro il quale purtroppo non s’intravede via d’uscita, dal momento che proporre infiniti motivi più o meno associati fra loro significa in realtà non individuarne nessuno valido.

Invocare così di volta in volta il fumo, l’alcool, le sostanze tossiche, le abitudini alimentari, lo stress, gli influssi psicologici ecc., in mancanza di direttive produce solo confusione e rassegnazione, con il risultato di ammantare di mistero una malattia che potrebbe essere alla fin fine molto più semplice di come la si dipinge.

A titolo informativo è utile svelare poi, una volta per tutte, il quadro delle presunte influenze genetiche nello sviluppo dei processi tumorali, così come sono descritte dai biologi molecolari (di quegli studiosi cioè ai quali compete la ricerca degli infinitesimi meccanismi cellulari vitali, ma che in realtà non hanno mai visto un paziente), e sul quale si basano tutti i sistemi medici attuali, e quindi ahimè tutte le terapie attuali.

L’ipotesi portante di una causalità genetica in senso neoplastico si riduce essenzialmente al fatto che le strutture e i meccanismi preposti alla normale attività riproduttiva cellulare, per cause imprecisate assumono in un determinato momento un atteggiamento autonomo e svincolato rispetto alla globale economia tissutale.

I geni allora che normalmente svolgono un ruolo positivo nella riproduzione cellulare, vengono chiamati proto-oncogeni in un ottica deviata; quelli che la inibiscono, sono chiamati geni soppressori o oncogeni recessivi.

Fattori cellulari sia endogeni (in realtà mai dimostrati), sia esogeni, cioè tutti quegli elementi cancerogeni usualmente invocati, vengono ritenuti responsabili della degenerazione neoplastica dei tessuti.

Nello J. H. Stein (Milano 1995) viene riportato quanto segue:

‘I segnali mitogenici, dal microambiente o da aree di influenza più distanti, vengono comunicati alle cellule attraverso numerose strutture recettoriali associate alla membrana plasmatica.

Tra queste strutture, le più esaurientemente studiate sono i recettori con un dominio esterno per il legante, un dominio transmembrana e un dominio citoplasmatico avente attività tirosinchinasi.

Oltre a questi si pensa che almeno sette distinte classi di molecole partecipino alla trasmissione del segnale mutageno:

1) Recettori accoppiati a proteine G.

2) Canali ionici.

3) Recettori con attività intrinseca guanilato ciclasi.

4) Recettori per molte linfochine, citochine e fattori di crescita (interleuchina, eritropoietina, ecc.).

5) Recettori per l’attività fosfotirosina fosforilasi.

6) Recettori nucleari appartenenti alla famiglia supergenica del recettore per gli ormoni steroidei, estrogeni, tiroidei.

7) Infine prove sempre più numerose suggeriscono che le molecole di adesione espresse sulle superfici delle cellule comunicano con il microambiente in modi che producono conseguenze molto importanti sulla crescita e sulla differenziazione cellulare.’

Ad un analisi appena superficiale di questo presunto quadro oncogeno, però, sembra evidente come tutta questa irrefrenabile iperattività genetica, partorita da elementi che stanno al confine tra l’oscuro ed il mostruoso, e che quindi fanno presagire chissà quali meccanismi abissali decifrabili con meccanismi concettuali altrettanto abissali, non può far altro che svelare l’abissale idiozia che sta alla base di un simile modo di impostare le cose.

Il fatto ancor più grave poi, è che nessuno nel panorama sanitario attuale mette in dubbio siffatte imbecillità, ma tutti gli addetti ai lavori non fanno altro che ripetere la stantia litania dell’anomalia riproduttiva cellulare su base genetica.

In questo stato di cose allora, esibendo la teoretica medica attuale una pochezza e una superficialità queste si abissali, conviene cercare nuovi orizzonti e strumenti concettuali, in grado di far emergere la reale ed unica eziologia neoplastica.

Dopo tanti anni di fallimenti e di sofferenze, è ora di svecchiare menti e mentecatti (in senso etimologico), con linfa nuova e produttiva: i misteriosi e complicati fattori genetici, la mostruosa capacità riproduttiva di un’entità patologica capace di scompaginare qualsiasi tessuto, l’implicita ancestrale tendenza dell’organismo umano a deviare in senso autodistruttivo o altre simili argomentazioni, condite peraltro con una quantità di “se” e di “forse” di valore esponenziale, hanno più il sapore della farneticazione piuttosto che del sano discorso scientifico.

Una volta però rifiutate tutte le attuali prospettive oncologiche, è legittimo chiedersi come debbano essere inquadrati i successi ottenuti dalla medicina ufficiale ed eventualmente dalle correnti alternative.

A tal proposito è utile ricordare che l’odierna epistemologia ha dimostrato come i contributi di causalità degli elementi contestuali e co-testuali di una teoria, se indefinibili, sono aleatori, specialmente nello spazio ultradimensionale.

Ciò significa in pratica che i dati o facts positivi e ritenuti probanti riguardo a un principio di base (ad esempio la citata anomalia riproduttiva cellulare), ottenuti utilizzando un numero di variabili ristretto rispetto alla complessità della malattia umana, non sono affidabili, dal momento che dipendono esclusivamente dalle condizioni iniziali ipotizzate.

Laddove si ammette difatti la possibilità di miglioramenti e guarigioni, sotto il profilo logico non è ammissibile attribuirli a questo o quel metodo di cura più o meno ufficiale, dal momento che, non potendo essere specificate e comprese tutte o la maggior parte delle componenti che entrano in giuoco nell’oggetto uomo, non possono sussistere condizioni di decidibilità assoluta.

Paradossalmente, l’eventuale effetto positivo di ciascun sistema terapeutico potrebbe discendere da elementi sconosciuti a tutti e non preventivati, i quali però, potrebbero essere influenzati o determinati in qualche misura da ognuno di essi.

Ci si troverebbe cioè nella condizione in cui tutti avrebbero a ragione il diritto di magnificare il proprio punto di vista, pur non conoscendo nessuno il vero motivo dei propri successi.

In questo caso allora anche la più accurata e rigorosa sperimentazione assume un carattere finzionale piuttosto che di vera corrispondenza con la realtà, risultando alla fine come una continua sterile petitio princìpi.

Accantonata completamente perciò la cornice concettuale dell’odierna oncologia, con tutte le varianti interpretative d’ordine genetico, immunologico, tossicologico, rimane come unica via logicamente esperibile, quella delle malattie infettive, da guardare eventualmente, e da riconsiderare, con occhi diversi da come è stata considerata fino ad oggi.

Confortano peraltro una simile conclusione due considerazioni, una di ordine storico e una di ordine epidemiologico: la prima risulta dal fatto che nell’approccio terapeutico al malato il salto di qualità, la possibilità cioè di curarlo concretamente, è stato determinato quasi esclusivamente dallo sviluppo della microbiologia; la seconda discende dall’analisi del prolungamento della vita media verificatosi negli ultimi decenni, il quale, essendo associato a un inevitabile cambiamento nella reattività degli individui, si può ipotizzare come un fattore determinante nello sviluppo di patologie infettive atipiche.

Per trovare allora l’eventuale ens morbi cancerogeno nell’orizzonte della microbiologia, appare utile risalire preliminarmente ai concetti tassonomici di base della biologia, dove ci si accorge che esiste un notevole grado di indecisione e di indeterminazione.

Già nel secolo scorso difatti un biologo tedesco, Ernesto Haeckele (1834-1919), partendo dal concetto linneiano che fa dei viventi due grandi regni –quello dei vegetali e quello degli animali- aveva denunciato la difficoltà di sistemazione di tutti quegli organismi microscopici che per le loro caratteristiche e proprietà non potevano essere attribuiti o al regno animale o a quello vegetale, e per i quali aveva proposto un terzo regno denominato dei Protisti.

“Questo vasto e complesso mondo muove da entità a struttura subcellulare – siamo al limite della vita- quali i viroidi e i virus, per arrivare, attraverso i micoplasmi, ad organismi di più elevata organizzazione: batteri, attinomiceti, mixomiceti, funghi, protozoi e, se si vuole, anche qualche alga microscopica.”.

L’elemento comune a questi organismi è il sistema di alimentazione, che, compiendosi (salvo poche eccezioni) per diretto assorbimento di composti organici solubili, li differenzia sia dagli animali, che si nutrono ingerendo anche e soprattutto materiali organici solidi trasformati poi con i processi della digestione, sia dai vegetali capaci, partendo da composti minerali e utilizzando energia luminosa, di sintesi della sostanza organica.

La tendenza attuale dei biologi riprende, sia pure perfezionato, il concetto del terzo Regno; qualcuno però va ancora più oltre, argomentando come in esso i Funghi debbano figurare in una diversa sistemazione.

Se poniamo –così difatti riferisce O. Verona – nel primo regno gli organismi pluricellulari dotati di capacità fotosintetiche (piante) e nel secondo gli organismi sprovvisti di pigmenti fotosintetici (animali), gli uni e gli altri costituiti da cellule provviste di nucleo distinto (eucarioti); e, in addizione, poniamo in altro regno (Protisti) gli organismi monocellulari sprovvisti di clorofilla e con cellule prive di nucleo distinto (procarioti), i Funghi possono costituire un loro Regno per l’assenza di pigmenti fotosintetici, l’essere mono ma anche pluricellulari e, infine, possedere nucleo distinto.

Di più, rispetto a tutti gli altri micro organismi possiedono una strana proprietà, quella di avere una struttura di base microscopica (l’ifa), e nel contempo la tendenza ad assumere notevoli dimensioni (perfino di molti kg.), rimanendo invariata la capacità di adattamento e di riproduzione ad ogni livello di grandezza.

In questo senso perciò non possono essere considerati propriamente come organismi, ma come aggregati cellulari sui generis con comportamento organismico, dal momento che ciascuna cellula mantiene intatte le proprie potenzialità di sopravvivenza e di riproduzione, indipendentemente dalla struttura in cui è inserita.

Risulta chiaro, perciò, come sia estremamente arduo identificare in tutti i suoi processi biologici delle realtà viventi così complesse, tant’è che permangono a tutt’oggi in micologia enormi lacune e approssimazioni di carattere tassonomico.

Vale la pena allora soffermarsi più approfonditamente su questo strano mondo dalle caratteristiche così peculiari, cercando di sottolineare quegli elementi in qualche modo attinenti con una problematica oncologica.

1) I Funghi sono organismi eterotrofi e pertanto abbisognano, con riferimento al carbonio e all’azoto, di composti preformati, di cui i carboidrati semplici, ad esempio i monosaccaridi (glucosio, fruttosio, mannosio) sono gli zuccheri più di altri utilizzati.

Ciò significa che nel loro ciclo vitale dipendono da altri esseri viventi, che in varia misura debbono essere sfruttati, sia in maniera saprofitica (nutrendosi di scorie organiche) che in maniera parassitaria (attaccando direttamente i tessuti dell’ospite), per esigenze alimentari.

2) Presentano una grande varietà di manifestazioni riproduttive (sessuali, asessuali, per gemmazione, spesso tutti osservabili in un unico micete), unita a una grande varietà morfostrutturale dei relativi organi, finalizzate alla formazione delle spore cui è affidata la continuazione e la diffusione della specie.

3) È possibile osservare frequentemente in micologia un particolare fenomeno, denominato etrocariosi, caratterizzato dalla coesistenza di nuclei normali e nuclei mutati, in cellule che hanno subito una fusione ifale.

Oggigiorno esiste una grossa preoccupazione, da parte dei fitopatologi, per la formazione di individui geneticamente anche molto diversi dai genitori, attuatasi mediante tali cicli riproduttivi definiti parasessuali.

L’uso indiscriminato di fitofarmaci difatti ha spesso determinato mutazioni dei nuclei di molti funghi parassiti, con conseguente formazione di eterocarion talvolta particolarmente virulenti nella loro patogenicità.

4) Nella dimensione parassitaria i funghi possono sviluppare dalle ife delle strutture specializzate a forma di rostro più o meno ristretto (l’appresssorio e l’austorio), che permettono la penetrazione nell’ospite.

5) La produzione di spore può essere così abbondante da comprendere sempre, ad ogni ciclo, decine, centinaia e perfino migliaia di milioni di elementi che possono essere dispersi a notevole distanza dal punto di emissione (basta ad esempio un piccolo movimento, per determinarne l’immediata diffusione).

6) Le spore possiedono una resistenza enorme alle aggressioni esterne, essendo capaci di rimanere dormienti, se le condizioni ambientali non lo consentono, per molti anni, conservando inalterate le potenzialità rigenerative.

7) Il coefficiente di sviluppo degli apici ifali, dopo la germinazione è estremamente veloce (100 micron al minuto in ambiente ideale), con una capacità di ramificazione e quindi con la comparsa di una nuova regione apicale che in qualche caso si aggira sull’ordine dei 40-60 secondi (5).

8) La forma del fungo non è mai definita, essendo imposta dall’ambiente in cui si sviluppa.

È possibile osservare ad esempio uno stesso micelio allo stato di semplici ife isolate in ambiente liquido, oppure in forma di aggregazioni via via sempre più solide e compatte, fino alla formazione di pseudoparenchimi (stromi) e di filamenti e cordoni miceliari (rizomorfe).

Parimenti è possibile constatare in funghi diversi la stessa forma, laddove si debbano uniformare allo stesso ambiente (è il cosiddetto fenomeno del dimorfismo).

9) La parziale o totale sostituzione delle sostanze nutritive induce frequenti mutazioni nei funghi, che testimoniano l’accentuata adattabilità a tutti i substrati.

10) Quando esistono condizioni nutrizionali precarie molti funghi reagiscono con la fusione ifale (tra funghi vicini), che consente loro di esplorare più facilmente e con processi fisiologici più completi il materiale a disposizione.

Tale proprietà, che sostituisce alla competizione la cooperazione, li fa distinguere da ogni altro micro organismo e per questo Buller li chiama organismi sociali.

11) Nel caso in cui una cellula invecchi o venga danneggiata (ad esempio da sostanze tossiche), molti funghi i cui setti intercellulari sono dotati di un poro, reagiscono con l’attuazione di un processo di difesa chiamato flusso protoplasmatico, mediante il quale trasferiscono il nucleo e il citoplasma della cellula danneggiata in una altra sana, conservando inalterate le proprie potenzialità biologiche.

12) I fenomeni di regolazione dello sviluppo di ramificazione ifale, tuttora sconosciuti, consistono o in uno sviluppo ritmico o nella comparsa di settori, che, pur prendendo origine dal sistema ifale, sono autoregolati, cioè indipendenti dalla regolazione e dal comportamento del resto della colonia.

13) I funghi sono in grado attuare un’infinità di modificazioni al proprio metabolismo per vincere i meccanismi di resistenza dell’ospite, rappresentati da azioni plasmatiche e biochimiche, oltre che da aumento volumetrico (ipertrofia) e numerico (iperplasia) delle cellule colpite.

14) Sono dotati di una tale aggressività da attaccare oltre che piante, tessuti animali, derrate alimentari, altri funghi, anche protozoi, amebe e nematodi.
La caccia a questi ultimi ad esempio si attua con particolari modificazioni ifali che costituiscono delle vere e proprie trappole miceliari, ad intreccio, vischiose, o ad anello, che portano all’immobilizzazione dei vermi e alla susseguente invasione ifale.

In certi casi la potenza aggressiva fungina è così alta da consentire, a un anello cellulare formato da sole tre unità, di stringere, imprigionare ed uccidere una preda in poco tempo malgrado i suoi disperati scuotimenti.

Dalle brevi notazioni suesposte dunque, sembra giusto dedicare una maggiore attenzione al mondo dei funghi, specialmente in considerazione del fatto che biologi e microbiologi in quasi tutte le descrizioni e interpretazioni sulla loro forma, fisiologia e riproduzione, evidenziano costantemente delle lacune e dei vuoti di conoscenza di vaste proporzioni.

Una causa vera perciò, estremamente logica della proliferazione neoplastica, sembra risiedere proprio in un fungo, nel più potente cioè e nel più organizzato micro organismo che si conosca, e probabilmente in quei Funghi Imperfetti (così denominati a motivo della disconoscenza e dell’incomprensione dei loro processi biologici), la cui prerogativa essenziale risiede nella loro capacità fermentativa.

Entro l’esiguo raggruppamento dei funghi patogeni, dunque, si può nascondere la più grave malattia per l’uomo, localizzabile ormai solo con alcune facili deduzioni in grado di concludere il cerchio fino alla soluzione.

Considerando perciò, tra le specie parassite umane, che Dermatofiti e Sporotrichum dimostrano una morbosità troppo specifica, e che Attinomiceti, Toluropsis e Histoplasma per esperienza entrano in un contesto patologico molto raramente, ecco che emerge nitidamente la Candida Albicans, come unico responsabile della proliferazione tumorale. E in effetti, riflettendo un momento sulle sue caratteristiche, non poche analogie emergono con la malattia neoplastica, quali tra le più evidenti:

1) Attecchimento ubiquitario; non viene risparmiato praticamente nessun organo o tessuto.

2) Costante assenza di iperpiressia.

3) Sporadico e indiretto coinvolgimento dei tessuti differenziati.

4) Invasività di tipo quasi esclusivamente focale.

5) Debilitazione progressiva.

6) Refrattarietà di fronte a qualsiasi trattamento.

7) Proliferazione favorita da una molteplicità di concause indifferenti.

8) Configurazione sintomatologica di base con struttura tendente alla cronicizzazione.

Esiste quindi una potenzialità patogena eccezionalmente alta e diversificata in questo micete di pochi micron che, pur se non rintracciabile con gli attuali strumenti sperimentali, non può essere disconosciuta dal punto di vista clinico.

Di certo poi non può soddisfare la sua attuale sistemazione nosologica perché, non tenendo conto delle infinite possibili configurazioni parassitiche, risulta in pratica troppo semplicistica e riduttiva.

Si deve ipotizzare perciò che la Candida, nel momento in cui viene attaccata dal sistema immunologico dell’ospite, oppure da un trattamento antimicotico convenzionale, non reagisce secondo gli usuali schemi codificati, ma si difende trasformandosi in elementi sempre più piccoli e indifferenziati ancorché integralmente fecondi, fin quasi a occultare la propria presenza, sia all’organismo parassitato, sia ad eventuali indagini diagnostiche.

Il suo comportamento si può considerare un po’ come ad elastico. Quando sussistono condizioni favorevoli di attecchimento, si espande florida su un epitelio; non appena si innesca la reazione tissutale, si trasforma massivamente in una forma meno produttiva ma non attaccabile, la spora; qualora poi, si determinino delle soluzioni di continuo sub epiteliali, coniugate con una sopraggiunta areattività, in quel momento la spora si insinua approfondendosi nel connettivo sottostante, in un tale stato di inattaccabilità da risultare irreversibile.

In pratica cioè, la Candida si avvale di una intercambiabilità strutturale, che utilizza a seconda delle difficoltà presenti nella propria nicchia biologica.
Così, nel suolo, nell’aria, nell’acqua, nella vegetazione ecc., vale a dire laddove non è prevista alcuna reazione anticorpale, è libera di espandersi in una forma vegetativa matura; negli epiteli invece assume una forma mista, ridotta alla sola componente sporificata quando penetra nei piani più profondi, dove tende di nuovo ad espandersi in presenza di condizioni di areattività tissutale.

Iniziale passo obbligato di una ricerca approfondita sarebbe allora quello di capire se e in quali dimensioni trascende la spora, quali meccanismi mette in moto per nascondersi, o, ancora, se conserva sempre la sua caratteristica di parassita oppure si dispone in una posizione di neutra quiescenza, difficile se non impossibile da rilevare da parte del sistema immunitario.

Per queste e per altre simili domande, purtroppo oggi non ci si può avvalere di presidi adatti, né teorici né tecnici, dimodoché gli unici suggerimenti validi possono pervenire solo dalla clinica e dall’esperienza, capaci, se non di fornire soluzioni immediate, almeno di stimolare ulteriori domande.

Ammettendo dunque che la Candida Albicans sia l’agente responsabile dello sviluppo tumorale, una terapeutica mirata dovrebbe tenere conto non solo delle sue manifestazioni macroscopiche e statiche, ma anche di quelle ultramicroscopiche, specialmente nella loro valenza dinamica, cioè riproduttiva.

Ed è molto probabilmente nei punti di transizione dimensionale, cioè, che vanno individuati i siti d’attacco, in una bonifica che comprenda tutto lo spettro dell’espressione biologica parassitaria, vegetativa, sporale ed eventualmente ultradimensionale, al limite virale.

Se ci si sofferma invece solo ai fenomeni più evidenti, si rischia di somministrare pomate e unguenti a vita (nelle dermatomicosi o nella psoriasi), o di aggredire maldestramente (con chirurgia, radioterapia e chemioterapia) le enigmatiche masse tumorali, con il risultato di favorirne esclusivamente la propagazione, peraltro già di per sé così esaltata nelle forme fungine.

Perché, ci si domanda però, si dovrebbe supporre una diversa e esaltata attività della Candida Albicans, dal momento che è stata descritta abbondantemente nelle sue manifestazioni patologiche?

La risposta risiede nel fatto che essa è stata studiata solo in un ambito patogeno, cioè solo in rapporto ai tessuti di rivestimento di un organismo; in realtà la Candida possiede una valenza aggressiva diversificata in funzione del tessuto interessato; è solo nel connettivo o nell’ambiente connettivale difatti, e non nei tessuti differenziati che trova le condizioni di un‘espansione illimitata.

Questo peraltro emerge riflettendo un attimo sulla principale funzione del tessuto connettivo, che è proprio quella di veicolare e di rifornire di sostanze nutritive le cellule di tutto l’organismo.

È in questa sede, difatti, da considerare come un ambiente esterno sui generis rispetto alle cellule più differenziate (nervose, muscolari, ecc.), che si verifica la competizione alimentare:

da una parte gli elementi cellulari dell’organismo che cercano di scalzare ogni forma di invasione, dall’altra le cellule fungine che tentano di assorbire sempre maggiori quantità di sostanze nutritive, obbedendo alla necessità biologica della specie di tendere alla formazione di masse e colonie sempre più grandi e diffuse.

Dalla combinazione di vari fattori inerenti l’ospite e l’aggressore, è possibile dunque ipotizzare l’evoluzione di una candidosi:
1°Stadio. Epiteli integri, assenza di fattori debilitanti.

La Candida può rimanere solo come saprofita.

2°Stadio. Epiteli non integri (erosioni, abrasioni ecc.), assenza di fattori debilitanti, condizioni transitorie inusuali (acidosi, dismetabolismo, dismicrobismo ecc.).

La Candida si espande superficialmente (micosi classica, esogena ed endogena).
3°Stadio. Epiteli non integri, presenza di fattori debilitanti (tossici, radianti, traumatici, neuropsichici ecc.).

La Candida si approfondisce nei piani sub epiteliali, da cui eventualmente viene veicolata in tutto l’organismo tramite il sangue e la linfa (micosi intima).

Gli stadi 1 e 2 sono quelli più studiati e conosciuti, mentre lo stadio 3, pur descritto nella sua diversità morfologica, viene ricondotto a una silente forma di saprofitismo.

Questo dal punto di vista logico non è accettabile, poiché nessuno può dimostrare l’innocuità delle cellule fungine presenti nelle parti più intime dell’organismo.

Assumere difatti che la Candida possa avere lo stesso comportamento di saprofita osservabile sugli epiteli integri allorquando è riuscita ad insinuarsi nei piani più profondi, è un’operazione a dir poco rischiosa, poiché dovrebbe essere sostenuta da concetti assolutamente aleatori .

Non solo difatti si dovrebbe ammettere a priori l’inidoneità dell’ambiente connettivale sotto il profilo nutritivo per la Candida, ma anche, nel contempo, l’onnipotenza sempre e comunque delle difese ospiti nei confronti di una struttura organica di per sé invasiva, che dovrebbe risultare poi del tutto inerme nei tessuti più profondi.

Per quanto riguarda il primo punto però, è difficile immaginare che un micro organismo così capace di adattarsi a qualsiasi substrato, non riesca a trovare elementi di sussistenza nella sostanza organica umana; parimenti azzardato sembra ipotizzare un‘efficienza difensiva totale dell’organismo umano in ogni momento dell’esistenza.

Riguardo infine ad una presunta tendenza ad uno stato di quiescenza e di vulnerabilità di un agente patogeno qual è il fungo, del micro organismo cioè più invasivo e più aggressivo che esiste in natura, tutto ciò ha piuttosto il sapore dell’incoscienza.

Urge pertanto, in base alle considerazioni suesposte, una rapida presa di coscienza sulla pericolosità di un tale agente patogeno capace di assumere con disinvoltura le più svariate configurazioni biologiche, sia biochimiche che strutturali, in funzione delle condizioni degli organismi parassitati.

Il gradiente d’espansione fungino, difatti, è tanto più alto quanto meno eutrofico e quindi reattivo è il tessuto sede di invasione micotica.

Nel corpo umano quindi, ogni elemento, esterno o interno, che determina una diminuzione dello stato di benessere di un organismo, di un organo o di un tessuto, possiede una potenzialità oncogena, non tanto per un’eventuale intrinseca capacità lesiva, quanto per una generica proprietà di favorire l’attecchimento fungino, cioè tumorale.

La rete causale allora, così spesso invocata nell’odierna oncologia, in cui entrano fattori tossici, genetici, immunologici, psicologici, geografici, morali, sociali ecc., in realtà trova una giusta collocazione solo in un’ottica infettiva micotica, dove la sommazione aritmetica e diacronica di elementi nocivi funge da co-fattore all’aggressione esterna.

Dimostrata così in via teorica l’equivalenza tumore = fungo, è chiaro come la sua chiave interpretativa ponga una serie di interrogativi sulle attuali terapie, sia oncologiche (utilizzate senza indici di riferimento), sia antimicotiche (utilizzate solo a livello superficiale).

Quale strada conviene percorrere oggi, allora, di fronte a un malato di cancro, dal momento che i trattamenti oncologici convenzionali, non essendo eziologici, possono portare effetti positivi solo in via occasionale?

In un’ottica fungina, difatti, l’efficacia della chirurgia risulta notevolmente ridotta dal carattere di estrema diffusibilità e invasività di un aggregato miceliale, cosicché un suo potere risolutorio è legato al caso, alle condizioni cioè in cui si ha la fortuna di asportare completamente tutta la colonia (la qual cosa spesso è resa possibile da uno stato di incistazione sufficiente).

La chemioterapia e la radioterapia poi, possono produrre quasi esclusivamente effetti negativi, sia per la loro inefficacia specifica, sia per l’alta tossicità e lesività nei confronti dei tessuti, che in ultima analisi favorisce maggiormente l’aggressività micotica.

Una terapia antifungina – antitumorale specifica, invece, dovrebbe tenere conto dell’importanza del tessuto connettivo unitamente alla complessità riproduttiva dei funghi; solo attaccandoli in tutte le bande d’esistenza nella sede nutritizia a loro più confacente, è possibile sperare di eradicarli dall’organismo umano.

Il primo passo da compiere perciò è quello di rafforzare il malato di cancro con misure ricostituenti generiche (alimentazione, integratori, regolazione dei ritmi e delle funzioni vitali), in grado di potenziare già da sole aspecificamente le difese dell’organismo.

Riguardo poi alla possibilità di disporre di quei farmaci risolutori che purtroppo oggi non esistono, appare utile, nel tentativo di trovare una sostanza antifungina molto diffusibile e quindi efficace, di considerare l’estrema sensibilità della Candida nei confronti del bicarbonato di sodio (ad esempio nella candidosi orale dei lattanti), la qual cosa peraltro si accorda con la sua accentuata capacità di riprodursi in ambiente acido.

Teoricamente perciò, escogitando dei trattamenti in cui si riesca a mettere il fungo a contatto con alte concentrazioni di bicarbonato, si dovrebbe assistere alla regressione delle masse tumorali interessate.

E questo è quanto avviene in molti tipi di tumore, specialmente quello dello stomaco e quello del polmone, il primo suscettibile di regressione proprio per la sua posizione anatomica “esterna”, il secondo per la notevole diffusibilità del bicarbonato nel sistema bronchiale e per la sua alta responsività alle misure ricostituenti generali.

Applicando dunque una simile impostazione terapeutica, è stata possibile in alcuni pazienti la completa remissione della sintomatologia e la normalizzazione dei dati strumentali.

Vengono riportati qui di seguito alcuni casi (quelli più nitidi, sopravvissuti da più di 10 anni).
Caso 1
Una paziente di 70 anni, con diagnosi di adenocarcinoma dello stomaco, supportata dai comuni tests oncologici (Tac, biopsia, ecc.), due giorni prima dell’operazione fissata, accettando il consiglio di tentare una strada meno cruenta, esce dall’ospedale.

Per il periodo di un mese le viene somministrato bicarbonato di sodio (1 cucchiaino abbondante in un bicchiere d’acqua) da assumere mezz’ora prima della colazione, cioè a stomaco vuoto, con lo scopo di potenziarne al massimo l’attività.

Dopo circa due mesi avviene la normalizzazione della funzionalità gastrica con attenuazione e poi perdita di tutta la sintomatologia connessa con la patologia neoplastica (inappetenza, pesantezza digestiva, spossatezza, accessi lipotimici, ecc.)

Dopo un esame endoscopico eseguito a distanza di un anno dall’inizio della terapie, attestante la completa remissione della formazione neoplastica, la paziente rifiuta ulteriori ricerche.

È tuttora vivente a distanza di 15 anni dal trattamento.
Caso 2
Paziente di 67 anni, con una storia di ulcera gastrica alle spalle, al quale essendo diagnosticato in ambiente ospedaliero nel tumore dello stomaco, viene consigliata una gastrectomia.

Egli, convinto che la sua malattia sia solo un’esacerbazione dell’ulcera, spinto perciò a trovare alternative all’intervento chirurgico, si sottopone a terapia con bicarbonato, attuata come nel caso 1, la quale determina in pochi mesi la regressione della sintomatologia neoplastica.

Dopo un periodo di circa 18 mesi, durante il quale non viene effettuato nessun controllo, in seguito ad una ripresa della sintomatologia viene riproposta l’assunzione di bicarbonato come in precedenza, con cui in breve tempo viene ristabilita la funzionalità gastrica, mantenuta peraltro per circa 8 anni, fino a quando cioè si perdono le tracce del paziente stesso.
Caso 3
Paziente di 58 anni, affetto da carcinoma dello stomaco, diagnosticato tramite esame istologico eseguito su reperto endoscopico.

Escluse per scelta personale le vie ufficiali, vengono accettate le indicazioni terapeutiche attuate nei due casi precedenti, da cui esita una normalizzazione del quadro sintomatologico per circa tre anni, vale a dire fino a quando vengono sospese ulteriori visite di controllo.
Caso 4
Paziente di 71 anni, che si presenta, ad un controllo effettuato in ambiente ospedaliero nel settembre 1983, in un grave stato di emaciazione determinata dal notevole calo ponderale (dell’ordine di 15 Kg) sopraggiunto negli ultimi mesi.

Essendo stata diagnosticata una neoplasia dello stomaco e approntato uno schema terapeutico oncologico combinato, ne viene data notizia ai parenti, i quali inoltre vengono messi al corrente delle difficoltà e dei rischi di un simile trattamento, da attuare in un malato estremamente defedato.

A questo punto la moglie, rifiutando le strade ufficiali, decide di riportare il marito a casa e di tentare l’alternativa “innocua” del bicarbonato, la somministrazione del quale (ad una dose leggermente inferiore ai casi precedenti), restaura un appetito e una funzionalità digestiva soddisfacente.

Per circa 8 mesi si assiste ad una certa fatica a riacquistare peso; dopo tale periodo la ripresa diviene man mano più evidente fino al recupero quasi totale dei chili perduti (entro 24 mesi), con un sensibile miglioramento delle condizioni generali.
Caso 5
Paziente di 51 anni con diagnosi (fine 1983) di carcinoma bronchiale in sede lombare inferiore destra, al quale, espletati gli accertamenti oncologici di routine (con Tac nettamente positiva, ma con aspirato bronchiale negativo), viene proposto intervento chirurgico.

Dopo una consultazione avvenuta tra i familiari, essendosi deciso di rimandare di qualche tempo quanto stabilito dai sanitari, viene tentato il trattamento con bicarbonato.

Esami radiologici effettuati a distanza di circa 18 mesi, durante i quali non si verificano gli episodi emoftoici di inizio malattia, evidenziano ancora la presenza di una massa nodulare nel lobo inferiore destro, le sue dimensioni però appaiono più piccole e i suoi contorni più regolari.
Caso 6
Paziente di 48 anni, con tumore al lobo medio del polmone, attestato da tutte le ricerche oncologiche, messo in lista d’attesa (inizio 1983) per intervento chirurgico, la cui modalità d’esecuzione risulta peraltro non essere completamente definita a motivo di un dubbio sconfinamento della massa neoplastica.

Uscito dall’ospedale contro il volere dei sanitari (da sottolineare che per mesi è stato ricercato dagli addetti ospedalieri), si sottopone a terapia a base di bicarbonato, che in breve tempo ristabilisce condizioni ottimali di salute

In un esame Rx eseguito dopo circa 9 mesi, è possibile osservare, al posto della massa neoplastica, una tenue linea trasversale alla base del lobo medio, da interpretare verosimilmente come residuo cicatriziale.

È tuttora vivente.
Caso 7
Paziente di 55 anni affetto da neoplasia del retto, evidenziatasi sintomatologicamente (1981) con disturbi all’evacuazione e emissione franca di sangue, e a livello strumentale mediante esame endoscopico.

Consigliato dai sanitari di sottoporsi a resezione rettale con conseguente instaurazione di ano preternaturale, egli, nel tentativo di evitare una penosa mutilazione, si sottopone a terapia locale di bicarbonato, eseguita mediante clisteri contenenti una soluzione molto concentrata (8 cucchiaini in un litro).

A distanza di 3 anni era ancora vivente.
Considerazioni critiche
Dal sistema di pensiero e dai casi brevemente illustrati, sembra opportuno analizzare gli spunti nuovi e nel contempo concreti che possano emergere, in chiave sia critica che autocritica, nella patologia neoplastica.

A ben guardare il metodo terapeutico proposto, difatti, ci si accorge che esso possiede già in sé, indipendentemente dalla reale efficacia, un suo valore teorico innovativo, primo perché mette in discussione i metodi attuali e i suoi presupposti concettuali, secondo perché rappresenta una proposta alternativa concreta a tutta la congerie di posizioni magniloquenti ma troppo generiche, e quindi inefficaci, oggi esistenti.

Identificare invece una sola causa tumorale, pur se con tutti i possibili impliciti condizionamenti d’ordine generale, rappresenta un passo avanti indispensabile per uscire da quella forma di passività determinata dalla mancanza di risultati, responsabile di comportamenti troppo fideistici e quindi sfiduciati.

Il dato di fatto dunque che un approccio medico non convenzionale possa apportare in alcuni pazienti benefici sotto ogni profilo superiori ai trattamenti ufficiali, dimostrando anche un valore risolutivo, dovrebbe indurre a ricercarne le ragioni di fondo, cercando di evitare atteggiamenti di sufficienza limitativi e improduttivi.

Si può discutere perciò se è il bicarbonato il fautore delle guarigioni o invece l’insieme delle condizioni instaurate, oppure l’intervento di fattori neuropsichici inidentificati, o altro ancora; quello che rimane indiscusso però è il fatto che un certo numero di persone, deviando dai metodi convenzionali, è potuto ritornare alla normalità di vita senza sofferenze e senza mutilazioni.

Il messaggio che ne deriva perciò è un appello a ricercare quelle soluzioni che si accordino con il semplice presupposto Ippocratico del “benessere” dell’uomo, vale a dire è uno stimolo a valutare criticamente le terapie oncologiche odierne, in grado di garantire indubitabilmente solo sofferenze.

Una cosa è certa, oggi non è più lecito, in preda al panico e alla “sindrome del tumore”, tollerare delle carneficine effettuate su scala mondiale, ammantate per di più dal “misericordioso” obbligo di dover aiutare e di essere aiutati, senza il supporto di fondamenti eziologici certi.

Mettendosi difatti per un attimo in una diversa prospettiva, tentando di vedere il pianeta tumore con occhi più naturali, ipotizzando cioè una genesi più semplice della proliferazione neoplastica, al limite quella fungina, si rimane sbalorditi e nello stesso tempo atterriti dalla profana mano della medicina ufficiale, armata di un cinismo e di una superficialità abissali.

I casi negativi, si potrebbe argomentare però, rappresentano l’inevitabile prezzo da pagare per salvare qualcuno.

Se le sofferenze e i decessi autorizzati stanno in un rapporto enormemente negativo nei confronti di eventuali guarigioni (queste sì riconducibili al caso o a fattori estranei alle terapie), allora non è più ammissibile voler operare a tutti i costi, in quanto così facendo si delinea solo la possibilità di fare del male.

Ma le guarigioni avvenute in seguito ai protocolli oncologici attuali, si ribatterebbe, non sono poi in numero così esiguo, anzi in certe specie di tumore sono riscontrabili in alta percentuale.

Simili risultanze però, è facile rilevare, non sono altro che l’esito di atteggiamenti propagandistici sostenuti da argomentazioni surrettizie volte a distribuire indistintamente luce impropria a tutto il panorama delle entità nosologiche tumorali.

Raggruppare allora nello stesso cespite tumori maligni occasionalmente o mai guariti (come quello del polmone o dello stomaco), insieme a quelli al limite della benignità (come la maggior parte dei tiroidei o dei prostatici ecc.), oppure insieme a quelli che hanno un’evoluzione positiva autonoma malgrado la chemioterapia (ad esempio le leucemie dell’infanzia), appare un’operazione subdola e mistificatoria che ha l’unico scopo di coagulare quei consensi impossibili da ottenere con un comportamento intellettualmente corretto.

Se ad esempio su un certo numero di specie di tumore, solamente uno risulta suscettibile di regredibilità, non è lecito costruire un diagramma nosologico che informi sulla incidenza globale della terapeutica applicata indistintamente sulla totalità delle neoplasie; sarebbe più corretto al contrario denunciarne l’inutilità, anzi la dannosità, lasciando, per quanto riguarda l’eteroplasia che denota un andamento positivo, un dominio aperto di ipotesi alternative.

Ritornando allora, ad esempio, alle leucemie dell’infanzia, la loro frequente fausta evoluzione, potrebbe essere messa in correlazione con elementi estranei alle terapie somministrate, come ad esempio con quelle terapie di sostegno comunemente apportate, da considerare particolarmente efficaci in organismi giovani, oppure con la proprietà del tessuto connettivo di acquisire, in una determinata epoca di sviluppo, quella maturazione necessaria al potenziamento di un’attività immunologica dimostratasi, in un determinato momento della vita, intrinsecamente insufficiente.

Accade spesso difatti, in medicina, che alcune malattie scompaiano da sole senza motivi apparenti, ma solo in correlazione con determinati passaggi di maturazione organica.

Tanto per rimanere in tema oncologico – micologico, è noto come alcune micosi dell’infanzia croniche e recidivanti refrattarie a qualsiasi trattamento, improvvisamente ad un certo stadio dello sviluppo scompaiano senza lasciare residui.

Dalle brevi notazioni critiche esposte, moltiplicabili inutilmente all’infinito, il panorama della malattia tumorale risulta dunque estremamente vario e complesso, talché assumere posizioni esclusive o preclusive sia in senso convenzionale che anticonvenzionale può risultare indice di ristrettezza mentale, specialmente in ragione del fatto che il terreno su cui ci si muove è in gran parte sconosciuto e quindi non inquadrabile in maniera univoca o standardizzata.

Laddove infatti ci si addentra nello spazio occupato da elementi non visibili e ultramicroscopici, dovendosi inevitabilmente la strutturazione della conoscenza appoggiare sulla costruzione di una molteplicità di entità teoriche, il rischio di uno slittamento da un inquadramento reale in uno funzionale può trasformarsi in un dato di fatto pernicioso.

Il fatto poi che in pratica la medicina odierna, non solo non fornisca dei criteri interpretativi sufficienti, ma adotti metodiche pericolose, dannose e insensate, anche se in buona fede, deve spingere chiunque alla ricerca di alternative logiche ed umane e, in via subordinata, a guardare con attenzione e con occhi disponibili qualsiasi teoria e posizione che osi alzare la testa, sempre con logicità, contro quel giogo così mostruoso ed inumano che è il tumore.

In una prospettiva alternativa, allora, bisognerebbe programmare ex-novo la sperimentazione in campo oncologico, predisponendo le ricerche (epidemiologiche, eziologiche, patogenetiche, cliniche e terapeutiche), in linea con i concetti di una microbiologia e di una micologia rinnovata, che porterebbero con molta probabilità alle conclusioni già esposte, e cioè che il tumore è un fungo, la Candida Albicans.

L’eventuale riscontro poi, che non solo i tumori, ma che la maggior parte delle malattie cronico-degenerative possa ricondursi a una causalità micotica, dove eventualmente possa rientrare uno spettro più ampio dei parassiti fungini (ad esempio le malattie del connettivo, la sclerosi multipla, la psoriasi, il diabete II, ecc.), rappresenterebbe quel salto di qualità che, aprendo la via ad una rivoluzione del pensiero medico, potrebbe migliorare enormemente l’aspettativa di vita, sia in senso qualitativo che quantitativo.

Per concludere, se fino ad oggi il mondo dei funghi, cioè dei micro organismi più complessi e più aggressivi che si conoscono, è potuto passare inosservato, la speranza del presente lavoro è che si possa prendere rapidamente coscienza della loro pericolosità, in modo da veicolare le risorse della ricerca medica non in vicoli ciechi, ma contro i veri nemici dell’organismo umano, gli agenti infettivi esterni.”

Dell’industria del cancro al seno

https://dai.ly/x6uda5u

Abbiamo ricevuto questa bozza, che spiega una parte dei trucchi con i quali la grassissima industria oncologica e quella farmaceutica di monopolio, rastrellano trilioni di dollari sudati dalle comunità produttive in cambio di morti a milioni, torture terapeutiche e mutilazioni. Ci pare utile riproporre, copiata e incollata, la bozza integrale, dal sito Economia Finanza Fisco, che spesso ci stuzzica con le sue note piccanti circa le frodi continuate alle quali donne e uomini di buona volontà, gente che lavora, che paga le imposte e le tasse, ingiustamente, sono costantemente soggetti.

 

TUMORI E CANCRO AL SENO, CI SIAMO PERSI?

Un approccio che potrebbe apparire più scientifico, da parte dell’industria dell’oncologia e della medicina di monopolio rispetto al cancro al seno, dovrebbe imporre a tutti questa domanda: “…dopo aver mutilato inutilmente le tette delle donne per un secolo, non è il momento di chiedersi “dove ci siamo sbagliati?” Giustamente, uomini intelligenti come Tullio Simoncini si sono domandati e si domandano perché cavolo il cancro è ancora fra noi, dopo un secolo, e come fa a mietere così tante vittime (9 milioni di morti all’anno, ogni anno), nonostante lo sfrenato auto-compiacimento degli oncologi nell’usare i ferri sulle tette delle donne. Dopo un secolo di mutilazioni, di velenosissima chemioterapia e di stravolgenti radiazioni ionizzanti, l’unico che ha prodotto una tesi (tesi che in un certo numero di casi di cancro vero “facciamo almeno mille casi?” i cui malati erano già stati condannati a morte, ha funzionato) è solo Tullio Simoncini, un italiano che dà l’esempio terapeutico curativo ai ruffiani dell’industria intercontinentale del cancro.

Michael Baum, MD, chirurgo di punta britannico, noto tagliatore di tette del Regno Unito, ha scoperto che la chirurgia del cancro al seno tende ad aumentare il rischio di morte della vittima nel giro di tre anni. Egli ha quindi associato la chirurgia con l’accelerazione della diffusione del cancro, perché i ferri che lacerano i tessuti viventi stimolano la comunicazione dei flussi di sangue e la formazione di metastasi in altre parti del corpo del malato. (Baum, M., “Does surgery disseminate or accelerate cancer?”, The Lancet 347:260, January 27, 1996).

Queste osservazioni sono state fatte anche da prima; una comparazione fatta in Germania conclude che le donne, ammalate di cancro al seno dopo la menopausa, non mutilate, non trattate con la chirurgia, vivono più a lungo; da qui cala la raccomandazione di non trattare con i ferri della chirurgia le donne che si ammalano dopo la menopausa (Gregl, A., “Die Lebenserwartung des unbehandelten Mammakarzinoms”, Klin. Wschr. 41:676, 1963).

Le conclusioni di sopra confermano le evidenze di un altro ricercatore tedesco, Ernst Krokowski, professore di radiologia. Egli ha dimostrato conclusivamente che le metastasi sono comunemente innescate dagli interventi medici, e non solo quelli chirurgici specifici per il cancro, basta una biopsia o un altro intervento con i ferri anche non correlato (Krokowski, E.H., “Is the Current Treatment of Cancer, Self-Limiting in the Extent of its Success?”, J. Int. Acad. Preventive Medicine 6, 1, 23-39, 1979).

È la metastasi che uccide, più che il cancro in sé, soprattutto quando il tumore è al seno, perché quello può essere considerato un cancro relativamente meno pericoloso rispetto ad altri più temibili. L’intervento medico-chirurgico, e i veleni della chemioterapia, sommati, abbattono il sistema immunitario della vittima, come ciascuno può facilmente intendere, e l’intervento con i ferri può dare il via libera al flusso sanguigno scambievole delle future metastasi. E anche di ciò si sapeva molto prima, perché queste osservazioni seguono dei rapporti precedenti sulla chirurgia radicale del cancro alla prostata che pure, si nota, tende a diffondere la malattia al resto del corpo. La sopravvivenza dei malati dopo l’operazione era la stessa di quelli che non si operavano, con la differenza che i primi hanno sofferto di più e, oltre alla sofferenza indotta dai ferri e dalle restrizioni degli ospedali, hanno dovuto patire anche altre condizioni noiosissime, come l’impotenza e l’incontinenza (Iversen, P. et al., “Radical Prostatectomy versus Expectant Treatment for Early Carcinoma of the Prostate”, Scand. J. Urol. Nephrol, 172:65-72, 1995).

H B Jones, professore di fisica medica, quando in vita, era uno dei principali statistici americani sul cancro. Egli ha detto chiaramente, in un discorso davanti all’American Cancer Society, che nessuno studio ha dimostrato che un intervento precoce migliora le possibilità di sopravvivenza del malato. Al contrario, i suoi studi dimostrano in modo conclusivo che i malati di cancro non trattati, con i ferri, i veleni e le radiazioni ionizzanti, vivono fino a quattro volte di più e con una migliore qualità della vita rispetto a quelle trattate. Inutile dire che non è stato invitato di nuovo alle annuali conferenze (cioè ai ricevimenti) organizzate per raccogliere altri fondi inutili, destinati solo ad ingrassare i padroni e gli amministratori dell’industria oncologica e farmaceutica (Jones, H.B., Lecture at the American Cancer Society Conference, New Orleans, July 3, 1969).

Un più recente studio epidemiologico ha confermato il discutibile valore della terapia convenzionale della medicina di monopolio, concludendo che “gli interventi medici per il cancro hanno avuto un effetto trascurabile o nullo sulla sopravvivenza”. (McKinlay, J.B. et al., “A Review of the Evidence Concerning the Impact of Medical Measures on Recent Mortality and Morbidity in the United States”, Int. J. Health Services, 19, 23:181-208, 1989).

Persino i conservatori del “New England Journal of Medicine” hanno pubblicato un articolo con il titolo: “Cancro imbattuto” (Bailar, J.C. III, Gornik, H.L., “Cancer undefeated”, New England Journal of Medicine, 336:1569-1574, 1997).

I trucchi più comuni per rendere le statistiche mediche più favorevoli alla frode dell’industria multinazionale del tumore sono i seguenti:

a) i pazienti che muoiono durante un trattamento prolungato con chemioterapia o radioterapia non vengono conteggiati nelle statistiche dei morti di cancro, o in quelle di morti per via dei veleni e delle radiazioni ionizzanti, perché non hanno ricevuto il trattamento completo.

b) Nel gruppo di controllo viene contato chiunque muoia.

c) Inoltre, il successo è giudicato dalla percentuale di riduzione temporanea del tumore, indipendentemente dai tempi di sopravvivenza della vittima.

d) Normalmente non viene mostrato quanti dei pazienti muoiono a causa del trattamento stesso.

e) La tendenza attuale è quella di rilevare precocemente le condizioni precancerose e trattarle come fossero cancri veri. Ciò aumenta statisticamente il numero di persone affette da cancro ma aumenta anche artificialmente i tempi di sopravvivenza e abbassa i tassi di mortalità, facendo così credere ai babbei che i trattamenti medici sembrano avere più successo (in realtà le donne operate con diagnosi precoce al seno non muoiono perché non hanno il cancro, come pure non hanno più le tette).

Tuttavia, potrebbe anche esserci un componente genuino di miglioramento dei tassi di sopravvivenza, poiché un numero crescente di pazienti oncologici optano per terapie naturali aggiuntive.

Un’inchiesta su di 1,2 milioni di pazienti oncologici ha rivelato che il tasso di mortalità, attribuito alla morte non tumorale subito dopo il trattamento, era del 200% superiore a quanto normalmente previsto. Due anni dopo la diagnosi e il trattamento, questo tasso di mortalità in eccesso era sceso al 50%. La causa più comune per la morte in eccesso è stata elencata come insufficienza cardiaca e respiratoria. Questo significa che, invece di morire diversi anni dopo il cancro, questi pazienti sono morti prima, a causa degli effetti del trattamento e hanno contribuito a migliorare notevolmente le statistiche sul cancro perché non sono ufficialmente morti per il cancro (Brown, B.W., Brauner, C., Minnotte, M.C., “Noncancer deaths in white adult cancer patients”,  J. Nat. Cancer Inst., 85:979-987,1993).

Questa segnalazione ingannevole delle morti per cancro ha portato a richieste di statistiche meno fraudolente (Welch, H.G., Black, W.C., “Are Deaths Within 1 Month of Cancer-Directed Surgery Attributed to Cancer?”, J. Nat. Can. Inst. 94:1066-70, 2002).

Da un’analisi di alcuni ampi studi di “screening mammografico”, è emerso che lo “screening mammografico” induce ad un trattamento più aggressivo senza benefici sulla sopravvivenza della persona umana malata (Olsen, O., Gotzsche, P.C., “Cochrane review on screening for breast cancer with mammography”, The Lancet 358:1340-42, October 20, 2001 and Editorial, pp. 1284-85).

Anche il direttore del “Lancet” ha dovuto ammettere che non ci sono prove affidabili da ampi studi a campione per supportare i programmi di “screening mammografico” (Miller, A.B. et al., “Canadian National Breast Cancer

Screening Study–2: 13-year results of a randomised trial in women aged 50–59 years”, J. Nat. Cancer Inst. 92:1490-99, Sept 20, 2000).

Il significato di questa affermazione va ben oltre l’uso delle mammografie. È apertamente riconosciuto dai sostenitori della medicina convenzionale che non hanno un modo efficace per aiutare i pazienti con cancro avanzato. Fino ad ora l’urlo di battaglia era sempre ‘rilevalo presto, quindi può essere curato’. Questi studi di valutazione “mammografica” dimostrano che non importa quando viene rilevato il cancro, i metodi convenzionali dell’industria oncologica, e con questo l’intero settore della medicina e della farmacologia di monopolio del cancro, parliamo di imprese multinazionali da molti miliardi di dollari, sono inutili e perniciosi.

Il carcinoma duttale in situ (DCIS) è una forma non invasiva comune di tumore al seno. La maggior parte dei casi di DCIS sono rilevati attraverso l’uso della mammografia; nelle donne più giovani, il 92% di tutti i tumori rilevati dalla mammografia sono di questo tipo. Tuttavia, in media il 44%, e in alcune zone il 60%, di questi sono trattati con mastectomia. Poiché la maggior parte di questi tumori è innocua, questo migliora notevolmente le statistiche di sopravvivenza (Ernster, Virginia L. et al., “Incidence of and treatment for ductal carcinoma

in situ of the breast”, Journal of the American Medical Association,275,12:913-18, March 27, 1996; Page, David L., Jensen, Roy A., “Ductal carcinoma in situ of the breast”, J A M A, ibid., pp. 948-49).

Mentre la diagnosi convenzionale è invasiva e può aiutare a diffondere il cancro, una squadra di otto ospedali e università europee ha sviluppato una sorta di screening elettro-dermico, chiamato test Biofield, e riportato su “Lancet” come accurato al 99,1% nella diagnosi di neoplasie maligne e tumori (Cuzick, Jack et al., “Electropotential measurements as a new diagnostic modality for breast cancer”, The Lancet, 352:359-63, August 1, 1998).

Una vasta meta-analisi dei risultati della radioterapia per il cancro del polmone ha mostrato che dopo 2 anni ci sono stati il ​​21% di morti in più nel gruppo che ha avuto la radioterapia oltre alla chirurgia rispetto a quelli sottoposti a sola chirurgia. L’editoriale afferma che la logica è quella di uccidere le cellule tumorali rimanenti dopo l’intervento chirurgico, ma è un peccato che i fatti non siano d’accordo con questa teoria, e di ciò pagano le spese i contribuenti, sia quelli malati che quelli momentaneamente sani (PORT Meta-analysis Trialists Group, “Postoperative radiotherapy in non-small-cell lung cancer:  systematic

review and meta-analysis of individual patient data from nine randomised controlled trials”, The Lancet, 352(9124):257-63,250-51, July 25, 1998).

Prima di farmi mutilare e avvelenare dall’industria multinazionale del cancro, io proverei piuttosto le vie innocue, peraltro assai meno costose per il sistema:

http://www.curenaturalicancro.com/en/

http://www.cancerisafungus.com/

 

 

 

 

GDPR: Soggetti Protetti e Soggetti Obbligati

GDPR, Regolamento UE n.679 del 2016
Cosa s’intende per privacy? Chi sono i soggetti obbligati all’adeguamento?

1.0. DEL DIRITTO DELLA COSIDDETTA PRIVACY

1.1. Secondo il regolamento, ciò che chiamano “privacy” è il diritto alla riservatezza, e cioè i diritto delle persone fisiche di disporre delle proprie informazioni personali, e cioè di decidere:
a) quali informazioni dare,
b) quando darle,
c) a chi darle,
d) per quale motivo darle.

1.2. Secondo il regolamento, ciò che chiamano “privacy” incorpora un secondo diritto, che si riferisce al controllo delle informazioni date, una volta che sono state date, il diritto cioè di verificare:
a) chi ne è in possesso,
b) che uso ne fa,
c) che quell’uso sia legittimo.

1.2.1. La parte di quel diritto che si riferisce al controllo delle informazioni date, prevede anche la possibilità di revocarle; in quel caso parlano di “diritto all’oblio”.

2.0. DEI SOGGETTI PROTETTI DALLA NORMATIVA DELLA COSIDDETTA PRIVACY
2.1. Secondo il regolamento, le categorie protette dallo stesso comprendono esclusivamente le persone fisiche, a prescindere dalla loro nazionalità e dalla loro residenza,

3.0. DEI SOGGETTI CHE DEVONO ADEGUARSI AL REGOLAMENTO

3.1. Tutti gli operatori economici stabiliti sia nell’unione europea che fuori, devono adeguarsi al regolamento.

3.2. Il regolamento definisce l’operatore come qualsiasi persona fisica o giuridica che svolga un’attività economica o professionale, quale che sia la forma della sua impresa.

3.3. Lo scambio d’informazioni che avviene tra persone fisiche, per questioni personali e non economiche o professionali, non rientra in questi parametri, quindi, le persone fisiche non hanno l’obbligo di adeguarsi alle procedure del regolamento (per quanto riguarda, ad esempio, la loro gestione delle informazioni che ricevono da altre persone per motivi personali, vedi la posta elettronica, le sciocchezze che si scambiano con i cosiddetti social network, eccetera).

3.4. Gli enti di stato e la pubblica amministrazione rientrano fra i cosiddetti “operatori” e sono quindi obbligati ad adeguarsi al regolamento.

3.5. Sono esclusi dall’adeguamento gli organismi che praticano lo spionaggio industriale avanzato, come quelli ad esempio che si definiscono impegnati nel lavoro di prevenzione nell’ambito della finta lotta alla criminalità organizzata. Questi sono sottoposti alla direttiva 680 del 2016, la quale comunque fa parte del pacchetto “protezione dati” che esce assieme al regolamento.

3.6. Gli operatori stabiliti fuori dall’unione devono adeguarsi al regolamento dell’unione solo se trattano dati di persone fisiche che si trovano nell’unione e il trattamento dei loro dati si ha in rapporto alla vendita di beni e servizi a queste persone. Devono rispettare il regolamento per il solo fatto che propongono i beni e i servizi a persone fisiche presenti nell’unione europea, anche se la vendita non va in porto.

3.7. Gli operatori stabiliti fuori dall’unione che vendono e che promuovono la vendita di beni o servizi a persone fisiche presenti nell’unione, devono nominare un loro rappresentante all’interno dell’unione.

GDPR: Titolare, Responsabile, Incaricato e DPO

Regolamento 679/2016, del trattamento dei dati personali d’altri, della cosiddetta “privacy”, cioè dei diritti di segretezza e di riservatezza. Delle figure del titolare, del responsabile, dell’incaricato e del DPO.

Il 25 maggio del 2018 entra in vigore il nuovo Regolamento Generale Europeo in materia di protezione dei dati personali (GDPR). Vediamo in sintesi chi sono il Titolare, il Responsabile, l’incaricato e il DPO.

1.0. DEL TITOLARE DEL TRATTAMENTO
1.1. È definito dal regolamento all’art. 4.7.
1.2. È il soggetto che determina finalità e mezzi del trattamento dei dati d’altri.
1.3. Se è un professionista o una ditta individuale, sarà la persona fisica identificata con il codice fiscale associato a quella persona fisica e alla sua partita IVA.
1.4. Se è persona giuridica, non è prevista la nomina di un titolare (una persona fisica), il titolare coincide con la persona giuridica. Si preoccuperà di questi fatti chi ha la rappresentanza legale e può stare in giudizio per conto dell’azienda. Questo soggetto, tramite il sistema delle deleghe, può rilasciare delle responsabilità ad altri e poi deve verificare e controllare il loro lavoro.

2.0. DEL RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO
2.1. È definito dall’art. 4.8 del regolamento.
2.2. È il soggetto che tratta i dati personali d’altri, per conto del titolare.
2.3. La sua nomina è necessariamente fatta per iscritto.
2.4. La sua nomina deve recare le istruzioni precise che il titolare gli passa.
2.5. Il responsabile può essere interno o esterno all’impresa.
2.6. Il responsabile INTERNO può essere rimpiazzato dal DPO. Quindi è una figura opzionale ma necessaria in strutture complesse.
2.7. I responsabili ESTERNI sono tutti coloro che, non lavorando direttamente nella struttura dell’impresa, trattano i dati degli altri per conto del titolare di quell’impresa (tutte le attività eseguite nel cosiddetto “outsourcing”, come i consulenti che elaborano le buste paga, gli agenti vari di marketing, e, prima di tutti, quelli che fabbricano siti web, o che li gestiscono, e ci sbattono dentro tutta la pubblicità e tutti i meccanismi di spionaggio che vogliono, quasi sempre all’insaputa del titolare… ).
2.8. La sua nomina è obbligatoria per quanto riguarda il o i responsabili esterni ed è specificato che il responsabile esterno non è un titolare autonomo del dato, perché opera su “mandato” del titolare, per conto del titolare e in forza di un contratto.
2.9. Il responsabile può essere indifferentemente persona fisica o giuridica.
2.10. Il titolare risponde per le cappellate che fa il responsabile, ove si apprenda che il responsabile non ha le competenze specifiche necessarie o che il titolare non ha vigilato sulla sua attività.

3.0. DELL’INCARICATO AL TRATTAMENTO
3.1. L’incaricato ha accesso ai dati personali d’altri e agisce sotto l’autorità del titolare o del responsabile.
3.2. Gli incaricati sono solo persone fisiche.
3.3. Devono essere designati per iscritto e ricevere istruzioni dettagliate.
3.4. Possono essere dipendenti diretti, esterni, stagisti e quant’altro.

4.0. DEL DPO (DATA PROTECTION OFFICER)
4.1. La sua nomina è obbligatoria per la pubblica amministrazione e gli enti pubblici.
4.2. La sua nomina è pure obbligatoria per tutti i soggetti la cui attività principale consiste proprio nel trattamenti dei dati d’altri.
4.3. È nominato dal titolare o dal responsabile esterno. Sempre per iscritto, con accettazione sottoscritta.
4.4. Deve avere risorse umane e finanziarie coerenti con lo scopo del suo incarico.
4.5. Si può avere un DPO “di gruppo”, cioè un unico soggetto nominato da un gruppo di aziende che dividono il suo costo.
4.6. Il DPO deve:
a) conoscere la normativa in rapporto al trattamento dei dati d’altri;
b) apprendere la prassi aziendale delle imprese che serve;
c) essere indipendente;
d) essere un dipendente di alto profilo o un esterno (molto meno complicato), con un contratto di servizio.
4.7. È il punto di contatto con tutti gli interessati ed anche con il cosiddetto “garante”.
4.8. Deve informare e consigliare il titolare, i responsabili e gli incaricati.
4.9. Deve vigilare sulla corretta applicazione di tutte le norme in materia di protezione dei dati d’altri.

Della Banca Centrale Cinese

Delle élite coloniali di Hong Kong
Uno dei principali magnati di Hong Kong è  Li Ka-Shing, uno dei più ricchi d’Asia del suo tempo, (forse) il più ricco. Poi c’è il padrino immobiliare Henry Fok, il re del gioco d’azzardo Stanley Ho, e l’uomo che dovrà essere nominato dai burattini di Pechino per governare Hong Kong, dopo la dipartita ufficiale dei burocrati inglesi, Tung Chee-Wa. È bene comprendere che questi personaggi diventano ricchi e potenti nell’ambito della colonia britannica, perché questo significa che sono controllati dalla City di Londra e sono scelti come leader, e cioè come vassalli, di quella colonia, come dimostra l’ascesa di Li Ka Shing. Nel 1979, Li viene messo a capo della Hutchinson Whampoa, una delle imprese britanniche storicamente dominanti sull’economia di Hong Kong; non si viene messi a capo di quell’impresa rispondendo a qualche inserzione sul giornale. La scelta del personaggio, forse per via delle sue capacità manageriali, appartiene alla confraternita bancaria di Hong Kong. Nel 2000, la regina del Regno Unito gli dà il titolo di “Cavaliere dell’ordine” dell’impero britannico. Negli anni ’80 i magnate di Hong Kong incontrano i burocrati di Pechino diverse volte. Ne cavano un accordo in base al quale sono proprio loro a suggerire istituzionalmente i vertici dell’apparato comunista sulle dinamiche mercantili alle quali dovevano adeguare la nazione comunista. In ritorno, i magnate hanno accesso privilegiato al bacino di opportunità d’accrescimento economico in terraferma cinese. Nel 1984, i due gruppi (magnati di Hong Kong e burocrati comunisti cinesi) fondando CITIC, l’organizzazione che gestisce la trasformazione della Cina comunista in una finta (come le altre d’occidente) economia “di mercato”.

Delle Triadi
Molto genericamente, si dicono “Triadi” quelle società segrete, e quei gruppi criminali, che originano nel diciottesimo secolo in Cina con lo scopo di far fuori la dinastia dei Qing. Per più di un secolo “gli illuminati” – io leggo, i padroni delle banche centrali – fanno la guerra alla dinastia Qing. Le Triadi corrispondono al loro ennesimo trucco sovversivo, perché instillano i semi della rivoluzione, e agiscono come la massoneria nelle cosiddette “rivoluzioni” d’occidente. Durante le guerre dell’oppio, le Triadi aiutano a distribuire la droga in Cina. Il famoso movimento rivoluzionario, e il suo governo “nazionalista”, che depone la dinastia Qing nel 1912 è una coalizione di gruppi delle Triadi. San Yat-Sen, l’uomo che guida la coalizione nazionalista che rovescia la dinastia Qing nel 1912, è un membro delle Triadi, è armato, addestrato e finanziato – secondo uno schema identico e ripetuto per secoli – dalla colonia britannica di Hong Kong. Ma questo non basta, anche l’assassino, ed ex rapinatore di banche, Chiang Kai-Shek è un membro delle Triadi. Quando i finti comunisti prendono il potere in Cina, nel 1949, cacciano fuori a calci-in-culo tutta la canaglia delle Triadi dalla terraferma cinese. Buona parte di questi trova riparo a Hong Kong, ma deve ridimensionarsi con i nuovi vassalli, tutto il resto, il peggio, se ne va in nave a Formosa ad arraffare ed ammazzare quello che può. Chiang Kai-Shek, a capo delle bande che se ne scappano a Formosa, continua, o, sarebbe meglio dire, riprende, a ricevere i finanziamenti dagli Stati Uniti d’America, finanziamenti interrotti quando i suoi combattevano contro comunisti e giapponesi, perché si voleva che egli perdesse il potere e che al suo posto fosse instaurato l’agente britannico, il finto comunista infiltrato, Mao Zedong. Oggi, le Triadi esistono ancora. Ai tempi delle guerre dell’oppio, a resuscitarle pensano i bravi padri gesuiti presenti nell’area di Canton, e sono ben presenti anche nelle altre realtà in cui possono sparire nella moltitudine di una vasta comunità cinese, per esempio, in Canada, nel Regno Unito, negli Stati Uniti ed in Australia. Secondo Fritz Springmeier, le Triadi sono la confraternita criminale più potente del mondo – anche se abbiamo visto come è facile cacciarli dalla Cina nel 1948 – ma niente a che vedere con gli illuminati e il comitato dei 300. La MAFIA italiana è una cosa ridicola in confronto. Le Triadi sono quasi intoccabili da qualunque forza di polizia giudiziaria nel mondo. Una delle ragioni più importanti di questo potere è il fatto che sono associate alla massoneria per il traffico di droga, dal triangolo/quadrangolo d’oro, che è secondo solo all’Afghanistan (“secondo”, poi, solo di recente, e per ovvi motivi, dovuti alla presenza diretta dell’esercito anglo-americano e della CIA in medio oriente)  e che resta importante anche ai giorni nostri, perché finanzia e fluidifica la liquidità in denaro contante, sempre utile per le operazioni clandestine, che non necessariamente devono essere approvate dai parlamenti. I magnate comandano Hong Kong e le Triadi la gestiscono. Alcune di queste sono Sun Yee On, Wo Hop To e 14K. Per riunire Hong Kong con la Cina comunista, nel 1997, è necessaria, ai burocrati delle terraferma cinese, la cooperazione di questi gruppi. Nei primi anni ’80, il governo centrale organizza riunioni segrete con i “capi-dragoni” delle Triadi più importanti operanti in Hong Kong e assicurano loro la continuità delle loro operazioni illecite in cambio di non interferenza con le procedure di annessione.

In seguito al successo di queste negoziazioni, Deng Xiaoping definirà queste Triadi “guppi patrioti” e la stampa di Hong Kong pubblicherà una foto di Charles Heung, un alto esponente della Sun Yee On, che se la chiacchiera con la figlia di Deng. Seguiranno investimenti delle Triadi in Cina comunista, particolarmente in Shanghai e Canton (Guangzhou). Non possiamo sapere quanta parte dei flussi finanziari da Hong Kong verso la Cina siano originati in Hong Kong e quanta parte provengano da imprese estere con uffici e/o banche in Hong Kong. Sia come sia, almeno fino al 1992, Hong Kong è la seconda, per grandezza di spesa, nazione investitrice in Cina comunista, dopo quella degli Stati Uniti d’America, e le imprese più importanti inviano direttamente i loro beni e i loro bonifici, dagli Stati Uniti alla Cina continentale, senza necessariamente farli sempre transitare da Hong Kong. Fra queste imprese, è degno di nota anche l’impegno statunitense in conferimenti di beni materiali, tecnologia militare, d’ingegneria e d’ingegneri militari e tattici. È utile ricordarlo perché ricalca lo schema degli aiuti/investimenti (illegali) statunitensi alla Russia nel dopo guerra (piano Marshall) e perché gli sciacalli giornalisti delle TV e della stampa occidentale fanno sembrare la Cina rossa come una nazione ostile o nemica a quella americana, perlomeno in una visione prospettica. In realtà si tratta di un altro prodotto del lavoro dei grandi usurai, dei padroni delle grandi banche d’emissione internazionali. I trasferimenti di competenze d’ingegneria militare si hanno anche aprendo le porte delle università americane agli studenti cinesi che hanno accesso agli ambienti USAF e ai teatrini NASA, dove apprendono anche loro come simulare i finti viaggi spaziali.

Su Sun Yat-Sen, Triadi o non Triadi, dobbiamo ricordare che è istruito negli Stati Uniti d’America secondo la tradizione J.Q. Adams e Abraham Lincoln. Ad un certo punto si  determina, probabilmente opponendosi in qualche misura alle manovre dei suoi padroni banchieri esteri, come hanno fatto Jackson, Lincoln e Jefferson, prima di lui e come farà Gaddafi in Libia molti anni dopo di lui, assieme ad altri disadattati che sono rovesciati, e deve essere per questo che lo avvelenano. Però, per lui come per gli altri, resta sempre da chiedersi come è andato al potere, chi lo ha collocato a capo della nazione. La domanda è sempre la stessa e vale per tutti, anche per i dittatori cinesi, finti comunisti o finti repubblicani: Sun Yat-Sen, Chiang Kai-Shek e Mao Zedong. Abbiamo visto in altri lavori che il meccanismo con il quale si mette un anonimo a capo di una grande nazione è simile un po’ in tutto il mondo, vale quindi anche per Lenin e Stalin in Russia, per Hitler in Germania, per Fidel Castro a Cuba e per Barak Obama negli Stati Uniti.

Mandarini e burattini
Ecco in estrema sintesi la cronologia delle vicende principali dei quattro grandi rivoluzionari della Cina moderna: Sun Yat-Sen, Chiang Kai-Shek, Mao Zedong e Deng Xiaoping.

1911 – la dinastia Qing viene defenestrata e viene installata una repubblica; a capo della nazione viene collocato il Dr. Sun Yat-Sen.

1925 – muore Sun Yat-Sen, avvelenato da una spia britannica (Cohen), ammalatosi lentamente, inutilmente ricoverato e operato in una clinica della fondazione Rockefeller.
La Cina di quel tempo è divisa e caotica (Russell), diverse bande armate se la dividono, una di queste è quella di Chiang Kai-Shek, che è un ex dipendente diretto di Sun, che è a sua volta membro di una delle associazioni dette Triadi.

1927Chiang assalta la banca centrale che TV Soong tiene per conto dei Rothschild, con soldati russi misti ai suoi. Soong gli dà in sposa la sua seconda sorella, essendo la prima delle sue tre sorelle già assegnata in sposa a Sun; oltre a ciò, gli dà 3 milioni di dollari e lo mette a capo della nazione. Quindi abbiamo un banchiere (Soong), che lavora per la famiglia Rothschild e che decide chi diventa il nuovo capo dello stato e del governo (il rapinatore di banche Chiang); sempre Soong finanzia il nuovo capo di stato che ha incaricato lui stesso e gli mette alle costole una delle sue tre sorelle, avendo già collocato la prima delle sue tre sorelle alle costole del predecessore di Chiang, il suo ex padrone Sun. Alle costole di chi verrà collocata la terza sorella di Soong?

1931 – Si mandano soldati giapponesi ad invadere la Manciuria.

1937 – Si mandano soldati giapponesi ad invadere il resto della Cina.
Chiang, sponsorizzato ufficialmente dagli Stati Uniti d’America e dall’occidente, si ritrova solo e poco armato – perché a quel punto gli aiuti degli “alleati” non gli giungono più e, anzi, si dirottano propprio verso i suoi avversari finti comunisti – a tentare di fermare l’invasione giapponese. Nel frattempo, Mao Zedong se ne sta al balcone ad aspettare e, alto patriota, non muove nemmeno un muscolo per fermare l’invasione giapponese.

1949 – Nonostante il Giappone sia fra le nazioni soccombenti della seconda guerra mondiale, nonostante gli invasori giapponesi siano ricacciati al Giappone, Chiang viene defenestrato, spedito con le sue bande di assassini a trafficare droga in tutte le terre vicine alla Cina comunista; molti di loro e lo stesso Chiang riparano a Formosa; al posto di Chiang e dei suoi compari viene installato il regime comunista, con a capo l’agente britannico Mao Zedong, uno sterminatore più bravo del suo collega Stalin, che in quarant’anni riesce a far morire dai 60 ai 100 milioni di suoi concittadini.

1976 – Muore finalmente Mao Zedong e Deng Xiaoping, dopo le dovute riunioni con Rockefeller e Kissinger, inizia le riforme economiche; riprende grassissimo il grande flusso di finanziamenti stranieri verso la Cina comunista.

2001 – 13 settembre, il governo cinese sottoscrive gli impegni del WTO (due giorni dopo il finto auto-attentato di New York).

2005 – Inizia il declino economico cinese, o il rallentamento della sua crescita, per gli effetti, sempre perniciosi, delle medicine del WTO.

2008 – Riforma fiscale retroattiva al marzo del 2007 (offuscata dalla commedia delle olimpiadi, dalle proteste tibetane e dal provvidenziale terremoto nello Sichuan). Da qui in poi, l’economia della Cina potrà solo peggiorare (e questo significa che tutte le proiezioni fatte dagli economisti occidentali degli ultimi 15-20 anni le possiamo buttare tranquillamente nel cesso, come sempre accade con le inutili previsioni degli economisti.

Cerchiamo ora di osservare qualche dettaglio della vita degli individui che si vendono come i protagonisti della storia della Cina moderna.

Sun Yat-Sen
È attivo almeno in una associazione massonica, la Chinese Freemasonry. Riprendiamo da quella frase triste, tratta dal capitolo V del rapporto sulla Cina del suo contemporaneo Bertrand Russell,

..la Cina, dopo aver avuto l’imperatore per quaranta secoli, ‘decise’, undici anni fa, di diventare una repubblica democratica..”

Chi ha letto fin qui ricorderà come io non mi stanchi mai di ripetere che certe espressioni, come “la Cina”, che non è la Signora Cina, oppure, “la Cina decise..”, che non è la Signora Cina a decidere, sono cretine e fuorvianti. Le decisioni vengono prese da persone, da singoli individui, individui collocati in posizioni chiave di potere, oppure individui che, pur non essendo esposti sotto ai riflettori, gestiscono e coordinano le attività dei burattini collocati al “potere”. In ogni caso si tratta di individui singoli, in carne ed ossa, con nomi, cognomi e indirizzi, e, se non vengono nominati, o non si vuole dire chi sono oppure non lo si sa; nel primo caso si fa della propaganda spicciola, che si nutre di confusione, nel secondo caso si sta semplicemente parlando a vanvera.

La dinastia imperiale della Manciuria, la dinastia Qing, viene defenestrata nel 1911. Subito dopo, una repubblica viene installata in Cina e il capo di questa repubblica si chiama Sun Yat-Sen. Cristiano, credente praticante, sì, ammaestrato negli Stati Uniti d’America, sì, più orientato dall’immagine di Lincoln che da quella della banca d’Inghilterra, forse. Nondimeno, la domanda è ancora la solita: come si colloca a capo dello stato e perché? Si vende ai più la solita novella, che si sente e si risente ogni giorno anche in rapporto alle invasioni moderne, sul popolo sottomesso, imbestialito contro la dinastia, che si desta all’improvviso e pretende le istituzioni repubblicane, magari addirittura democratiche! Oppure è la sua istruzione occidentale che consente al dr. Sun di trasmettere gli ideali democratici e repubblicani ad una popolazione di milioni d’individualisti, abituati a vivere sotto la gestione imperiale? Con quali mezzi di comunicazione? Con quali finanze? (Ho trovato altre fonti che confermano il rapporto di Sun Yat-Sen con le Triadi, vedi “Dope-inc.” pag. 58 e 392). Per un verso o per l’altro, le Triadi muovono guerre e/o ribellioni diverse volte prima del 1911. Ma a noi ora interessa solo questa fase, perché dobbiamo solo capire come il Dr. Sun va al potere. Il Dr. Sun è legato alla società Hung, che è considerata sovversiva e fuorilegge già dal 1890 (l’elenco bibliografico per approfondire sulla Triade Hung è a pagina 53 di “Dope-inc.”). Oltre ad appartenere a una di queste associazioni segrete che combattono con la sovversione la dinastia Qing per più di un secolo, Sun Yat-Sen è sposato con una delle sorelle di TV Soong.
Chi è TV Soong? E come usa le sue tre sorelle?

 

Le sorelle Soong
Le sorelle sono tre, anche se a noi qui ne interessano due. Sono le figlie di una delle più ricche famiglie cinesi del periodo 1912-49.

Soong Ai-Ling, la più grande, si sposa con H. H. Kung (Kong Xiangxi) un ricchissimo industriale e potente politico del ventesimo secolo.

Soong Ching Ling, la seconda sorella, sposa proprio Sun Yat-Sen, il rivoluzionario repubblicano che viene indicato come il fondatore della repubblica cinese, dopo aver defenestrato la dinastia Qing, e dopo anni di sedizione con le Triadi. Sun Yat Sen è istruito, ricordiamolo, negli Stati Uniti d’America, e ha a corte tutto un entourage che parla in inglese e un capo di stato maggiore/guardia del corpo britannico-canadese, “finto ebreo” (Morris “two guns” Cohen), che presto inizierà ad avvelenarlo. Quando i finti comunisti verranno messi al potere in terraferma cinese, nel 1949, Ching Ling sarà accolta tra i massimi dirigenti del partito del presidente comunista Mao Zedong, mostrando a tutto il mondo come sia facile gabbare gli storici, la canaglia dei finti giornalisti, e i contribuenti.

Soong Mei-Ling è la sorellina più piccola, la terza, e verrà data in sposa a Chiang Kai-Shek, successore di Sun Yat-Sen, capo dell’organizzazione criminale transnazionale del Kuomintang (KMT) che, sposato con la sorellina di TV Soong, diventa il nuovo presidente della Cina repubblicana.

TV Soong
TV Soong è il fratello delle tre sorelline, il primo maschio che nasce nella famiglia Soong. È un signore molto ricco che viene incaricato di fondare la banca centrale cinese, coprire incarichi come ministro delle finanze per il KMT negli anni ’20 e ministro degli affari esteri negli anni ’40. Come accade ancora ai giorni nostri, le cariche pubbliche sono intercambiabili con quelle private, soprattutto a certi livelli, quando non si capisce mai che differenza c’è fra il pubblico e il privato. In ogni caso, qui abbiamo da notare un fatto fondamentale. Sia nel 1911-12 che nel 1927, i due capi di stato si sposano con le sorelle del padrone della banca centrale. Allora come oggi, è il padrone della banca centrale che decide chi va a capo del governo e, il padrone di quella banca centrale è TV Soong, che la tiene però in associazione con, o per conto della, famiglia Rothschild. E perciò possiamo dire che i due esponenti delle Triadi sono messi a capo del governo, per motivi diversi e in circostanze diverse, con l’approvazione della famiglia Rothschild. Non dimentichiamo che in quel tempo anche la dinastia Rockefeller è presente in Cina con Standard Oil, con la farmaceutica, la chimica, e le fondazioni che gestiscono scuole e università straniere in Cina, ospedali ed altre istituzioni di prestigio.

Charlie Soong
Charlie Soong è il padre delle tre sorelline e di TV Soong, e anche padre dello stesso TV Soong, probabilmente, oltre che di diversi altri pargoli. Egli vuole che tutti i suoi figli siano ammaestrati negli Stati Uniti d’America e ce li manda tutti, fin da giovanissimi, dopo averli fatti studiare in scuole di lingua inglese a Shanghai. Le sorelle vanno ad uno dei più prestigiosi istituti d’arte liberali, Wesleyan College, di Macon, in Georgia. Nel 1909, Ai-LIng torna in Cina e lavora come segretaria di Sun Yat-Sen, su raccomandazione di suo padre. È lei che gestisce la corrispondenza ed è lei che decodifica i messaggi cifrati provenienti dagli altri colleghi rivoluzionari di Sun. Quindi abbiamo chiaro chi è il tramite tra gli esecutori materiali degli atti sovversivi, i “rivoluzionari” delle Triadi, e i banchieri delle banche centrali, i cui padroni sono sempre le dinastie occidentali. In questo caso specifico è Soong Ai-Ling. Entrambi Sun e Charlie Soong sono ferventi cattolici e pare che si siano conosciuti proprio durante qualche servizio religioso; non è escluso che dietro le Triadi, come accade durante le prime guerre dell’oppio, ci sia ancora una volta la presenza diabolica dei gesuiti, culo e camicia con le operazioni delle banche centrali, sia di quelle funzionanti che di quelle ancora da installare. È Charlie Soong che foraggia i viaggi di Sun Yat-Sen oltreoceano, per andare a rastrellare i finanziamenti esteri necessari alla “rivoluzione”. I finanziamenti di Charlie Soong sono uno degli elementi chiave che consentono il colpo di stato del 1911, con il quale viene esautorata la dinastia Qing (1644-1911) e fondata la dittatura militare cosiddetta “repubblica” cinese.

Ad un dato momento, capita che Ai-Ling, la sorella maggiore, si sistema con un buon partito, sposa H.H. Kung, e, da quel momento in poi, cessa di fare da segretaria particolare, per conto di suo padre, a Sun Yat-Sen. Il suo posto viene preso dalla seconda sorellina, Ching Ling, nel 1914. Sun è già sposato e ha più del doppio degli anni di Ching Ling, ma la leggenda vuole che i due s’innamorino perdutamente e che tentano inutilmente di fare le loro cosine di nascosto. Sempre secondo la leggenda, Charlie Soong lo viene a sapere e s’infuria. Questo fa cessare l’amicizia fra i due bacchettoni cattolici. Ching Ling si sposerà, contro la volontà dei parenti, dice la leggenda, il 25 ottobre del 1915. Leggende romantiche a parte, il 3 maggio del 1918, a 54 anni, Charlie Soong muore a Shanghai per una malattia ai reni. Il 12 marzo 1925, come abbiamo visto di sopra, muore anche Sun Yat-Sen, a Pechino, per una malattia al fegato, procuratagli dall’avvelenamento lento di un esperto avvelenatore, nonché spione, britannico-canadese e “finto ebreo”: Cohen Morris, detto “Two guns” (due pistole).

Non stupirà apprendere che, dopo la morte di Sun, Ching Ling continua a mantenere il suo ruolo di gestione della politica interna. Nel frattempo le bande del KMT si dividono e si confrontano, volendo i loro capi prendere il posto di Sun. Due dei più feroci, Chiang Kai-Shek e Wang Jingwei, caratterizzano più degli altri quel disordine di cui fa menzione Russell nel suo rapporto, fino a che le cose sono messe a pace con il matrimonio di Chiang e la sorelle più piccola della famiglia Soong, Mei-ling. Con questo contratto, Chiang diventa cugino di Sun e tanto dovrebbe bastare per conferirgli i diritti di “successione al trono”, nonostante si parli di Cina repubblicana. A me pare che l’utilità del matrimonio sia più sostanziale che formale. Collocando sistematicamente una delle sue sorelle a strettissimo contatto con i vari capi di governo, TV Soong, padrone associato dei Rothschild della banca centrale cinese, ha modo di controllarli e di vedere se stanno in binario. Questa abitudine di collocare a capo dei governi dei criminali incalliti, associati a potenti organizzazioni segrete e sovversive, prima o poi può rivelarsi pericolosa. Ma i banchieri conoscono più di un trucco per controllare i loro dittatori, gli assassini-genocidi che di volta in volta selezionano per i lavori pericolosi, dopo averli messi a capo delle nazioni presso le quali hanno fatto i loro colpi di stato e hanno installato le loro banche centrali. Quando Sun Yat-Sen dà segni d’intolleranza, per un esempio, lo fanno avvelenare. Quando il suo successore Chiang Kai-Shek rifiuta di dare accesso ai comunisti nel suo governo, per un altro esempio, viene cacciato a Formosa dai finti comunisti, a loro volta invenzione dei banchieri occidentali. Le sorelle di TV Soong, tuttavia, non condividono nemmeno una parte della sorte che tocca ai loro mariti. Infatti, Ching-Ling mantiene il suo ruolo e Mei-Ling seguirà suo marito nel suo esilio forzato a Formosa, dove continuerà a gestire gli affari di stato, lo aiuterà a impiantare una nuova dittatura di una quarantina d’anni e seguiterà a raccogliere fondi dagli Stati Uniti d’America per mantenere in piedi le attività del KTM. Morto Chiang, nel 1975, la moglie, Soong Mei-Ling pare non riuscire a prendere apertamente la poltrona  del marito e se ne torna in America per ritirarsi a vita privata. Vivrà a New York fino al 2003, anno in cui morirà, alla tenera età di 106 anni.

Chiang Kai-Shek
Soong Mei-Ling e Chiang Kai-Shek si sposano a Shanghai nel 1927 e quello è lo stesso anno in cui Chiang va a capo del governo, perciò non m’interessa il dettaglio della sua conversione al cristianesimo, che pare ritardi il matrimonio di 7 anni, la sua promessa di divorziare, essendo lui già sposato, come condizioni o ragioni per le quali il matrimonio con Mei-Ling non gli è concesso prima del 1927. Appena preso il potere, Chiang inizia a far espellere i comunisti cinesi e i comunisti russi dalla Cina. Questo è già l’inizio dei suoi problemi relazionali con i suoi burattinai della banca centrale. Infatti, Ching Ling, la sorella sposata con Sun Yat-Sen, disapprova questa politica con vigore. Dal 1927 al 1937 si ha questo periodo di scontri ideologici che viene definito di “guerra civile” in Cina. Abbiamo visto che il ruolo di Mao è assai moderato, perché saranno i giapponesi, e i banchieri occidentali, ad indebolire le armate repubblicane per favorire la successiva installazione dei finti comunisti capeggiati da Mao Zedong; il regime comunista è un’altra invenzione britannica. Finita la seconda guerra mondiale, i soldati giapponesi devono lasciare i loro fucili ai comunisti e abbandonare la terraferma cinese. Inizia quella che la versione ufficiale vuole definire una seconda “guerra civile”, fra KMT e i comunisti, entrambi i gruppi in lotta per prendere il potere. Vince Mao Zedong, cioè, viene fatto vincere Mao Zedong, abbiamo visto come, iniziando a finanziare Mao e a strozzare i rifornimenti a Chiang, e Chiang se ne deve scappare a Formosa con le sue bande di assassini, dove farà scorrere altro sangue inutilmente e non si asterrà dalla sua tradizione di macellaio barbaro, corrotto e pervertito.

E le sorelline Soong? Soong Ai-Ling e T.V. Soong muovono le loro famiglie verso gli Stati Uniti d’America, prima che si fondi la repubblica popolare cinese sotto il controllo comunista, nel 1949. Detta così, pare che i banchieri lascino di corsa la terraferma cinese prima di essere a loro volta espropriati dai comunisti. Sarà vero? Semplicemente no, per la semplice ragione che Mao Zedong è una spia inglese e che è installato in Cina dai padroni della banca d’Inghilterra, gli stessi che installano la Federal Reserve negli Stati Uniti e la banca centrale russa in Unione Sovietica. Se è vero, come vuole la leggenda, che T.V. Soong scappa negli Stati Uniti per salvarsi dai comunisti, questo può significare che la sua quota di proprietà della banca centrale cinese se la sono presa i banchieri occidentali, e magari usano Mao anche per questo scopo, per spaventare T.V. Soong ed espropriarlo, come fanno con i Romanov e con tante altre famiglie in giro per il mondo. Non possiamo saperlo per certo a questo punto dell’indagine. Però, altro è dire che l’espropriazione delle quote di T.V. Soong equivale a “nazionalizzare”  la banca centrale cinese. Mao Zedong è un burattino dei banchieri occidentali. Il colpo di stato comunista in Cina, come in Russia, come a Cuba e come altrove, è una manovra voluta e finanziata dai padroni delle banche centrali d’occidente. Lo stesso impianto ideologico comunista è una invenzione promossa e finanziata dai capitalisti d’occidente. Qualunque sia lo status della banca centrale cinese dopo il colpo di stato comunista, vedrai che la gestione e la proprietà di quella banca è ancora saldamente tenuta dalle stesse mani che tengono la Banca d’Inghilterra, la Federal Reserve, la banca centrale russa, e le altre banche centrali del pianeta.

Soong Ching Ling
Dopo la partenza di Chiang, e di sua sorella Mei-Ling, Soong Ching Ling rimane in terraferma cinese a dare supporto al partito comunista cinese. Le viene dato il titolo di presidente onorario della repubblica popolare cinese, a Pechino, nel 1981, prima che muoia definitivamente, all’età di 88 anni. Vediamo a questo punto della vicenda che T.V. Soong e la sorella maggiore se ne tornano negli Stati Uniti nel 1949, apparentemente per fuggire i comunisti. Nello stesso tempo, però, le altre due sorelline restano, una a gestire i fatti della nuova dittatura dei finti comunisti in Cina e l’altra a gestire i fatti della nuova dittatura dei finti repubblicani a Formosa. Come si spiega, nella mentalità degli stolti giornalisti di quell’epoca e di quella presente, che un regime assolutamente totalitario, come quello comunista, i cui aguzzini, da subito, prendono ad ammazzare proprietari, dirigenti e quadri d’imprese, intestatari di case, di terreni e di qualsivoglia altro bene materiale, mobile o immobile, e fanno stragi d’innocenti, eliminandoli su scala generazionale, accusando di essere “capitalisti reazionari” tutti i parenti e gli affini di un qualunque proprietario di un qualunque bene materiale, procedendo alla più risoluta forma di espropriazione di tutto ciò che dà la produzione industriale e agraria, come si spiega che lasciano vivere e anzi onorano la moglie del reggente della banca centrale? Come si spiega che non l’ammazzano, che non la impalano subito, come fanno con gli altri minori, costretti a divorare i propri familiari durante le purghe? Ching Ling è una delle massime espressioni del capitalismo occidentale, addestrata negli Stati Uniti d’America, sposata con Sun Yat-Sen, sorella del governatore della banca centrale locale, cognata dall’odiatissimo generalissimo del KTM, Chiang Kai-Shek, eppure viene tenuta in carica con il massimo rispetto, a gestire fondazioni, a mantenere la relazione sempre più stretta e continua con i vertici del partito comunista.

 

Collocare T.V. Soong nella storia cinese moderna
T.V. Soong nasce cattolico in una ricca famiglia cattolica di Shanghai, nel dicembre del 1894. Si laurea alla Harvard Unieversity nel 1915, ricordiamo qui che suo padre, Charles Soong, manda tutti i suoi pargoli a studiare negli Stati Uniti d’America. Subito poi, nel 1917, a circa 27 anni, inizia la carriera politica come segretario particolare del Dr. Sun Yat-Sen. Chi ce lo mette, un ragazzo neolaureato, a fare il segretario del capo di stato? I ricercatori della Hoover non lo specificano, perché i loro saggi sono lavori generici destinati ai lecca-suole degli istituti delle relazioni internazionali. Cerchiamo di salvare quelle poche nozioni utili dalle loro ricerche. Dopo aver servito come diretto collaboratore del capo di stato e di governo, T.V. Soong diventa anche governatore di Canton, ministro delle finanze del KMT (1928-33) e, guarda che bravo, “manager” della banca centrale cinese (1928-34).

C’era una banca centrale nella Cina imperiale? Non c’era in Russia prima del colpo di stato bolscevico. Come e quando nasce, dunque, la banca centrale cinese, diretta da T.V. Soong? Prima o dopo il colpo di stato di Sun Yat-Sen e delle Triadi? Soong semplifica il sistema fiscale e incrementa il gettito tributario, cioè le entrate nelle casse della banca centrale, provenienti dal lavoro delle comunità produttive, come un “buon” direttore di banca centrale sempre fa. Ma non basta, è sempre lui che fonda il mercato mobiliare, la borsa valori dove si scommette sui titoli azionari e sulle obbligazionari, altri istituti cari alla tradizione degli usurai delle isole britanniche. Infine, nel 1931, Soong fonda il National Economic Council, che nel 1934 diventerà il China Development Finance Corporation. Si tratta di un istituto finanziario, che egli realizza con un altro cognato, il magnate H.H. Kung, al quale T.V. Soong ha già dato in sposa la sua prima sorella, Ai-Ling. A che serve questo ente finanziario? Serve ad offrire il credito, cioè il debito, e ad “attirare” capitali stranieri per finanziare – a strozzo – l’industrializzazione cinese.

L’orientamento “politico” di T.V. Soong
A differenza di Chiang, e di molti dei suoi banditi del KTM, Soong propende per la guerra contro il Giappone, che in quel tempo ha già occupato la Manciuria. La posizione di Chiang e dei suoi è diversa; loro preferiscono stabilire l’ordine interno, cioè cacciare i finti comunisti, prima di andare a fare la guerra. Nel 1934, T.V. Soong “lascia” l’arena politica, per così dire, si dissocia apertamente dalla posizione dei circoli dominanti dei nazionalisti del KMT. Che significa questo? Devo interrompere un attimo la spremuta dei pochi eventi utili cavati dai ricercatori dell’archivio dell’Hoover Institution. Quali sono i problemi interni che ha Chiang? Perché T.V. Soong vuole trascurarli e fare prima la guerra al Giappone? I problemi interni sono rappresentati dalla crescente presenza del partito comunista cinese, capeggiato da Mao Zedong. Il comunismo, abbiamo visto che è un sistema inventato e impiantato da finanziatori capitalisti d’occidente, in buona parte britannici. Se è vero che T.V. Soong tiene la banca centrale per conto e/o in associazione con la dinastia Rothschild, è chiaro che la sua politica è quella di appoggiare i comunisti o quantomeno di non fare cose contro di loro. I padroni delle banche centrali, usano i comunisti dall’interno e i giapponesi dalla Manciuria, per controllare il loro pupo Chiang. Nel momento in cui T.V. Soong si ritira dalla scena politica, forse rinunciando a qualche incarico, ricordiamoci che la sua sorellina più piccola, Mei-LIn, è sposata proprio con Chiang e partecipa direttamente alla politica del KTM. Il fatto che l’altra sorella di T.V. Soong, Ching Ling, la sposa del predecessore di Chiang, altro nazionalista, sia lì a dare supporto tecnico e politico ai comunisti, è un chiaro indice di un certo atteggiamento doppio-triplo giochista della famiglia di T.V. Soong, la quale, in definitiva, rappresenta la banca centrale cinese e ricalca fedelmente l’atteggiamento delle altre banche centrali più importanti in giro per il mondo, e cioè quello di inventare separazioni e conflitti fra nazioni, o interni alle nazioni, per poi finanziare entrambe le parti che si confrontano, fino alla guerra e al perpetuo indebitamento delle nazioni in conflitto fra loro.

Vedremo in qualche altro lavoro o capitolo che i militari giapponesi, i banditi invasori presenti in Manciuria, sono manovrati da banchieri occidentali, prima contro la Russia, poi contro la Cina, poi contro gli Stati Uniti d’America a Pearl Harbor. E allora i conti tornano. Chiang è un burattino controllato dalla moglie, che è sorella del gestore della banca centrale, che rappresenta interessi di banchieri occidentali, i quali finanziano il comunismo, il loro agente Mao Zedong, dall’interno, e che, da nord, spingono, o si tengono pronti a spingere, i soldati giapponesi ad invadere la Cina se Chiang si fa saltare la mosca al naso e attacca in gran forze i finti comunisti di Mao. L’aperta dissociazione di T.V. Soong da Chiang e dai nazionalisti del KMT nel 1934 è un brutto segnale per Chiang. E, infatti, nel 1937, i soldati giapponesi sono mandati a invadere il resto della terraferma cinese (la Cina è alleata ufficiale, e perciò volutamente trascurata, del governo degli Stati Uniti d’America, prima e durante la seconda guerra mondiale). La commedia vuole che una nazione alleata sia sistematicamente tradita e falcidiata, perché i personaggi di queste alleanze lavorano apertamente ostentando amicizia e, segretamente, per finanziare, armare e mandare alla guerra, contro i loro amici, proprio i nemici dei loro amici.

Della promozione dell’indebitamento estero cinese
La dissociazione di T.V. Soong dal KMT, come prevedibile, non dura. Il suo ente finanziario che consente l’accesso ai finanziamenti esteri, cioè all’indebitamento estero, diventa sempre più prestigioso. Oltre a ciò, nel 1940, 3 anni dopo l’inizio della calata dalla Manciuria dei soldati giapponesi sul resto della terraferma cinese,  T.V. Soong si trasferisce a Washington, dove si accomoda per diverso tempo. Fino al 1943, egli negozia sostanziosi finanziamenti per la Cina con il governo statunitense; vedremo poi che queste negoziazioni si traducono in piccola cosa; qualcuno negli Stati Uniti deve favorire l’ascesa di Mao Zedong e impiantare il regime comunista in Cina. Nel 1941, dopo l’attacco a Pearl Harbor, Chiang nomina Soong ministro degli affari esteri, ma Soong se ne resta negli Stati Uniti. Dal 1944 al 1949 Soong è vice premier del governo nazionalista, ministro degli esteri, delegato all’ONU nelle conferenza di San Francisco, inviato a Mosca per negoziare trattati con Stalin su come sistemare le frontiere in Asia centrale e a nord. Come a Versailles nel 1919, sono ancora i banchieri, e/o i loro consulenti tecnici, che negoziano la disposizione delle frontiere alla fine dei conflitti. Ancora Soong è quello incaricato di “combattere” l’iper inflazione del dopoguerra, nel 1946; diventa poi governatore di Canton nel 1947 e, quando nel 1949 i nazionalisti sono cacciati a Formosa, si trasferisce a New York, dove si ritira a confortevolissima vita privata. Morirà nel 1971, a San Francisco, a 77 anni.

Della frode delle divisioni e della guerra
Lo scopo di questo lavoro è principalmente quello d’individuare il meccanismo che mette i burattini al potere. La biografia di Mao dovrebbe servire solo a questo scopo, come del resto quella dei suoi due predecessori, entrambi dittatori nazionalisti. È chiaro che, per soddisfare lo scopo di questo lavoro, a me interessano i particolari delle attività di Mao dal 1920 al 1949, perché il resto lo sappiamo già e, una volta dimostrato che anche Mao è un burattino delle banche centrali d’occidente, tutto il resto delle palle che si raccontano sul suo conto, le fandonie sul “grande timoniere” e tutte le altre scemenze di televisione e cartaccia stampata, cade per conseguenza logica e immediata. Infatti, non ci sarà più tempo per considerare il “maoismo” come fenomeno ideologico o politico, e bisognerà finalmente comprendere che le tragedie vissute dalla popolazione cinese dal 1911 al 1979, sono la conseguenza di un lavoro di pianificazione occidentale. Non solo questo, la parte più importante ha a che fare con il quadro geo-poltico d’insieme. Infatti, se si arriva a capire che il comunismo cinese è in impianto ideologico, una truffa, come lo è quello russo e come lo sono tutti gli altri, bisogna allora fare un passo avanti e capire anche che le divisioni ideologiche fra oriente e occidente sono artificiali. Se si capisce che le divisioni ideologiche sono artificiali, per esempio, quelle d’Irlanda, quelle fra Germania est e Germania ovest, quelle fra Israele e la Palestina, quelle fra Cina e Formosa, fra VietNam del nord e del sud, fra Corea del nord e del sud, fra Cuba e gli Stati Uniti, eccetera eccetera, se si capisce questo, si deve capire, finalmente, che chi va alla guerra è, prima di ogni altra cosa, vittima di una frode. Non ha nessun senso andare a combattere, infatti, contro delle forze aliene che sono armate e indottrinate artificialmente. Perciò, chi si arma e va alla guerra, è, prima che un assassino e un degenerato, un fesso.

Della biografia di Mao Zedong
Arrivati a questo punto, appare sempre più evidente il motivo per il quale non si cava gran che di utile cercando i fatti della vita di Mao nel trentennio 1920-1949. Il motivo è semplice: Mao non fa quasi nulla prima di andare al potere e, siccome va al potere solo per conseguenza del fatto che Chiang viene mandato a Formosa, c’è assai poco da dire sulle sue “imprese” o sulle sue attività politiche precedenti il 1949. Cosa farà dopo? Si sa un po’ del “grande balzo in avanti”, della riforma agraria e della rivoluzione culturale, i 3 momenti di maggiore stupidità storica del “grande timoniere” di natanti alla deriva.

Secondo un dispaccio dei servizi segreti statunitensi del 1947, ristampato nel dipartimento di stato:

“..è un fatto degno di nota che, subito dopo la presa del potere comunista, nella città chiave di Shanghai, i maoisti hanno interrotto la propaganda anti-britannica”.

La fitta trama del traffico di narcotici dell’estremo oriente è ora perfezionato grazie a quest’ennesima, indulgente, collaborazione finanziaria anglo-cinese.

Nel 1978, il dipartimento di stato statunitense rilascia 1300 pagine di documenti relativi alle attività diplomatiche americane in Cina al tempo della presa del potere dei maoisti. Il RIIA (Chatham House, o Royal Institute of International Affairs, sede strategica delle società segrete fondate da Cecil Rhodes) pubblica i suoi rapporti nel 1977 circa le attività nella regione durante il periodo bellico, prima e dopo, curato dal comitato per l’estremo oriente, il vero ministero degli esteri britannico (vedi “Dope-inc.” p. 143). Entrambi i fasci di documenti conducono alle stesse considerazioni: il processo di creazione di una Repubblica Popolare Cinese comprende un’alleanza fra i trafficanti di droga britannici e quelli cinesi. La negoziazione, da parte inglese, viene condotta da Sir John Henry Keswick e la parte cinese è rappresentata proprio dal braccio destro di Mao Zedong, Chou En-Lai (o Zhou En-Lai). La delegazione cinese è composta anche da altre figure storiche del traffico d’oppio, come Chi Ch’ao-ting, per la Bank of China, K.P. Chen, per la Shanghai Commercial Bank, che è anche a capo della sezione cinese dell’ Institute for Pacific Relations, ed elementi delle cosiddette “Green Gang“, che gestiscono il traffico d’oppio, oltre che in Cina, in tutte le altre grandi nazioni in cui gli espatriati cinesi sono presenti in gran numero. Peter Vladimirov, diplomatico di collegamento sovietico presso il quartier generale di Mao in Yenan, durante il periodo 1941-45, scrive nei suoi diari, pubblicati in Russia, che il partito comunista cinese coltiva oppio nella regione dello Yenan, per lucro, oltre che per uso medico. Il traffico dell’oppio è un grande stimolatore per i flussi di contanti nello Yenan da molto prima dell’arrivo di Mao. Secondo Vladimirov Mao non fa altro che continuare la pratica. Il rappresentante sovietico sospetta inoltre che i vertici del partito comunista cinese tengano contatti con certi visitatori americani del Institute for Pacific Relations.

Del sistema bancario del collettivismo oligarchico cinese
Maoisti e britannici creano l’infrastruttura finanziaria del narcotraffico dell’estremo oriente. Keswick apre i canali di comunicazione fra Pechino e Hong Kong, permettendo le divisioni delle famiglie di banchieri di Shanghai fra la terraferma cinese e Hong Kong, attorno al 1947. Queste divisioni creano le connessioni con gli espatriati cinesi di Londra con i loro affiliati di Pechino. Un’altra rete di espatriati, come i banchieri tailandesi, all’opera dal 1930, si consolida alla stessa maniera, anche se di questi non sono disponibili documenti dell’epoca. Le indagini del Senato statunitense, condotte dal IPR (Institute for Pacific Relations), rivelano indirettamente il ruolo del RIIA (Royal Institute of International
Affairs) nella realizzazione di questa narco-rete finanziaria.

Nationalist Bank of China
La commissione McCarran rende pubblica parte della corrispondenza del segretario generale William Holland, del IPR. Holland è in stretto contatto con i vertici del RIIA di Londra, che sono poi quelli che creano lo stesso IPR che gestisce Holland, e in una delle lettere che si scambiano fra il 1950 e il 1951, Holland segnala la disponibilità (“all’amicizia”) di uno dei massimi funzionari del sistema bancario comunista cinese. Si tratta di Chi Chao-Ting, alto ufficiale nella Nationalist Bank of China, prima della finta vittoria comunista. In quel tempo, essendo i nazionalisti già stati cacciati a Formosa, Chi serve i suoi nuovi padroni finti comunisti con lo stesso senso di lealtà che ha in precedenza per i loro avversari finti nazionalisti. Nel frattempo la banca cambia nome e viene detta PRC Bank of China, cioè, la Bank of China della repubblica popolare cinese. Ma la diserzione di Chi dai ranghi dei finti nazionalisti è preceduta dalla fuga in massa di tutta la cricca di banchieri della ex Nationalist Bank che scelgono di trattare accordi con i comunisti piuttosto che farsi trasferire a Formosa (e anche di questi banchieri capitalisti, e di loro quadri e di loro impiegati, nessuno viene purgato o spedito nei campi di rieducazione comunisti; le competenze di medici e docenti non servono ma quelle dei bancari sì).

Stando alle carte del dipartimento di stato americano, questa fazione di bancari non precari, nel 1949, si organizzano e si accordano per allacciare i collegamenti con i leader cinesi del IPR e il banchiere di Shanghai K.P. Chen, che lascia Shanghai per Hong Kong persino dopo la presa del potere comunista. Stando sempre alla documentazione pubblica, i flussi di contante che riempiono le casse della Nationalist Bank of China durante il periodo della gestione di Chi, proviene dal traffico d’oppio. Il governo di Chiang Kai-Shek continua il traffico di droga durante tutto il periodo della guerra, finita la quale, Chiang viene spedito a Formosa, a fare altre rapine con la sua canaglia, ma i suoi banchieri più preparati rimangono in terraferma cinese, per triangolare i flussi finanziari del traffico di droga. La “diserzione” di Chi Chao-Ting, che si mette al servizio della Bank of China dei comunisti, ripete con gli atti la naturale elasticità degli steli dei papaveri da oppio, che si piegano con il cambiare del vento. Chi farà una carriera formidabile con i comunisti, alto grado, alte cariche, alte qualifiche, alta gradazione degli alcolici offerti ai banchetti, alto numero di vergini da mettere in batteria, e parteciperà a conferenze internazionali in rappresentanza della repubblica popolare cinese. I collegamenti finanziari della Bank of China con l’occidente, allora come ora, si hanno per via della HSBC (Hong Kong and Shanghai Banking Corp.), che ha sede a Londra, il cui governatore dell’epoca è K.P. Chen, e la Standard and Chartered Bank. Un’intera sezione dei banchieri di Shanghai resiste alle pressioni del partito nazionalista di spostare le loro operazioni a Formosa. Essi sanno che, rimanendo in terraferma cinese hanno da trattare con elementi dell’asse Londra-Pechino. Al livello più basso del narcotraffico, le famigerate Green Gangs, gli operatori materiali del traffico e dello spaccio di droga, rompono i legami in massa con il KMT e riparano tutti nei campi dei comunisti. Rapidamente e tranquillamente, l’apparato di produzione e distribuzione d’oppio del dopoguerra è ripristinato tra Shanghai e Hong Kong.

Delle ragioni della vittoria di Mao sul KTM (David Rivera)
Dopo il matrimonio con la sorella di Soong, nel dicembre del 1927, Chiang fa espellere tutti i russi presenti in Cina, salvo i consulenti “comunisti” più competenti, perché quelli li fa arrestare. Mao Zedong, nel frattempo, ripara sulle montagne delle province del nord, dove coltiva l’oppio e inizia a prepararsi assieme ad altri ribelli per una prossima insurrezione.

I 250 milioni da Roosevelt
Nel 1937, soldati giapponesi vengono mandati ad attaccare Shanghai e l’evento si accompagna ad una insurrezione comunista, generando due fronti di guerra per il generalissimo fedifrago. Il giorno 8 di dicembre del 1941, il governo cinese invia un telegramma con richieste di aiuto, contro il comune nemico “comunista”, al governo degli Stati Uniti d’America, il cui incaricato teorico è il presidente Roosevelt. Un prestito di 250 milioni di dollari in oro è l’aiuto militare che proviene in risposta, per stabilizzare l’economia della Cina. 250 milioni si stanziano ma non arrivano. Harry Dexter White, spia sovietica, assistente alla Segreteria del Tesoro, è proprio il soggetto incaricato di assicurarsi che il governo cinese riceva l’oro e però, in un periodo di 3 anni, riesce ad inviare solo 27 milioni.

“Mandiamogli altri 500 milioni”
Nel 1945, il Congresso degli Stati Uniti d’America, i cui partecipanti stonati sono stati persuasi che il primo prestito non sia stato sufficiente, vota e approva un secondo fido, stavolta di 500 milioni, senza che nessuno controlli dove sono andati a finire i 250 milioni approvati in precedenza e, anche questa seconda volta, Dexter fa in modo che al governo cinese non arrivi nemmeno una copeca. L’economia della Cina, le cui risorse vengono assorbite nel doppio conflitto contro le insurrezioni “comuniste” e contro i soldati giapponesi, tracolla, ed è sufficiente la semplice indolenza di un Dexter a mandare in malora le forze armate non stipendiate di Chiang Kai Shek.

Un governo di coalizione con i comunisti
Dopo la fine della seconda guerra mondiale, un inviato speciale, il gen. George C. Marshall (capo di stato maggiore dell’esercito USA, membro del CFR, Segretario di Stato dal 1947 al 1949, lo stesso che ha piena consapevolezza, mesi prima, dell’imminente attacco giapponese a Pearl Harbor, e che più tardi provvederà a finanziare la ricostruzione di Russia ed Europa) e Patrick J. Hurley sono mandati in Cina per incontrare Chiang Kai Shek. La loro missione consiste nel far pressione su di lui affinché egli dia rappresentanza, nel suo governo, anche ai burattini comunisti (vedi che il trucco si ripete un po’ ovunque, e doveva essere un disegno internazionale di quei tempi; in Italia, con Aldo Moro che si alliscia Enrico Berlinguer, lo chiamano il “compromesso storico”, ma si capisce qui che, anche quella del finto compromesso storico è una politica suggerita dai committenti statunitensi, per motivi loro). I pupi “nazionalisti”, quelli che costituiscono il KMT (Kuomintang), devono ora formare un governo di coalizione con i burattini “comunisti”, perché tanto, così è la loro impressione, il “comunismo” cinese non è influenzato dal “comunismo” russo. Questo dettaglio rievoca le scemenze che si dicono a proposito del caso Moro e di altri casi analoghi. “Moro ha aperto ai comunisti e ha fatto un governo di coalizione con loro, per questo” – si dice – “è stato ammazzato”; i suoi padroni capitalisti, collocati più o meno a Londra e New York, non gli avrebbero perdonato la sua apertura politica; essi, infatti, “hanno come obiettivo la distruzione del partito comunista”, e questa è la seconda grossa idiozia che viene fatta passare per logica assieme alla prima, da certe teste vuote che vanno in giro a starnazzare conferenze, citando personaggi che non hanno mai incontrati e dei quali sanno praticamente nulla. I capitalisti finanziano i comunisti, da sempre, i capitalisti inventano letteralmente il comunismo, perché i protocolli hegeliani vogliono il mondo diviso e quindi servono le divisioni artificiali. Ma i padroni di fascisti e comunisti sono gli stessi e la politica è sempre la stessa, anche in Cina, dove sono loro, i padroni delle banche centrali, che impongono a Chiang di ammettere nel suo governo elementi comunisti, dopo che lo hanno fatto combattere, prima con loro e poi contro di loro. Chiang si rifiuta e perciò viene cacciato. Aldo Moro non può essere stato ammazzato per via della sua apertura ai comunisti, perché quei comunisti erano sponsorizzati dagli stessi padroni di Aldo Moro, quegli stessi padroni che per gli stessi motivi vogliono far fiorire movimenti comunisti un po’ in tutto il mondo, o perlomeno in metà di esso. Evitiamo di andar dietro alle spiegazioni sempliciotte starnazzate nelle conferenze avvinazzate.

Chiang non vuole sentir parlare di comunisti
Tuttavia, Chiang, che oramai si è montato troppo la testa, non vuole accettare i suggerimenti e i moniti intimati dai rappresentanti del capitale, quel capitale che lo potrebbe mantenerlo al potere in terraferma cinese, e decide di non accettare nessun tipo d’influenza, né di presenza ufficiale, “comunista” nel suo governo, dimenticando, o ignorando, che tale influenza può determinare l’afflusso o il deflusso dell’oro inviatogli in prestito dal congresso statunitense, perché il congresso promette e mantiene, ma poi sono gli esecutori che ritardano, e i ritardi dei rifornimenti in guerra comportano fame, defezioni, diserzioni, ribellioni e diserzioni; i tagliagole devono essere retribuiti, altrimenti non mantengono le postazioni. Per questo motivo, anche se non sappiamo con quale pretesto ufficiale, Marshall raccomanda poi ufficialmente la sospensione di tutti gli aiuti statunitensi a Chiang (come se ne fossero mai giunti in proporzione) e, anzi, propone caldamente l’imposizione di un embargo.

Niente oro niente rivoluzioni e niente governo
Niente più carburante per i carri armati cinesi e per i suoi apparecchi, niente più munizioni per le carabine di Chiang e per i suoi cannoni. Ma, ai ribelli “comunisti” sulle montagne del nord, arrivano tranquillamente tutti i rifornimenti che si possono desiderare dalla Russia “comunista”, che a sua volta è ricostruita con il piano Marshall. E il governo russo passa ai combattenti delle montagne cinesi le armi e le munizioni precedentemente sottratte ai soldati giapponesi; oltre a ciò, fa loro gran regalie di tutto il materiale precedentemente prestato, noleggiato e affittato, dal governo statunitense all’Unione Sovietica (vedi La macchinazione del comunismo, o Del Complotto Comunista, per avere un’idea dei materiali che il governo USA invia a supporto dell’economia e dell’armata russa).

Propaganda “capitalista” a beneficio dei rivoluzionari “comunisti”
Presto, anche il narcotrafficante Mao Zedong si ritrova equipaggiato ed armato a sufficienza per prendere il potere e scacciare il generalissimo Chiang nella vituperata isola di Taiwan, Formosa, dove il generalissimo, giubilato e profondamente umiliato, può sfogarsela con una popolazione tendenzialmente mite, perché relativamente ordinata da 50 anni di disciplina giapponese, generare rinnovata sofferenza e far versare rinnovato sangue. Gli alti impiegati del Dipartimento di Stato statunitense, come Harry Dexter White e Owen Lattimore, che erano membri anche del “Institute of Pacific Relations“, oltre a pianificare il collasso dell’economia cinese, falsificano anche dei documenti, per dimostrare che i “comunisti” cinesi sono in sostanza degli onesti zappaterra che fanno una leggerissima pressione sul governo per ottenere una semplicissima riforma agraria. Così, ripetendo i soliti schemi che la gente ignorante sempre si beve con noncuranza, dal 1943 al 1949, rotocalchi come il Saturday Evening Post (che ci ricama sopra una sessantina di articoli) e Colliers, sostengono e promuovono il movimento comunista cinese. E, mentre il narcotrafficante Mao Zedong viene fatto passare per un onesto riformatore agrario, Chiang viene dipinto come un “dittatore corrotto e pervertito” (ed è un trucco che funziona sempre anche ai giorni nostri, decide la propaganda chi va e chi viene).

Le minacce russe alla Cina nazionalista
Nel 1945 Lattimore spedisce al presidente americano Truman un memorandum con il quale suggerisce un governo di coalizione “nazionalista-comunista”. Secondo alcuni ricercatori e storici avveduti, il governo russo spedisce a quello cinese un telegramma con il quale minaccia la distruzione della Cina in caso non si arrendano subito alle forze insurrezionali. Tecnici cinesi vengono invitati in Russia a vedere la bomba atomica con la quale la Cina sarebbe polverizzata in caso di mancata resa e, con il progredire della novella, anche Chiang prende a inviare telegrammi; ne manda uno subito al presidente Truman con un’ulteriore, chiara ed esplicita, richiesta di aiuto. Truman rifiuta.

“Inviamogli altri 125 milioni”
E nel 1948 il Congresso statunitense approva un terzo affidamento per Chiang, è l’invio ufficiale di 125 milioni di dollari in aiuti militari alla Cina nazionalista, dove Chiang è ancora al potere ma anche in quel caso il denaro non arriverà mai a destinazione, perché viene trattenuto e rallentato dalle formalità dei burocrati di cui abbiamo letto di sopra. Chiang viene sconfitto e nell’ottobre del 1949, 450 milioni di cinesi vengono assoggettati al nuovo regime “comunista” che s’installa con l’auto-eletto presidente Mao Zedong, dopo aver scacciato a-calci-in-culo il generalissimo Chiang sull’isoletta di Taiwan.

Del pretestuoso marxismo del presidente Mao Zedong
L’isola di Taiwan, o Formosa, è a 110 miglia sotto la costa orientale della Cina continentale. Il presidente Mao, che annuncia nel 1921 di essere marxista, dopo aver dato un’occhiata sommaria al manifesto del partito comunista, prende il potere nella Cina continentale e decide che Pechino diventa la nuova capitale. Il 14 febbraio del 1950 viene siglato un trattato d’amicizia di trent’anni fra Cina e Russia.

Il piano “comunista” per la conquista del mondo
Nel marzo del 1953, il presidente Mao propone al governo russo il piano per la conquista del pianeta, in cui tutti gli Stati, eccetto gli USA, andrebbero sotto il controllo della dittatura comunista, entro il 1973. Il progetto delirante di Mao viene chiamato il “Memorandum del nuovo programma di rivoluzione mondiale“, e portato a Mosca proprio dal Ministro degli Esteri cinese, Chou En Lai. La prima fase di questo progetto squadernato dovrebbe essere completata entro il 1960, e il memorandum fa appello a Formosa, alla Corea e all’Indocina, di condividere il vessillo rosso- sangue del partito comunista. Il 15 luglio del 1971, il presidente Mao fa anche appello a tutto il pianeta Terra, esortando le popolazioni del mondo ad “unirsi e a sconfiggere gli aggressori imperialisti americani, assieme a tutti i loro tirapiedi“. L’appello non viene preso sul serio, o forse non viene compreso perché scritto in cinese. Però sappiamo che con queste buffonate si coprono le guerre di Corea e dell’indocina, che sono già tutte progettate prima del 1949. La guerra deve continuare.

Nixon e la Cina alle Nazioni Unite
Mentre sta facendo la sua campagna elettorale, nel 1968, Richard Nixon si lascia proferire, pubblicamente, la seguente affermazione: “io non riconoscerò la Cina comunista adesso, e non concorderò con la sua ammissione alle Nazioni Unite”. Più avanti, nel suo libro titolato “Le sei crisi”, egli scriverebbe:

“..ammettere la Cina rossa alle Nazioni Unite sarebbe una beffa alle disposizioni previste nel suo statuto, le quali limitano l’accesso solo alle nazioni associate al club ‘peace-loving-nations’. E la cosa più inquietante di ciò sarebbe che, quella sorta di rispettabilità derivante dall’ammissione alla comunità delle Nazioni Unite, incrementerebbe il potere e il prestigio della Cina comunista in Asia e probabilmente indebolirebbe in modo irreparabile i governi non comunisti di quell’area”.

Dei rapporti amorevoli tra finanza capitalista e comunismo
Nonostante le chiacchiere per i giornalisti e gli ascoltatori disattenti, è proprio Nixon il primo ad aprire il dialogo con la Cina comunista e, nel 1971, la Cina Comunista ha le sue seggiole debitamente collocate fra gli Stati membri a pieno titolo delle Nazioni Unite; la “Repubblica” di Taiwan (o Formosa, detta anche Republic of China, perché da essa i fantasisti di Chiang si immaginano di governare anche il resto della Cina continentale), invece, ne viene cacciata fuori. Quando poi Nixon e Kissinger iniziano i loro viaggi diplomatici in Cina comunista, nel 1971, che continuano fino ai tempi di Ronald Reagan nel 1984, i rapporti fra gli Stati Uniti e la Cina comunista diventano tanto amorevoli quanto lo sono stati ai tempi della loro alleanza militare, nel 1937.

“C’è una sola Cina…”
Nel 1978, il presidente americano Carter approva l’invio di tecnologia statunitense alla Cina comunista e il governo statunitense riconosce le piena dignità del governo comunista come l’attuale, unico e ufficiale, governo cinese. Nel 1979, Carter, fra le tante stupidaggini che gli capita di dire durante la sua amministrazione, si lascia scappare un’affermazione in pubblico che recide in modo triste i rapporti diplomatici con Taiwan:

“C’è una sola Cina” – dice – “..e Taiwan è parte di essa“.

La leggenda del presidente Mao
Quello sotto è un mozzicone riadattato di una delle tante biografie ufficiali di Mao Zedong, primo presidente e capo di stato della Cina comunista, terraferma insanguinata che egli piaghereà dal 1949 al 1976. Noterai qui, e in tutte le altre biografie ufficiali, di lui o di altri uomini storici, che non si accenna mai al COME. Si dice di questo e di quello che hanno fatto questo e quello ma non si spiega mai COME lo hanno fatto. Per esempio, “Mao organizza la rivolta…”, “Mao guida il movimento…” ma COME fa ad organizzare il movimento? Con che denari? Chi lo finanzia? E perché chi lo finanzia sceglie proprio di finanziare lui? Come entra lui in contatto con i suoi finanziatori? Quali sono le condizioni e le guide che gli danno per fargli fare quello che farà? Se leggi le biografie sbatti contro la sintesi necessaria e sempre insufficiente di un curriculum vitae. Ti si elencano una serie di imprese, enfatizzando quelle riuscite e trascurando o tacendo quelle fallimentari, ma nessuno mai ti spiega COME e perché Tizio è eletto per quella perticolare impresa. Del resto nessuno mette sul suo CV che è stato assunto in RAI perché raccomandato o che ha vinto il concorso in GdF perché ha pagato, e nemmeno ti viene mai fatta una domanda del genere: “come hai fatto ad ottenere quel posto?” Una volta che lo hai lo hai, e nessuno ti toglie il merito, in genere. Ma nella biografia storica degli uomini da ricordare, da ricordare se non altro per le centinaia di milioni di persone che hanno indotto alla morte, questo è un dato fondamentale. Se capisci il COME uno va al potere, capisci pure che al potere ci può andare praticamente chiunque e, se capisci il COME ha fatto ciò che ha fatto, capisci pure che per fare quello che ha fatto sono necessarie, assolutamente necessarie, sempre e comunque, le risorse finanziarie. Alla base di ogni moto popolare, guerra, rivoluzione o insurrezione, c’è il DENARO. Per fare le guerre, le rivolte, le insurrezioni, le rivoluzioni, i movimenti politici, per distribuire propaganda stampata o ciarlata per radio e in Tv, serve il denaro. Chiang, senza l’oro promesso è costretto a Taiwan. E i contadini vietnamiti che si svegliano d’un tratto nazionalisti, da chi e COME, con che cosa, comprano i fucili che imbracciano per alimentare il loro finto orgoglio nazionalistico? Gli impianti ideologici, per quanto elaborati e complessi (o ripetitivi, perché quelli di destra sono spesso copiati da sinistra e viceversa, come quelli religiosi) servono solo a pretesto per i posteri.

Mao Zedong nasce in un villaggio di contadini che si chiama Shaoshan e che si trova nella contea di Xiangtan, nella provincia di Hunan. Nasce da una famiglia di coltivatori agricoli e inizia a darsi da fare sul presto perché, quando ha solo 14 anni, il padre lo fa sposare con Luo Shi, una topa non tanto alta ma un più grandicella di lui per età. Più tardi Mao vorrà ricusare il matrimonio. Nel 1911 si iscrive alla scuola media superiore per normali di Changsha e, in ottobre, pur di non farsi venire la schiena curva sui libri, entra nell’esercito repubblicano. Nel 1912 viene congedato e si iscrive a scuole diverse, un po’ qui e un po’ lì. Nel 1913  finisce alla scuola magistrale di Changsha e nel 1915 – anziché pensare a studiare – partecipa ad una protesta di studenti e viene eletto segretario dell’Associazione studentesca. Nonostante ciò, Mao riesce a diplomarsi nella scuola per normali di Hunan e nel 1918 e si avvicina agli ambienti universitari, lavorando come assistente bibliotecario dell’università di Pechino. Inizia così a sviluppare un certo interesse per i libri: li tiene in ordine, li archivia in successione alfabetica e li spolvera almeno una volta a settimana. Sempre durante la sua collaborazione come assistente bibliotecario, prende a strofinarsi contro le natiche della figlia di un professore, Yang Chao Qji. Dai oggi dai domani, i due finiscono per sposarsi; lui la mette incinta, almeno una volta di persona, e le fa fare due figli: Mao An ying e Mao An Qing. Ogni volta che ne chiama uno –  a causa dell’assonanza dei loro nomi – quelli se ne vengono sempre assieme. Lei, la sposa, Yang Kai Hui, sarà presto imprigionata ed ammazzata dai soldati di Jiang Jieshi (che in occidente viene detto inspiegabilmente Chiang Kai Shek). Nel 1919, Mao dirige una rivista, così, tanto per fare qualcosa e tenersi impegnato, la Rivista del fiume Xiang, in dicembre parte per Pechino e la rivista non si stamperà più (e meno male). Passando casualmente a visitare la biblioteca in cui aveva spolverato i libri in precedenza, gli capita poi di urtare uno scaffale dal quale cade un volumetto di cento pagine, scritto nel 1848 e attribuito erroneamente a Marx ed Engels: “il manifesto del partito comunista”. Mao non lo leggerà, ma è subito colto da una visione rivelatrice, egli intuisce che, con una buona chiacchiera, anche un bifolco che parte dal narcotraffico può diventare presidente di una nazione. Sfogliando a caso dal libretto si vedono alcuni impianti ideologici eversivi del complotto capitalista per espropriare la concorrenza con il trucco del comunismo:

“Formazione del proletario in classe, rovina della signoria borghese, conquista del potere politico da parte del proletariato”.

Il giovane scioperato con istruzione magistrale non comprende il significato di quelle proposizioni ma il trucco per soggiogare le masse sta proprio nell’intrattenerle con slogan incomprensibili e senza senso. Bisogna fare solo una variazione rispetto alle oscure e indecifrabili considerazioni attribuite a Karl Marx, dipendente diretto della casata dei Rothschild, sostituire il proletariato della fabbrica con il proletariato contadino. Se non riesce la prima idea, portare i contadini nelle fabbriche e lasciar marcire i raccolti, già insufficienti per sfamare mezzo miliardo di persone. Con la fame si convinceranno.

Nel 1920 Mao Zedong torna a Changsha e fonda il “Gruppo per lo studio degli affari Russi”. Organizza gruppi marxisti e comunisti. Nel 1921 partecipa in qualità di delegato al Congresso del Partito Comunista Cinese. In ottobre diventa segretario del comitato del Huna;, anziché spolverare libri, inizia a mettere a posto le carte; nel 1922, in settembre, non riuscendo a trovare cose utili da fare, assieme a Liu Shaoqi, organizza lo sciopero dei minatori di Anyuan; in novembre viene eletto presidente dell’Associazione dei sindacati dello Hunan. Nel 1923 Zao Hengti ordina l’arresto di Mao che se ne frega bellamente di Zao (poi, “zao!” pronunciato così può significare “stronzo!”) e  fugge via, abbandona lo Hunan senza fare le valigie. In maggio lavora alla direzione del PPC a Shanghai e in giugno partecipa al Congresso del PPC a Canton; essendo un giovane alla moda, viene eletto nel comitato centrale.

Nel 1925 riprova a infastidire i latifondisti dello Hunan e riesce a farli inalberare organizzando il movimento dei contadini dello Hunan (appunto); per sfuggire alle truppe di Zao Hengti, se ne riscappa a Canton. In agosto del 1926 torna per la terza volta nello Hunan per guidare il movimento contadino, evidentemente erano gli unici che gli davano retta. Nel 1927 iniziano a venire alle mani: in marzo pubblica una novella bucolica dal titolo: “Rapporto dell’inchiesta sul movimento contadino di Hunan”, in aprile partecipa al congresso del PPC a Wuhan, in agosto guida “l’insurrezione del raccolto di autunno” – fatta in agosto altrimenti in autunno che raccogli? – in settembre viene arrestato ma riesce a fuggire, con l’aiuto non si sa di chi; organizza allora una piccola associazione sovversiva, un piccolo esercito partigiano, e stabilisce una base rivoluzionaria sul Jing Gang Shan, in cima alle montagne. Diciamo pure che la rivolta del raccolto autunnale fu molto sfortunata e che, se non fosse per l’aiuto di qualche santo, Mao non sarebbe andata a raccontarla in giro. Mao Zedong riuscì molto fortunosamente a fuggire alle guardie che lo stavano portando ad essere giustiziato e assieme alla sua malridotta banda di guerriglieri si rifugio’ sulle montagne del Jing Gang. Non altrettanto fortunata la sua seconda moglie, Yang Kai Hui, che , come si diceva, è fatta a pezzettini dalle forze regolari del Kuomintang. Nel 1928 Zhu De si unisce a Mao sul Jing Gang Shan; viene costituita la quarta armata rossa, anche se nei fatti era una banda di guerriglieri abbarbicati sulle montagne poco armati e male equipaggiati. In ottobre, disponendo di tempo da perdere, scrive un’altra opera, da ricordare perché la scrisse proprio lui, ma nessuno la leggerà mai: “perché può esistere in Cina il potere rosso”. Poi in Novembre scrive: “la lotta sul Jing Gang Shan” e il saggio purtroppo rimasto inedito: “Come trovare le bacche sotto la neve del Jing Gan Shan per sfamare i soldati della quarta armata”. Nel 1929 la banda di Mao e quella di Zhu, probabilmente ricaricati da qualche sponsor rosso del nord, scende a valle, invade il Jangxi meridionale e il Fujian occidentale. Si affacciano i primi problemi di accordo sulla strategia e Mao pensa sempre di saperla più lunga degli altri compagni di lotta, tanto è vero che scrive un rapporto che presenta alla conferenza di Kutian dal titolo: “Come correggere le idee errate del partito”. Appena visto che dava i numeri, i dirigenti di partito lo rimuovono dalla carica e lo sostituiscono con alcuni individui più direttamente in linea con la politica dei Bolscevichi di Mosca, e fra questi il benamato Zhou Enlai.

Frammenti sulla Cina comunista contemporanea
Il governo cinese sembra mostrare grande sobrietà e astuzia tattica nei passati 29 anni di rivoluzione economica. Tanta sobrietà ed astuzia da generare uno sviluppo economico senza precedenti storici al mondo e da determinare il grande distacco numerico da tutti gli altri paesi asiatici, compreso il Giappone. Tuttavia, con le olimpiadi si presentano eventi imprevisti che mettono in gravissimo imbarazzo il Governo di Pechino perché, da marzo in poi, si trovano addosso gli occhi di tutto il mondo, con televisioni e cartaccia stampata a dedicare attenzione ai fatti che normalmente si gestiscono in casa e a porte sempre molto ben’ chiuse. Il governo cinese, in questo caso riflettendo a pieno l’animo dei suoi cittadini, è assolutamente interessato ad apparire benvisto agli occhi stranieri del mondo. Le apparenze contano tantissimo nella mentalità del compresso cervello cinese e figuriamoci in quella delle cosiddette “étile al potere”; una buona immagine proiettata all’esterno, assieme alla garanzie di sicurezza e stabilità sociale offerta dal manganello, attirano i capitali stranieri. L’attrazione di flussi di capitale straniero è uno dei tre parametri fondamentali che hanno basato tutta la politica riformista e i grandi successi economici delle politiche attribuite al successore di Mao, Deng Xiaoping. Ma i capitali stranieri non sono stati attirati dal basso costo della mano d’opera e dalla stabilità sociale quanto da una politica fiscale particolarmente vantaggiosa per loro. La peculiarità della situazione cinese, vale a dire ciò che rende la Cina il paese ove sia più vantaggioso investire rispetto al resto dell’Asia e del mondo, è la politica fiscale di prima del 2008, oltre alla stabilità politica e sociale di un regime liberissimo e però anche durissimo, che ammazza quasi 5000 cittadini all’anno solo secondo le stime ufficiali delle esecuzioni capitali. La stabilità si ottiene mantenendo un sistema mono-partitico, dove il concetto di libertà, anche solo formulato teoricamente, è considerato un vizio, come l’alcol e il fumo, e divente un vizio non più tollerato quando la libertà individuale, che appare certe vole illimitata, si trasforma in attività politica, quale che sia. I vizi accorciano la vita e la rendono faticosa, possono causare malattie gravi e irreversibili.

Fino a qualche mese prima del marzo 2008, i problemi in Cina comunista si risolvevano con silenziosa e sistematica risolutezza. I soggetti malati o contaminati dal vizio della libertà politica erano fatti sparire in silenzio, senza troppi fastidi. Ma la promozione commerciale, il marketing, le fiere, le manifestazioni internazionali, hanno fatto aumentare la presenza di “osservatori” stranieri in Cina e, finalmente, l’euforia di attrarre lo straniero, l’esterofilia che mostrano i cinesi in ogni sorriso e in ogni atto di benemerenza, fanno commettere l’errore fatale di ospitare le olimpiadi e con esse tutta la propaganda falsamente contraria al sistema dell’educazione politica coercitiva. Alcuni fatti che prima passavano inosservati ora vengono alla luce con grandissima enfasi e fra questi vi sono 3 episodi di cronaca che dovrebbe destare i parassiti dei consolati italiani: la morte di due studenti italiani e il ferimento di un terzo. Il 2008 è l’anno in cui pervengono alcune testimonianze sulle tecniche di condizionamento usate nei campi di prigionia, i famigerati Laogai e i manicomi criminali, l’anno in cui BBC e CNN sono temporaneamente ripristinati (“ma comportatevi bene”) sulla terraferma cinese, ed è lo stesso anno in cui esce il libro che racconta di queste vicende intrecciate di napalm, Kalashnikov, khmer, e la iattura di un popolo che ha vissuto nella narcosi del ricordo dei sogni di gloria, delle fiabe e dei proverbi nei biscottini friabili. Il coraggio di trattare certe questioni con un’angolazione particolare non ha precedenti, anche se sono molti quelli che puntano il dito contro il governo cinese e i suoi sistemi freedom killer. Nanchino è il nome di un cotone usato per gli abiti estivi, ma è anche il nome di una città vicino alla quale esiste un centro di recupero d’igiene mentale. Ve ne sono molti altri nel nord e nel nord est della Cina Popolare. In questi centri di recupero si viene curati e portati a diventare fedeli collaboratori del governo centrale delle cosiddette “étile al potere”. Si viene recuperati con sistemi basati sul condizionamento operante, ispirati alle storiche ricerche del fisiologo russo Ivan Pavlov e richiamati, diciamo circostanziati, anche nei racconti brevi tratti da: “La Paranoia di Osvaldo”.

%d bloggers like this: